La principale priorità per i Fleet Manager? E’ la sicurezza

Il futuro delle flotte aziendali sarà caratterizzato da una priorità principale: l’aspetto della sicurezza. L’incolumità dei driver è l’obiettivo principale dei Fleet Manager da qui ai prossimi dodici mesi. Un segnale molto chiaro, che si aggiunge a uno spiccato (anche se cauto) ottimismo per il futuro. Questi concetti emergono con forza da “Flotte aziendali 2016“, lo studio promosso dall’Osservatorio Top Thousand per scoprire quali sono i principali trend dei grandi parchi auto. La survey ha preso in considerazione una flotta campione di oltre 31.000 veicoli, appartenenti a parchi auto di 20 imprese di grandi dimensioni.

futuro flotte aziendali Fleet Manager 2016

PRIORITA’: VINCE LA SICUREZZA

In vista del futuro delle flotte aziendali, era doveroso chiedere ai Fleet Manager intervistati per la ricerca quali fossero le priorità sulle loro scrivanie, nonché le criticità più comuni nell’attività di gestione della flotta che, insieme, determinano la “to do list” dei prossimi 12 mesi. Ed ecco la sicurezza apparire come argomento principe, seguita dalla soddisfazione dei dipendenti. Bassa priorità per il “downgrading” dei veicoli in flotta (per la gioia dei driver) e per la proroga dei contratti: segnale di ripresa.
Certamente, però, distaccarsi da approcci “punitivi” sui costi della flotta non significa perdere attenzione sulle opportunità di saving (spese generali e consumi di carburante in particolare). Anche grazie a una migliore gestione dei report e dei dati (una priorità per il 37% delle aziende).

REGNA L’OTTIMISMO

Interpellati sulle prospettive per il futuro delle flotte aziendali e sulle priorità in cantiere, i Fleet Manager si dichiarano moderatamente ottimisti: solo l’11% di loro pensa che il numero dei veicoli in flotta diminuirà nei prossimi 12 mesi. Il 68% invece ritiene che il parco auto resterà stabile e il 21% ne prevede un incremento. Altro segnale positivo è la stima sulle percorrenze: il 19% delle aziende si aspetta più chilometri/anno, l’81% si mantiene sulla media attuale. Nessuno dei Fleet Manager immagina di registrare percorrenze in diminuzione.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia