La Fiat 500 elettrica che avremmo visto al Salone di Ginevra 2020

La 500 elettrica era una delle novità più attese al Salone di Ginevra 2020. Ecco le immagini della prima auto totalmente elettrica costruita da Fca in Europa.

Tutta l’attenzione è sulla nuova Fiat 500 Elettrica. L’attesa citycar a zero emissioni doveva debuttare in anteprima mondiale proprio al Salone di Ginevra 2020. La chiusura del Salone ha costretto a una veloce rioprganizzazione: l’unveiling è a Milano il 4 marzo, affidato al presidente Fiat Olivier François:

“Abbiamo elettrificato uno dei veicoli più popolari e amati”, ha commentato il presidente Fiat nel corso della sua presentazione, una passeggiata a Milano che si conclude con un appuntamento a Torino, dove la nuova 500 verrà prodotta. Si chiama “la Prima” ed è la terza generazione di un’icona, non un’altra city car, ma la prima auto elettrica del suo segmento con un livello 2 di guida autonoma.

FIAT AL SALONE DI GINEVRA 2020

FIAT 500 ELETTRICA

Finalmente vediamo la 500 elettrica girare per le strade di Milano, nel corso di questa particolare presentazione. Dalle prime immagini si nota che il design non stravolge l’auto di culto lanciata 63 anni fa. La scommessa è, ancora una volta, portare un cambiamento nelle nostre abitudini di mobilità, con la prima auto totalmente elettrica costruita da Fca in Europa.

Dopo l’unveiling il 4 marzo a Milano, la nuova 500 arriverà sul mercato europeo nel secondo semestre del 2020 e sarà protagonista di un evento speciale fissato per il prossimo 4 luglio, in concomitanza con il compleanno della 500.

La nuova 500 elettrica sarà prodotta a Mirafiori su di una nuova piattaforma studiata per i modelli elettrificati, più lunga e larga di 6 cm (363 e 170 cm), con un passo accresciuto di 2. Il motore ha 118 CV ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 42 kWh alloggiata nel pianale. L’autonomia media è di 320 km (ciclo Wltp) e va da 0 a 100 in 9 secondi.

Vintage ma dalle linee ringiovanite e aggiornate: i tondeggianti gruppi ottici anteriori sono tagliati da una banda collegata alla linea di cintura che diventa un filetto cromato che attraversa la carrozzeria. Il frontale è  ridisegnato con la scritta “500” (che fa marchio a sé) con i “baffi” caratteristici della 500 di tutte le epoche. Innovative anche le maniglie incassate a filo con la carrozzeria.

Di stile è anche il suono obbligatorio (Avas) che l’auto deve emettere fino a 20 km/h: per 500 è una riproduzione della musica di Amarcord di Nino Rota.

Le linee richiamano gradevolmente il passato, ma la tecnologia è moderna: la guida autonoma è  di livello 2 (il massimo consentito dalla legge). La sfida, come ha sottilineato François, è portare la guida autonoma in città, dove servirebbe di più ma è più difficile da applicare. La nuova 500 vede il debutto del sistema multimediale Uconnect 5: basato su Android, gestisce Apple CarPlay e Android Auto anche senza fili, si può aggiornare via web, dispone di comandi vocali evoluti e consente la gestione dal cellulare di svariate funzioni.

La Prima (cabriolet)

La prima a essere presentata è stata la versione cabriolet, che diventa l’unica elettrica scoperta in listino. La cabrio è già ordinabile in un allestimento speciale full optional denominato “La Prima“, a 37.900 euro. Oltre alle ricche dotazioni tecnologiche già descritte prevede fari full led, rivestimenti in ecopelle, cerchi in lega di 17’’ e inserti dedicati all’interno e all’esterno.

Le tre serie speciali

Le tre 500 arrivate a sorpresa in Piazza Duomo sono serie speciali firmate Bulgari, Kartell e Armani. Una collaborazione con tre grossi marchi dello stile, che hanno dato ognuno la propria impronta. La Fiat 500 elettrica by Bulgari è arancione con loghi 500 dorati: all’interno e rivestimenti multicolore per la plancia. La Fiat 500 Kartell, ha una verniciatura viola cromato con cerchi a quattro razze e un inserto per la plancia intrecciato, mentre la Fiat 500 Giorgio Armani abbina carrozzeria e cerchi che riprendono le iniziali dello stilista.

Leonardo DiCaprio, conosciuto per il suo attivismo green, ha abbracciato il progetto della Nuova Fiat 500, diventando endorser della vision della nuova city car elettrica.

Da ricordare che una 500 elettrica c’è già stata, ma solo negli Stati Uniti, dove ha avuto un discreto successo ma ormai è fuori produzione, destinata a essere sostituita dal nuovo modello.

PANDA E 500 HYBRID

A Ginevra erano attese anche le nuove Fiat Panda e Fiat 500 ibride.  Le due citycar sono equipaggiate con la nuova tecnologia mild hybrid a benzina.

Nuova Fiat 500 ibrida e nuova Fiat Panda ibrida 2020 con sistema mild hybrid

Il motore elettrico della Fiat 500 e Panda Hybrid ha una potenza di 3,6 kW/4,9 CV, lavora a 12 Volt. Il sistema permette di recuperare energia in frenata o decelerazione, immagazzinarla in una batteria agli ioni di litio da 11 Ah (0,13 kWh) e sfruttarla, con una potenza di picco di 3,6 kW, per riavviare il motore termico, dopo uno stop in marcia, e assisterlo in fase di accelerazione.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia