4 Novembre 2016

Un’auto del domani, disponibile già oggi: è la nuova Audi Q2

Perno di un’azione commerciale attraverso cui Audi punta a rafforzare ulteriormente la propria posizione sul mercato con riferimento tanto alla clientela privata quanto al settore flotte, la nuova arrivata nella gamma Q del brand – parliamo ovviamente di nuova Audi Q2 – è un auto di oggi, ma che guarda già al futuro.

Caratterizzata da un design e da un’architettura degli spazi innovativi, porta a sintesi compiuta i diretti opposti, combinando compattezza e grande abitabilità.

La versione Business della nuova Audi Q2, che figura nel quadro degli allestimenti (gli altri sono Sport e Design), offre una serie di equipaggiamenti che non possono mancare quando si utilizza il proprio mezzo di trasporto per soddisfare esigenze professionali.

NUOVA AUDI Q2: “PIÙ DI UN SEMPLICE VEICOLO”

L’obiettivo ascritto al SUV urbano della Casa di Ingolstadt è duplice: da un lato, appunto, rappresentare un punto di riferimento imprescindibile per il mondo delle flotte aziendali; dall’altro, mantenersi entro il solco sin qui tracciato, seguitando a proporre prodotti d’eccellenza a una clientela che inevitabilmente si sta facendo ogni giorno più esigente.

“Flessibilità” è una delle parole chiave associate al recentissimo ingresso per il Marchio dei Quattro Anelli. “Con Q2 abbiamo voluto proporre un modello che potesse rispondere con efficacia alle più diverse necessità – ha chiarito il responsabile Flotte del brand, Alberto Cestaro -. La principale caratteristica di quest’auto risiede, non a caso, nel suo riuscire a essere qualcosa di più di un semplice veicolo”.

Le dianzi ricordate versioni Sport e Design sono state inserite a listino, ha aggiunto, “per evidenziare specifiche particolarità – che costituiscono il DNA del modello -, quali il piacere e il comfort di guida, le prestazioni d’eccellenza, e, non ultimo, l’estetica, con dodici colori carrozzeria, tra i quali spiccano, per originalità e raffinatezza, il bianco ibis, il nero brillante, il giallo vegas e il grigio quantum”.

TECNOLOGIA “ECO” PER IL SUV DEI QUATTRO ANELLI

tecnologia-interni-nuova-audi-q2.jpg
Le dotazioni inserite nella plancia dell’Audi Q2

La sofisticazione introdotta sull’autovettura tedesca si traduce, oltre che in un sistema infointament concepito come soluzione modulare, nella particolare cura applicata alla connettività del mezzo. “In un mondo sempre più connesso – ha ripreso Cestaro -, nuova Audi Q2 dialogherà senza difficoltà con ogni genere di dispositivo, riceverà e trasmetterà informazioni, sarà in tutto e per tutto integrata con il proprio ambiente di riferimento“.

Tecnologico, ma anche attento al dato ecosostenibile, il SUV dei Quattro Anelli sta denotando un ottimo equilibrio tra comportamento su strada, riduzione dei consumi e, di conseguenza, calo delle emissioni inquinanti.

Una caratteristica ascrivibile all’intera gamma dei motori benzina e diesel, anche se il consiglio di Cestaro ai fleet manager, che tendono a voler inserire nella stessa equazione velocità, affidabilità e risparmio, è di guardare specificatamente al propulsore turbo 1.6 da 116 CV alimentato a gasolio (come “valida alternativa” viene indicato il tre cilindri benzina, sempre da 116 CV).

PENSATO PER UN “AMPIO PORTAFOGLIO DI CLIENTI”

Soluzione adatta alle esigenze delle aziende medio-grandi, ma concettualmente aperto anche a quelle di dimensioni più contenute e alle Partite IVA, Audi Q2 è accompagnato, in questa fase di lancio, da previsioni ottimistiche per quanto riguarda sia il TCO e sia il valore residuo.

“Per quanto sia troppo presto, adesso, per qualsiasi riflessione su questo tema, se consideriamo che il TCO è legato in massima parte al posizionamento sul mercato, ai suoi costi di gestione e a un valore residuo elevato, siamo già in grado di anticipare che quello di Q2 non farà eccezione rispetto all’ottimo andamento degli altri modelli Audi. Ci sono anzi buone probabilità che quest’auto ci riservi qualche sorpresa positiva”.

Possibili elementi di novità sono attesi anche sul fronte della clientela, a partire dalla convinzione, espressa da Cestaro, “di poter soddisfare”, con il nuovo modello, “un ampio portafoglio di utenti. Saprà conquistare spazio anche in un settore in così forte divenire qual è quello dei professionisti. Un comparto che è da sempre un bacino di grande interesse sia per le case costruttrici e sia per le società di noleggio a breve, ma, soprattutto, a lungo termine”.

(Per leggere l’intervista integrale ad Alberto Cestaro di Audi si rimanda al numero di novembre di “Fleet Magazine”)

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia