I primi 20 anni di Euro Ncap!

Un compleanno molto speciale, nel segno della sicurezza dei driver e, quindi, delle auto aziendali. Euro Ncap, l’ente europeo che si occupa di certificare il livello di safety delle vetture, spegne venti candeline.

Una ricorrenza che assume ancora maggiore rilevanza se si pensa all’importanza che, ormai, le famose stelle attribuite dall’organismo Continentale assumono per le Case auto, che abitualmente sfoggiano con vanto l’assegnazione del massimo dei voti. Le cinque stelle Euro Ncap, in altre, parole sono sinonimo di sicurezza, e la sicurezza, come sappiamo, è un aspetto primario per i Fleet Manager delle aziende.

Crash test Euro Ncap 2017

LA STORIA DI EURO NCAP

La fondazione di Euro Ncap, avvenuta con il supporto di diversi Governi europei, organizzazioni automobilistiche e dei consumatori, è avvenuta nel 1997. I primi dati rilevati dai crash test risalgono a febbraio dello stesso anno. Il compito dell’ente è sempre stato duplice: organizzare crash test sui veicoli nuovi e esprimere valutazioni realistiche e, soprattutto super partes, sulle prestazioni di sicurezza. Da allora, sono 1.800 i modelli di veicoli testati, 630 le valutazioni di sicurezza, 160 i milioni di euro investiti (dati diffusi da Euro Ncap).

APPROFONDISCI: L’AEB riduce del 38% gli incidenti: ecco come funziona il freno automatico

OBIETTIVI FUTURI

Il trend degli incidenti è tuttora una questione di assoluta rilevanza e serietà per il comparto delle quattro ruote, come abbiamo rilevato dagli ultimi dati Istat. In tal senso, il compito dell’Euro Ncap è quello di “non abbassare la guardia”. Gli obiettivi, espressi nei giorni scorsi da Michiel van Ratingen, segretario generale dell’ente, sono quelli far sì che, nel prossimo ventennio, “le strade d’Europa divengano ancora più sicure, non solo per gli occupanti degli autoveicoli ma per tutti gli utenti della strada”.

Proprio ieri vi avevamo proposto la classifica delle dieci auto più sicure del 2016 secondo Euro Ncap, graduatoria che vede al suo interno anche un modello orgoglio del Made in Italy.

Già oggi Euro Ncap mette sotto la lente di ingrandimento “molti più aspetti della sicurezza dei veicoli di quanto non facessimo nel 1997 e siamo intenzionati a proseguire in questa direzione” spiega il manager. Un esempio? A partire dal 2018, anticipa van Ratingen, “sottoporremo a test i sistemi che riconoscono ed evitano l’impatto con i ciclisti”. Inoltre, l’ente sta pianificando una “roadmap particolarmente impegnativa per il periodo 2020-2025”. Cento di questi giorni, Euro Ncap!

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia