Fiat Group Automobiles: un’offerta sempre più… “Large”

Gennaio 2013 – La conferma di Alfa Romeo Giulietta e Fiat Freemont e l’arrivo della 500L: questi i due aspetti che hanno segnato in maniera positiva il 2012 di Fiat Group Automobiles. Aspetti destinati a rimanere i principali punti di forza del costruttore nazionale anche nell’anno appena iniziato. “Le nostre performance sul mercato del noleggio a lungo termine nei primi nove mesi del 2012 – conferma Christophe Bertoncini, Fleet&Used Cars Director EMEA di FGA- sono state in linea con il risultato dell’anno precedente, un dato che riteniamo positivo poiché inserito in un contesto molto turbolento. Per il 2013, l’azienda conferma i target del 2012, che costituiscono un traguardo ambizioso dato l’attuale scenario di incertezza”.

LA GAMMA –
Il comparto Fleet sarà sempre più strategico per i marchi del Lingotto. “Per FGA, il B2B è sempre stato un canale importante – prosegue Bertoncini -. Oggi la strategia sul mercato delle flotte è quella di mantenere e, soprattutto, sviluppare una partnership sempre più stretta con i clienti, anche grazie a una struttura dedicata che opera nel settore con successo da molti anni.  A questo si abbina l’offerta attuale del Gruppo Fiat alle aziende, con una gamma composta da ben 25 modelli di passenger car, che consentono di coprire oltre l’80% della domanda totale del mercato, e da 7 veicoli commerciali, che garantiscono la copertura al 100% nella fascia fino a due tonnellate di portata utile”.

IL MODELLO – La 500L sarà la grande protagonista del 2013. “Questi, in sintesi, sono gli aspetti del modello apprezzati dal mondo flotte – elenca Bertoncini -: l’italianità, l’eleganza, la prestigiosa ‘heritage’, in quanto incarna perfettamente il Dna di 500, e la gestione intelligente degli spazi (5 posti comodi, 400 litri di bagagliaio, versatilità nelle molteplici configurazioni possibili, compattezza nei suoi 4,15 m di lunghezza). Proprio lo spazio, la flessibilità e i contenuti innovativi la rendono adatta a soddisfare diverse esigenze di mobilità, non solo delle famiglie ma anche di chi utilizza l’auto come strumento di lavoro”.

(Il servizio approfondito è disponibile sul numero di febbraio di Fleet Magazine)

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia