Formula E, DS Techeetah e Vergne più vicini al titolo

La vittoria nel round di Berna segna un importante colpo in ottica iridata, con ancora due Prix da disputare. Jaguar e Nissan sul podio di un ePrix caratterizzato dall'ingorgo in partenza e dalla pioggia nel finale

È un conto alla rovescia che, dopo l’ePrix di Berna, segna un meno 2, al quale DS Techeetah e Jean Eric Vergne si presentano da leader.

ePRIX DI BERNA

Classifica Piloti Formula E
© LAT/Formula E

Il pilota francese mette a segno un colpo importante in Svizzera. Imprendibile in qualifica, gestore in gara. Solo Jaguar, con Mitch Evans, trova la forma buona per mettere pressione al team franco-cinese. Tenere alta l’attenzione, mai una vera minaccia. Berna dalla tracciatura particolare, saliscendi strettissimi, chicane ancor di più, che, insieme allo scroscio di pioggia caduto nel finale, a 3’ dal termine, regalano le poche emozioni vissute nella terzultima gara di Formula E.

DUE PARTENZE DOPO L’INCIDENTE AL VIA

Dopo un minuto o poco più di gara è già bandiera rossa. Metà schieramento resta bloccato, incolonnato nemmeno fosse in autostrada. Davanti, la Mahindra di Wehrlein è stata tamponata da Guenther su Geox Racing. Non si passa alla strettissima variante. Chi può, segue la via di fuga, taglia la chicane e prosegue.

Audi Di Grassi ePrix Berna 2019
© LAT/Formula E

Se ne avvantaggeranno i piloti partiti dalle retrovie, tra i quali Lucas Di Grassi. Avrebbe dovuto lottare con Vergne, primo e secondo del campionato Piloti. Invece no, la qualifica di Audi Sport va male con il pilota brasiliano – meglio fa Daniel Abt, 7° -, costretto a partire 18°. Si riparte tutti nell’ordine del primo via, perché la bandiera rossa è intervenuta prima che Vergne, al comando, completasse il giro.

Polemiche e tempo extra per riposizionare le monoposto nelle piazzole corrette.

GLI HIGHLIGHTS DELLA CORSA

La safety car dà il secondo start, lanciato, per evitare il bis dello sbarramento alla prima curva. L’unico a non ripartire è Robin Frijns, la Envision Virgin motorizzata Audi sbatte, tamponata in frenata dalla Mahindra di D’Ambrosio. Gara finita per l’olandese.

Chi prosegue, deve fare i conti con un circuito angusto e sul quale è difficilissimo provare manovre di sorpasso. Meriti da riconoscere a Sam Bird, che attacca all’esterno la Geox Racing di Max Guenther, ottimo protagonista della qualifica.

Wehrlein cede la posizione a Bird, causa problema tecnico che lo costringe al ritiro. Lotterer è un altro che rimonta posizioni, dall’ottava scala fino alla quarta, con sorpassi concentrati nella seconda metà di gara. Pagherà, con un drive through convertito in penalità cronometrica di 22”, l’essere uscito dalla pitlane con ancora il semaforo rosso. Da quarto in pista si ritrova 14° a penalizzazione applicata.

VERGNE CONTROLLA EVANS

ePrix Berna Formula E
© LAT/Formula E

Vergne e Evans corrono appaiati, nessun sussulto se non i continui tentativi di trovare lo spunto (e lo spazio) necessari per attaccare DS Techeetah. Jaguar deve accontentarsi del secondo posto, completato dal risultato a punti di Alex Lynn, 7°.

In casa Nissan, Sebastien Buemi giocava in casa. Fa terzo, buon risultato, a contenere un Lotterer rimontante nel finale con pista bagnata.

L’ORDINE D’ARRIVO

Ordine arrivo ePrix Berna 2019
© LAT/Formula E

1. Vergne

DS Techeetah

1h25’26”873

2. Evans

Jaguar

+0”1

3. Buemi

Nissan

+0”7

4. Bird

Envision Virgin

+2”9

5. Guenther

Geox Dragon

+4”6

6. Abt

Audi Sport

+6”9

7. Lynn

Jaguar

+9”9

8. Massa

Venturi

+12”3

9. Di Grassi

Audi Sport

+13”0

10. Vandoorne

HWA Racelabs

+13”3

11. Sims

BMW

+14”7

12. Da Costa

BMW

+18”9

13. D’Ambrosio

Mahindra

+21”8

14. Lotterer

DS Techeetah

+23”1 (pen.22”)

15. Dillmann

NIO

+40”0

16. Turvey

NIO

+46”6

17. Paffett

HWA Racelabs

+1’22”5

Lopez

Geox Dragon

Rit.

Rowland

Nissan

Rit.

Wehrlein

Mahindra

Rit.

Mortara

Venturi

Rit.

Frijns

Envision Virgin

Rit.

LA CLASSIFICA PILOTI E COSTRUTTORI

Quando restano due ePrix al termine, entrambi a New York, nella doppia finale del 13 e 14 luglio, Vergne ha 130 punti, Di Grassi insegue a 98, Evans a 87.

Il campionato Costruttori vede DS Techeetah comandare con 216 punti contro i 173 di Audi Sport e i 150 di Envision Virgin.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia