8 Novembre 2017

Gamma Nissan 2018: con LEAF ed e-NV200 l’elettrico è al top

In un momento in cui sono molti i costruttori che hanno annunciato di voler imboccare la strada dell’elettrico, la gamma Nissan 2018 continuerà a investire nel tratto che ha qualificato la Casa giapponese nel corso degli ultimi sette anni.

All’inizio del prossimo anno è previsto infatti l’arrivo nelle concessionarie italiane della seconda generazione della LEAF, la berlina zero emissioni più venduta al mondo.

Gamma Nissan 2018: Nissan LEAF

Il Marchio del Sol Levante affiancherà alla sua proposta full electric la quinta serie di Micra e la Black Edition abbinata a Pulsar, mentre per quanto riguarda il segmento dei Suv, che il Brand copre nelle sue varie “taglie”, troveremo il restyling sia di Nissan Qashqai, sia di X-Trail.

Discorso invece per Juke, di cui si potranno scoprire le nuove forme solo verso le fine del 2018 in attesa del lancio commerciale fissato per l’anno successivo.

Per quanto riguarda il segmento dei veicoli commerciali leggeri, il van NV200 seguiterà a rappresentare l’alfiere di un’offerta declinata anche nella versione multispazio 7 posti Evalia e in quella “alla spina” e-NV200.

GAMMA NISSAN 2018

NUOVA NISSAN MICRA

Partiamo con l’unica proposta della gamma Nissan 2018 già sul mercato, la nuova Nissan Micra, una vettura che è (ri)partita alla ricerca di un’identità, trasversale, dopo aver perso un pochino la strada nel passaggio tra la sua terza serie – quella della “rottura”, con le sue forme super-morbide che la rendevano immediatamente riconoscibile – e la quarta release del modello, apparsa in commercio nel 2010 e sottoposta, quattro anni più tardi, a un restyling intermedio.

La citycar giapponese, a cui però questo inquadramento inizia ad andare stretto, deriva dalla stessa piattaforma utilizzata per la Clio della “alleata” Renault. Più lunga, anche se il dato è contenuto entro i quattro metri, fa un passo avanti sotto il profilo sia dell’ergonomia degli interni e sia dell’appeal per quanto riguarda invece il colpo d’occhio su linee e soluzioni progettuali.

Nissan Micra

Dotata dei più recenti dispositivi di ausilio alla sicurezza attiva e passiva, tiene a battesimo sui veicoli Nissan venduti in Europa la frenata d’emergenza con riconoscimento dei pedoni.

Un elemento – questo – che sicuramente ha concorso non poco alla valutazione, con il punteggio massimo di “cinque stelle”, espressa a seguito dei test Euro NCAP, anche se il riconoscimento non si riferisce al giudizio espresso sulla versione con equipaggiamenti di serie (in quel caso le stelle attribuite sono state quattro), ma a quello successivo riferito a una versione dotata di Safety Pack aggiuntivo.

Sulla nuova Nissan Micra, commercializzata con una gamma motori che comprende soluzioni sia benzina (tre cilindri benzina turbo IGT 900 cc/90 Cv e aspirato 1.000 cc/71 Cv ideale per i neo-patentati) e sia diesel (quattro cilindri dCi 1.500 cc da 90 Cv), la quinta generazione della cittadina del Sol Levante propone anche controlli intelligenti sulla marcia (anti-beccheggio) e risposta alla conformazione del tracciato (supporto in curva), nonché l’Hill Start Assist.

Leggi anche: Il test drive di Fleet Magazine al volante della nuova Micra

NUOVA NISSAN LEAF

La famigliare giapponese zero emissioni si presenta potenziata sotto diversi punti di vista. Innanzitutto il motore elettrico da 110 kW (+30 kW rispetto al passato). Anche la coppia sale, sino a toccare quota 32o Nm.

Quindi, l’autonomia, cresciuta sulla carta di quasi centotrenta chilometri (da 250 km a 378 km), grazie alla nuova batteria agli ioni di litio da 40 kWh, che si ricarica completamente in meno di sei ore se attaccata a una colonnina da 7 kW.

Nissan LEAF 2018

Dal lancio nel 2010 ad oggi sono 280mila gli esemplari di Nissan LEAF venduti nel mondo. Ora la berlina giapponese è pronta a sbarcare sul mercato europeo con la versione “2.Zero”. Si tratta di una serie speciale che propone i due contenuti tecnologici più innovativi previsti sull’elettrica nipponica: il sistema di assistenza alla guida Pro Pilot 1.0 e le-Pedal.

Più nello specifico, la nuova LEAF che arriverà per prima sulla piazza commerciale italiana all’interno della gamma Nissan 2018 sarà in grado di incanalare la marcia del veicolo al centro della corsia e di monitorare le condizioni del traffico, decelerando, arrestandosi o ripartendo in maniera automatica. Egualmente indipendente dall’intervento umano è la funzionalità collegata al pulsante ProPilot Park.

L’elemento tuttavia più interessante sulla famigliare della Casa del Sol Levante è la sua predisposizione rispetto alla tecnologia V2G (Vehicle-to-Grid), che consente un flusso energetico bi-direzionale dall’auto al punto di ricarica, come nel caso delle colonnine di Enel installate nel parcheggio dell’IIT di Genova nel contesto del progetto-pilota di corporate car sharing elettrico battezzato “Mov-e”.

Leggi anche: Le caratteristiche principali della nuova LEAF

NISSAN QASHQAI

Dieci anni e non sentirli. La considerazione si fa strada quando il pensiero inquadra il decano dei crossover, quel Nissan Qashqai che si è da poco svelata in una versione restylizzata e con un’offerta molto più ricca sul piano degli allestimenti, che diventano cinque: Visia, Acenta, N-Connecta, Tekna e Tekna+ (è quest’ultima la novità assoluta).

Le motorizzazioni a disposizione sono sette: tre benzina, con cilindrata compresa tra milledue e millesei cc e potenze che spaziano da un minimo di 115 CV a un massimo di 163 Cv; e quattro diesel, di cui solo uno è è un millecinque cc da 110 Cv, mentre gli altri sono millesei a salire sino a 130 Cv.

Nissan Qashqai 2018

In linea con le ultime tendenze del mercato, il Qashqai MY 2017 – terza release del modello dopo l’avvento della seconda generazione nel 2014 – si fa ancor più ricco di Adas (Advanced Driver Assistance Systems) e di dispositivi preposti a garantire l’incolumità del conducente e dei passeggeri eventualmente a bordo: dal ripartitore elettronico legato alle fasi di decelerazione indotta, all’antibloccaggio dei freni, ai sei airbag e a al controllo di stabilità.

Per la primavera del 2018 è attesa un’integrazione del pacchetto Nissan Intelligent Mobility. Il ProPILOT, che adatta la marcia alle condizioni esterne della strada, debutterà sul Qashqai accanto al sistema che rileva la segnaletica stradale (Traffic Sign Recognition), a quello che stabilisce il grado di attenzione da parte di chi è al volante in quel momento (Driver Alertness), all’ausilio in fase di parcheggio e in caso di partenza in salita con cambio manuale (Stand Still Assist)

Leggi anche: Le caratteristiche del MY 2017 di Nissan Qashqai

NISSAN X-TRAIL

Rimaniamo nel segmento dei Suv Nissan con il best-seller mondiale per la Casa giapponese: il Nissan X-Trail. La proposta di taglia più grande per la categoria, sottoposta di recente a restyling, come nel caso del Qashqai, conquista le luci dei riflettori per un elemento in particolare: è il primo in famiglia dotabile del nuovo ProPilot Assist, il sistema che apre la via alla guida completamente autonoma. Sarà incluso a richiesta nell’allestimento superiore e poi a seguire arriverà a bordo della nuova LEAF.

Nissan X-Trail 2018

Altri “plus” che possono essere ascritti allo Sport Utility Vehicle nipponico riguardano il bagagliaio, la cui capacità minima passa da 550 a 565 litri nella versione standard a cinque posti, mentre in caso di tripla fila di sedili e sette passeggeri accolti a bordo si parla di una base di 445 litri (su entrambe le versioni si tocca una punta massima di 1996 litri); il portellone che si conferma ad apertura automatica semplicemente muovendo un piede; il comfort dell’abitacolo, dove si trovano rivestimenti inediti.

Sul nuovo X-Trail la gamma motori rimane la stessa del passato. Invariati anche i valori di spazio e di versatilità che hanno concorso al successo di questo modello.

Leggi anche: La presentazione della versione attuale di Nissan X-Trail 

NUOVA NISSAN JUKE

Ha debuttato in un’epoca in cui gli Sport Utility Vehicle “small size” costituivano un’offerta abbastanza inconsueta. Ora però, se vuole sopravvivere in un mercato che si è andato affollando, Nissan Juke doveva necessariamente ripensarsi.

Il rischio era infatti quello di vedersi contendere quella clientela europea che, sin da quando è comparso nel 2010, ne ha ripagato lo sforzo progettuale e costruttivo con vendite superiori alle 800mila unità.

A dire il vero, del nuovo Nissan Juke non si sa ancora molto. I dati certi riguardano il sito di produzione, Sunderland in Inghilterra. La nuova generazione del piccolo Suv giapponese sfrutterà anch’essa, come la nuova Micra, il pianale CMF-B utilizzato per Renault Clio.

Nissan Juke

Atteso a un’estensione di passo, il nuovo Nissan Juke dovrebbe così risolvere la questione del comfort delle sedute posteriori, aspetto per il quale non ha brillato sinora.

Promesse inoltre importanti novità sotto al cofano, dove è pronto al debutto un motore mille turbobenzina da tre cilindri, che dovrebbe costituire l’anello utile per una versione £mild hybrid”. La gamma dei propulsori sarà completata dai più consueti millecinque diesel e benzina millesei quattro cilindri.

Quanto al livello della sicurezza a bordo, ci si aspetta che il nuovo Juke derivi gran parte delle dotazioni che lo equipaggeranno dal fratello maggiore Qashqai.

Leggi anche: L’origami a grandezza naturale di Nissan Juke

NISSAN e-NV200 

Non solo nuove auto elettriche nella gamma Nissan 2018, ma anche veicoli commerciali. Già leader del segmento dei furgoni elettrici in Italia e in Europa, la versione zero emissioni di Nissan NV200 può essere apprezzata nella doppia configurazione “monovolume Evalia”, per il trasporto passeggeri, e “Van”, per quello merci.

La Casa costruttrice nipponica è reduce dalla presentazione, con arrivo sul mercato previsto a partire dalla prima metà del 2018, di una versione più potente dell’EV, che si appoggerà a una batteria da 40 kWh in grado di fargli raggiungere i 280 km di autonomia, oltre un centinaio in più rispetto alla generazione appena precedente.

Nissan e-NV200 2018

Ovviamente la gamma LCV di Nissan non si esaurisce nel furgone zero emissioni. Oltre al modello base NV200 e ai suoi “fratelli maggiore” NV300 (ultimo ad entrare in famiglia) e NV400, conta infatti, tra gli altri, il pick-up Navara.

È proprio a partire da questo modello che il Marchio nipponico ha elaborato un concept di Suv chiamato a prendere il posto del Pathfinder. Il prototipo, di cui sono stati diffusi sinora alcuni scatti “rubati”, dovrebbe essere svelato nell’aprile 2018 in concomitanza con il Salone di Pechino (25 aprile-4 maggio 2018).

Leggi anche: Perché Nissan e-NV200 è il van per tutti

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia