29 Aprile 2015

Land Rover, motori Ingenium anche su Discovery Sport

Una notizia importante per le flotte aziendali in casa Land Rover: il marchio premium britannico ha annunciato che il propulsore diesel Ingenium, presentato per la prima volta su Jaguar XE, equipaggerà anche la Discovery Sport. Dopo l’arrivo sul mercato italiano, dunque, il Suv compatto incrementerà ulteriormente le sue prestazioni e ridurrà i consumi.

Il quattro cilindri Ingenium diesel da 2.0 litri, che equipaggerà anche la nuova Jaguar XE, in arrivo in Italia a giugno, presenta notevoli valori di coppia e potenza a beneficio delle flotte aziendali, consumi ed emissioni di CO2 ridotti.L’Ingenium della Discovery Sport, con struttura in alluminio e a norma Euro 6, sarà disponibile in versione da 150 o 180 Cv con valori di consumo che giungono a 4,9 l/100 km ed emissioni di CO2 a partire da 129 g/km. Il potente 180 Cv consente una velocità massima di 188 km/h ed un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 8,9 secondi.

Gli intervalli di manutenzione del motore Ingenium passano da 25.000 a 33.000 km, riducendo l’incidenza dei costi di gestione sull’intero ciclo di vita del veicolo. Per offrire ai clienti una scelta sempre più ampia, la Discovery Sport è disponibile anche con un propulsore quattro cilindri a benzina turbocompresso. I nuovi propulsori Ingenium sono prodotti nel Regno Unito, presso il nuovo Centro Produzione Motori da 500milioni di sterline nelle West Midlands, dal quale ne usciranno, ogni anno, 450.000 unità.

La Discovery Sport, che ha ufficialmente debuttato nell’autunno scorso all’ultimo Salone di Parigi – la world premiére è avvenuta durante uno spettacolare evento sulle rive della Senna – vanta numerose caratteristiche di sicurezza all’avanguardia. Qualche esempio? Il primo Airbag per pedoni, la Frenata Autonoma d’Emergenza, oltre ad una gamma di dispositivi di assistenza alla guida, tanto per citare i più importanti. Tutto ciò le ha consentito di conquistare nelle settimane scorse le cinque stelle Euro NCAP.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia