Martorelli (Top Thousand): Con “Fleet Manager on the road” diventiamo partner delle Case

Tra i più innovativi eventi per le flotte aziendali, “Fleet Manager on the road” ha dato vita a una vera e propria partnership con i Costruttori partecipanti (Jaguar-Land Rover, Citroën e DS e Iveco). A metterlo in luce è Gianfranco Martorelli, Fleet & Mobility Manager di Wind Telecomunicazioni e vicepresidente dell’Osservatorio Top Thousand, intervistato da Fleet Magazine durante la due giorni perugina.

IL COMMENTO – “È un form originale e innovativo – sottolinea riferendosi anche ai test drive divertenti proposti durante la due giorni – dove si partecipa in condivisione, con diversi partner trasversali e non sovrapponibili fra loro: una differenziazione necessaria per aiutare noi Fleet Manager a posizionare i prodotti giusti all’interno della nostra car policy”.

VIDEO: IL BILANCIO DELL’EVENTO “FLEET MANAGER ON THE ROAD” SECONDO GIANFRANCO MARTORELLI, VICEPRESIDENTE DELL’OSSERVATORIO TOP THOUSAND

PIU’ VICINI ALLE CASE – Dal canto suo, Martorelli gestisce un parco auto di circa 1.500 veicoli e, già dal 2009, l’azienda ha accorpato le funzioni di Fleet Manager e Mobility Manager, entrambe sotto la sua responsabilità. Obiettivo: “ottenere risultati maggiormente apprezzabili sia dal lato della mobilità sostenibile dei dipendenti che utilizzano mezzi privati sia da quello della flotta aziendale”. In quest’ottica, dunque, “è fondamentale il rapporto che si instaura con i Costruttori”, che in occasione di ‘Fleet Manager on the road’ hanno partecipato e organizzato l’evento.

VERSO UNA MOBILITA’ INTEGRATA – La due giorni ha stimolato anche la riflessione su quale sarà l’evoluzione del mestiere del Fleet Manager. “Si va sempre di più verso un discorso di mobilità sostenibile”, afferma in proposito Martorelli. Ecco perché uno degli obiettivi di Top Thousand e degli eventi per flotte aziendali che verranno organizzati in futuro dall’Osservatorio, è quello di “creare un punto di incontro tra le varie esigenze del mondo automotive”, ma anche quello di lavorare per “una mobilità sempre più integrata, con il coinvolgimento complessivo di tutte le funzioni”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia