Ford Kuga Hybrid, full di elettrificazione e spazio

Kuga gioca a tutto campo e, dopo il mild-hybrid e l’ibrido plug-in, va sul mercato un full hybrid dall’elevata efficienza per emissioni di CO2 e consumi.

Dalla “prima volta” con Mondeo a un programma di ampliamento – supportato da investimenti complessivi per 11 miliardi di dollari – che all’elettrificazione guarda da ogni prospettiva possibile e concretamente sviluppabile sul mercato.

Ford Kuga Fuul Hybrid

Ford Kuga Hybrid è uno dei 18 modelli elettrificati che la casa dell’Ovale Blu lancerà entro il 2021 su strada. Debutta con la tecnologia full hybrid dopo aver rivelato il volto ibrido plug-in, col quale condivide l’efficienza della componente termica e si differenzia per la capacità del pacco batteria.

A sfogliare la gamma del suv compatto – best in class per spazio disponibile nel bagagliaio – svetta un dato su tutti: che siano le motorizzazioni benzina o diesel, come le soluzioni mild-hybrid, le emissioni di Co2 si posizionano su valori particolarmente bassi per un suv che nel segmento C va a occupare una “fascia alta”, per abitabilità interna.

Ford Kuga Fuul Hybrid dinamica

Baricentrico tra mild e plug-in

In quest’ottica, il plug-in hybrid e il full hybrid accelerano sull’abbattimento delle emissioni. La proposta Ford Kuga Hybrid libera dalla necessità di dover ricaricare il pacco batterie – pure in tempi compatibili con una pianificazione notturna – per sfruttare appieno la logica di un plug-in hybrid e realizzare valori ottimali di consumo e di Co2 emessa.

Leggi Anche: come sfruttare la motorizzazione Mild Hybrid

Al tempo stesso, moltiplica a dismisura quello che è il supporto delle soluzioni mild, con starter-generatore d’energia a supportare il motore termico. L’elettronica modula di continuo l’apporto del motore di trazione e di quello termico sulla linea di trasmissione.

Grande motore e grande efficienza

Dalla prima applicazione su Mondeo Hybrid, lo sviluppo condotto dai tecnici Ford ha portato all’abbinamento della componente elettrica a un motore benzina aspirato da 2.5 litri, un quattro cilindri a Ciclo Atkinson solo all’apparenza un cuore di cilindrata importante.

Svetta per efficienza a dispetto della cubatura, poiché è in grado di variare il rapporto di compressione – intervenendo l’elettronica sull’apertura delle valvole – e operare in condizioni ottimali congiuntamente al sistema eCVT di trasmissione, composto da due motori elettrici integrati nel Ford Powersplit, l’elemento epicicloidale che realizza la sinergia tra motore termico ed elettrico.

Ford Kuga Fuul Hybrid frontale

C’è la potenza che serve a muovere con agilità un suv pensato per un turismo di livello ed ecologico, accompagnata dalle “chiavi della città” che sono nei vantaggi riconosciuti alle auto ibride nell’accesso nelle aree urbane. I 190 cavalli costituiscono una riserva di vivacità più che adeguata in rapporto al profilo della nuova Kuga, un progetto moderno a partire dall’architettura, la C2 di ultima generazione. La possibilità, poi, di simulare l’effetto del cambio marcia avvicina il full hybrid a un’esperienza di guida da modello con un vero cambio meccanico.

Le credenziali “green” della versione Hybrid sono nei numeri, nei 5,1 lt di benzina richiesti per coprire 100 km, dato rilevato nel ciclo NEDC come i 118 g/km di emissioni di Co2 (5,5 l/100km e 125 g/km WLTP).

1,1 kWh e il supporto elettrico è permanente

Il funzionamento del sistema full hybrid esalta il recupero dell’energia altrimenti dispersa durante la marcia, che sia nei frangenti di rallentamento o di frenata, fino alle condizioni di guida nelle quali è il motogeneratore stesso a operare per incrementare la carica del pacco batteria, un accumulatore agli ioni di litio, compatto e leggero, da 1,1 kWh.

Nessuno come lui

Compattezza che gioca a favore della disponibilità di spazio nel bagagliaio, con 645 litri di volume complessivo – in configurazione 5 posti -, dato che distanzia di 30 litri il miglior suv rivale.
Alla specializzazione “ecologica”, il Ford Kuga Hybrid sa affiancare anche la soluzione che non disdegna l’impiego su fondi sterrati, con la possibilità di scegliere la trazione quattro ruote motrici.

Ford Kuga Fuul Hybrid plancia

Elettrificazione integrata in un corredo tecnologico, tra sistemi Adas e funzioni connesse, che nuova Kuga ha introdotto con l’ultima generazione. Dal Ford Co-Pilot per l’assistenza avanzata durante la guida – cruise adattivo intelligente con stop&go, mantenimento attivo di corsia, assistente alle manovre di aggiramento di un ostacolo, per dire dei principali – al SYNC 3, infotainment connesso con la app FordPass per smartphone, dalla quale poter controllare l’auto ad esempio per ottenere info sullo status del veicolo.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia