Europcar Mobility Group Italy: dopo il lockdown la domanda torna a crescere

I brand di Europcar Mobility Group Italy annunciano segnali positivi dopo il lockdown, che ha messo a dura prova il comparto del noleggio auto a breve termine.

Che estate sarà per il settore del noleggio auto a breve termine? Se la nostra analisi delle scorse settimane testimonia l’importanza del turismo estivo domestico, Europcar Mobility Group Italy registra segnali positivi per i diversi brand con cui opera nel nostro Paese.

Europcar Mobility Group ripartenza

In particolare il marchio Europcar, dopo il lockdown che ha determinato un notevole calo delle prenotazioni in tutti i segmenti, è ormai operativo in Italia con oltre il 90% del suo network e evidenzia una crescita della domanda.

EUROPCAR: SEGNALI DI RIPARTENZA

Mettendo a confronto la prima settimana di luglio con quella successiva alla riapertura post lockdown, il numero delle prenotazioni per i noleggi in Italia si è quadruplicato.

SETTORE BUSINESS

Analizzando il settore Business, si registra una ripresa seppur con velocità diverse a seconda delle varie sottocategorie di utilizzo. Il mondo del pre-leasing e delle assistenze ha fatto segnare una netta accelerazione, tornando a livelli non lontani da quelli pre-crisi, così come il mondo delle flotte e dei noleggi mid term, che sono addirittura in crescita e che sempre più si configurano come un’alternativa flessibile e di valore.

Leggi anche: mid term, una nuova risorsa per il Rent a Car

Diverso invece lo scenario del business travel, caratterizzato da una ripresa più graduale, fortemente influenzata dall’utilizzo dello smart working (scopri qui tutti gli strumenti per lavorare da casa), che in diverse realtà si protrarrà ancora qualche mese.

noleggio a breve termine: prospettive dopo il Covid

SETTORE LEISURE

Anche il segmento leisure – il più impattato dalla crisi – sta mostrando i primi segnali confortanti. In questa fase la domanda di noleggi privati è legata all’esigenza delle persone di spostarsi in città o nelle aree extraurbane, non ancora a quella di raggiungere i luoghi di vacanza.

Segnali positivi per la domanda turistica in Italia arrivano però dal sito web della società, che vede gradualmente aumentare il numero delle visite. Paragonando infatti la prima settimana di luglio con prima del post lockdown, le sessioni di visita risultano quintuplicate.

Le ricerche si concentrano nelle regioni caratterizzate dai maggiori flussi turistici nel periodo estivo come Puglia, Sardegna e Sicilia. I visitatori sono soprattutto Italiani, ma nelle ultime settimane cresce il numero dei francesi, dei tedeschi e degli inglesi, che tornano a valutare la possibilità di una vacanza nel nostro Paese. Non a caso, le visite al sito italiano effettuate da utenti stranieri rappresentano ben il 32% del totale. Anche i dati di Google Trends sembrano indicare una possibile ripresa del turismo interno già nei mesi estivi.

Leggi anche: il punto sul noleggio a breve termine con Aniasa

UBEEQO E GOLDCAR

Positivi anche i risultati di Ubeeqo car sharing -, che nell’ultima settimana ha registrato a Milano un incremento nel numero di noleggi del 117% rispetto alla settimana di riattivazione del servizio, avvenuta l’8 maggio.

Noleggio a breve termine famiglia

Notizie di ripresa, infine, pure per Goldcarnoleggio low- cost – che oggi in Italia conta ben 10 uffici nuovamente operativi dopo la chiusura durata fino all’8 giugno. Nelle prime settimane di ripartenza, il brand registra un consistente incremento dei noleggi in Italia, quasi quadruplicati week on week.

UNA RIPRESA LENTA

Stefano Gargiulo, managing director di Europcar Mobility Group Italy si dichiara “moderatamente soddisfatto dell’andamento positivo che stiamo registrando rispetto al lungo periodo di lockdown. Ora siamo pronti a cogliere le nuove opportunità che si prospettano nel mercato della mobilità in Italia”.

“Nonostante ciò, le prenotazioni sono ancora molto al di sotto del livello raggiunto lo scorso anno nello stesso periodo. La ripresa è ancora lenta e graduale soprattutto a causa di domanda leisure fortemente influenzata dall’indecisione dei clienti e dall’elevato numero di prenotazioni last minute” conclude Gargiulo.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia