Audi A3 Sporback e-tron, la nostra analisi

Le flotte aziendali saranno sempre più green: merito dei modelli che le Case, comprese quelle “premium”, lanceranno sul mercato nei prossimi mesi. Tra questi, spicca la Audi A3 Sportback e-tron, che abbiamo analizzato per voi “Ai raggi X” in anteprima assoluta.

DINAMICA E GUSTOSA – La forza delle Audi è notoriamente l’equilibrio. La cura costruttiva, la precisione di guida, la solidità dei comandi, la fluidità di marcia abbinata ad una costante sensazione di controllo. Ed è su queste basi che la Audi A3 Sportback e-tron, a beneficio delle flotte aziendali green,  gioca la carta dell’ibrido, che aggiunge a doti atletiche di un certo livello. Per la massa di questa Sportback (1.540 kg, non molti considerando i due motori e le batterie) i 204 Cv sviluppati dal sistema di propulsione combinato benzina-elettrico rendono la dinamica piuttosto divertente.

LE PRESTAZIONI – Lo scatto da fermo della ibrida plug-in di casa Audi, per esempio è notevole: il classico 0-100 Km viene coperto in 7,6 secondi. Sulla velocità ci si può anche non esprimere, un po’ perché chi usa l’auto per lavoro è costantemente tenuto a bada dai Tutor, un po’ perché scatenando tutti i cavalli per raggiungere i 222 Km/h di punta massima non sarà facile ottenere medie di consumo da record. Restando più tranquilli, invece, i dati risultanti dai cicli di omologazione sono strepitosi: in base alla norma ECE per i veicoli ibridi plug-in, il consumo della A3 Sportback e-tron non supera gli 1,5 litri di carburante ogni 100 chilometri e le emissioni si attestano a 35 g/km.

TECNICA PREMIUM – I vantaggi della propulsione ibrida in abbinamento al cambio automatico a doppia frizione consistono nella possibilità di sfruttare la coppia dei motori in modo esemplare: l’unità 1.4 TFSI, che eroga 250 Nm di coppia massima (costantemente) tra 1.600 e 3.500 giri, si sincronizza perfettamente con il motore elettrico, che sviluppa 330 Nm praticamente da subito, mantenendoli costanti fino a circa 2.200 giri. Il gruppo costituito da motore elettrico più frizione è integrato nel nuovo S tronic a sei rapporti, del quale si conferma la ormai “proverbiale” rapidità di cambiata: il passaggio delle marce avviene con alternanza delle frizioni e impiega pochi centesimi di secondo. La trazione della A3 Sportback e-tron è anteriore.

BATTERIE E TECNOLOGIA – Per quanto riguarda le batterie, la capacità è di 8,8 kWh e sono a ioni di litio, raffreddate a liquido. Si possono ricaricare, in sosta, tramite un connettore che si aggancia al dock di ricarica posizionato dietro la mascherina anteriore. Molto sfiziosi, poi, i servizi e-tron Audi connect, ideati per impartire comandi a distanza, usando uno smartphone, tra i quali spiccano la gestione della ricarica stessa e il controllo della climatizzazione. Tutto molto “hi-tech”.

(Il servizio completo sulla Audi A3 Sportback e-tron sarà pubblicato sul numero di settembre di Fleet Magazine) 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia