13 Dicembre 2018

FCA: piani di produzione 2019-2020 a rischio con l’ecotassa

Investimenti, aumenti di produzione negli stabilimenti italiani e 13 nuovi modelli e restyling: ecco i piani del Gruppo FCA. Gli entusiasmi, però, vengono placati dalla manovra del Governo che incentiva le auto elettriche e ibride plug-in e penalizza le alimentazioni tradizionali.

Mike Manley, amministratore delegato di FCA, e Pietro Gorlier, responsabile delle attività europee, hanno annunciato le attività per il biennio 2019-2020: oltre cinque miliardi di investimenti e tredici nuovi modelli o restyling negli impianti italiani. La vera novità annunciata da Manley e Gorlier è l’arrivo della Fiat 500 elettrica, attesa per l’inizio del 2020.

Fiat 500X restyling 2019: ecco i piani di produzione di FCA

I piani annunciati con un certo entusiasmo, però, sembrano soggetti a cambiamenti radicali, a causa del bonus-malus in approvazione al Governo in questi giorni. 

FCA ANNUNCIA 13 NUOVI MODELLI O RESTYLING: ECCO 500 ELETTRICA

All’incontro con i sindacati, l’amministratore delegato Mike Manley e il responsabile delle attività europee Pietro Gorlier hanno presentato il piano delle attività per il periodo 2019-2020. 

Jeep Renegade ibrida plug-in, inizia la produzione a Melfi

Oltre agli investimenti, che ammontano a oltre 5 miliardi, il Gruppo FCA si è posto obiettivi di piena occupazione e di incremento della produzione, tanto da aver annunciato 13 nuovi modelli o restyling negli impianti italiani.

Leggi anche: gamma Jeep 2019

“Partiremo nei prossimi mesi con un piano di formazione del personale incentrato proprio sulle tecnologie ibride ed elettriche. Sono convinto che insieme a tutti i nostri lavoratori saremo in grado di raggiungere i traguardi che ci siamo prefissati”

Pietro Gorlier, responsabile delle attività europee di FCA

FIAT 500 ELETTRICA E LA PRODUZIONE NEGLI STABILIMENTI ITALIANI

Tra le novità e i vari restyling previsti entro la fine del 2020, l’amministratore delegato Mike Manley e il responsabile delle attività europee Pietro Gorlier hanno annunciato l’inizio di produzione di Fiat 500 elettrica, che arriverà sul mercato nel primo trimestre del 2020.

Continua la produzione di Fiat Panda nello stabilimento FCA di Pomigliano

Inoltre, entro i prossimi tre anni, inizierà la produzione del nuovo suv medio del marchio Maserati nello stabilimento FCA di Cassino. L’altra ottima notizia, soprattutto per gli operai italiani, è rappresentata dall’annuncio di nuove linee produttive in alcuni importanti stabilimenti dello stivale.

  • Stabilimento FCA di Pomigliano: sarà prodotto il nuovo suv compatto di Alfa Romeo e continuerà la produzione di Fiat Panda.
  • Stabilimento FCA di Melfi: oltre all’attuale produzione di 500X e Jeep Renegade, inizierà la produzione di Jeep Renegade ibrida plug-in e Jeep Compass.
  • Stabilimento FCA di Termoli: partirà una nuova linea produttiva per la creazione e realizzazione dei motori benzina Fire Fly 1.000, 1.300, turbo, aspirati e ibridi.

Leggi anche: il nostro Test Drive di Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio

ECOBONUS: I PIANI DI INVESTIMENTO DI FCA SONO A RISCHIO 

Dopo aver declinato l’invito del presidente del Consiglio Regionale del Piemonte per parlare dei piani di investimento della regione, Manley e Gorlier hanno espresso il loro disappunto nei confronti del bonus-malus che, a conti fatti, comporterebbe grandi ripercussioni sui piani di investimento del Gruppo FCA.

Approfindisci: manovra 2019, bonus-malus sulle emissioni CO2

L’ecotassa, o ecobonus, se da un lato premia l’acquisto di auto elettriche e ibride plug-in, dall’altro va a penalizzare notevolmente l’acquisto di veicoli ad alimentazione tradizionale, con imposte fino a 3.000 euro per emissioni CO2 superiori ai 250 g/km.

Leggi anche: Motus-E all’incontro col Governo, le proposte per lo sviluppo della mobilità elettrica

La lettera dei vertici di FCA mette in luce un chiaro disappunto nei confronti della manovra, già emerso all’incontro presso il Mise: “È un fatto certo che il sistema di bonus-malus, qualora attuato secondo l’impianto approvato in prima lettura alla Camera, inciderà significativamente sulla dinamica del mercato”, spiega la missiva.

La manovra del Governo sull'ecobonus mette a rischio gli investimenti di FCA: Fiat Panda è la più soggetta a tassazione

Se la proposta diventerà legge, quindi, le auto acquistate dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2021 saranno scontate fino a un massimo di 6.000 euro per emissioni CO2 inferiori ai 90 g/km. Al contrario, tutti i veicoli con emissioni CO2 superiori ai 110 g/km sono divisi in 9 categorie su cui grava un’imposta progressiva da 150 a 3.000 euro a carico dell’acquirente.

In concreto, Fiat Panda (l’auto più venduta in Italia) sarà soggetta a un minimo di 300 euro di tassa.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia