Gamma Renault 2018: tutti i modelli in uscita [FOTO]
 

Gamma Renault 2018: Alaskan e gli LCV ora “si sentono” auto


A un primo sguardo si ricava immediatamente un’impressione favorevole. La gamma Renault 2018 si caratterizza per un’offerta ampia e “completa”.

Non v’è infatti segmento/formula nel campo delle autovetture e dei veicoli commerciali leggeri che non trovi rispondenza nel listino del costruttore d’oltralpe.

Gamma Renault 2018: Trafic

Si va dalla nuova Twingo MY 2017 con cambio automatico EDC agli aggiornamenti portati sulle monovolume Scénic/Grand Scénic. Sarà inoltre interessante capire se un modello iconico come Renault Clio si aprirà a versioni alternative sul fronte delle motorizzazioni dopo l’alimentazione a GPL dell’Energy TCe turbo da 90 Cv.

In aggiunta alla Mégane Grand Coupé e alla cattiva R.S. ammirata al Salone di Francoforte, occhi puntati poi sui crossover in produzione (Kadjar, Captur e Koleos), mentre, nel campo dei veicoli commerciali leggeri, il modello da non perdere di vista è Renault Alaskan, il pick-up che si atteggia però ad auto di fascia superiore.

La “scossa” al mercato arriverà da soluzioni come Twizy (anche in versione Cargo) e ZOE (di cui è stata sviluppata la variante van). Tra gli LCV zero emissioni troviamo ancora una volta il quadriciclo leggero, affiancato, salendo di dimensioni, da Kangoo, Trafic e Master.

 

 

GAMMA RENAULT 2018

NUOVA RENAULT MÉGANE GRAND COUPÉ

Una proposta di “confine” contraddistinta da interni comodi e ricercati per materiali e finiture, che però non ti aspetteresti fermandoti a osservare la silhouette “tagliata” di questa vettura, che media tra l’abitabilità tipica di una berlina quattro porte di segmento D e un profilo compatto e insieme slanciato, sottolineato dal tetto panoramico in vetro che crea una soluzione di continuità tra il parabrezza e il lunotto.

Nuova Renault Mégane Grand Coupé 2017 statica

La nuova Renault Mégane Grand Coupé condivide con l’alto di gamma del Brand l’architettura CMF/C-D. È in grado pertanto di proporre una serie di tecnologie, come l’Head-up display a colori e il tablet multimediale R-Link 2, che consente anche di attivare le varie soluzioni ADAS disponibili.

Il bagagliaio, che ha una capacità di 550 decimetri cubici si apre senza bisogno di toccarlo, grazie a un movimento del piede sotto il paraurti posteriore. Due soli gli allestimenti commercializzati in Italia. SI tratta di quelli più alti: Zen e Intens.

Leggi anche: Leggi che cosa è emerso dal primo contatto con il modello

NUOVA RENAULT MÉGANE R.S.

È chiamata a un ruolo di centravanti di sfondamento nel segmento delle sportive. La nuova Renault Mégane R.S., giunta al traguardo della terza generazione, vuole seminare la concorrenza grazie a un motore turbocompresso a iniezione diretta ancor più performante: si tratta di un milleotto quattro cilindri da 280 Cv, con 390 Nm di coppia.

Renault al Salone di Francoforte 2017 ha presentato la nuova Mègane R.S.

Un altro “plus” di questa belva da pista (punta a strappare il record per la categoria delle sports car a trazione anteriore alla Honda Civic Type R sul tracciato del Nürburgring) e da strada è il sistema 4CONTROL a quattro ruote sterzanti, che consente non solo un cambio rapido e pulito di traiettoria, ma di mantenere il veicolo saldamente ancorato al terreno.

Le doti di guidabilità discendono tuttavia anche dal nuovo telaio, mutuato dalla lunga esperienza cquisita in Formula 1.

Leggi anche: Anche Mégane R.S. tra le star del Salone di Francoforte 2017

NUOVE RENAULT SCÉNIC E GRAND SCÉNIC

Proposte anche con la griffe Initiale Paris, il più esclusivo tra gli allestimenti studiati dal Marchio della Losanga, le monovolume francesi sono le prime su cui Renault ha avviato la commercializzazione del sistema Hybrid Assist in abbinamento al motore Energy dCi da 110 Cv.

Il costruttore “alleato” di Nissan e Mitsubishi non si è tuttavia convertito all’ibrido. Scénic e Grand Scénic possono infatti marciare in sola modalità tradizionale (ossia spinte da un propulsore termico).

Renault Business Scénic e Grand Scénic

L’energia gestita dalle batterie a bordo viene utilizzata per supportare la marcia e quindi ridurre di conseguenza consumi/emissioni di Co2 (si parla di un calo nell’ordine dell’8-10%), oltre a garantire uno spunto più brillante (il supplemento di coppia può toccare i 15 Nm).

La tecnologia Hybrid Assist sarà disponibile a partire dalle versioni Intens, Bose e la già citata Initiale Paris, che nel pacchetto “Easy Life” (l’altro è “French Design”, ma si parla solo di cerchi in lega specifici da 20”) propone Cruise Control Adattativo, assistenza al Mantenimento di Corsia, sistema Easy Park Assist, sensore per l’Angolo Cieco, Head-up Display e Radio DAB.

Leggi anche: I punti di forza di Renault Grand Scénic MY 2017

NUOVO RENAULT KOLEOS

Anche se non rappresenta una novità assoluta per il mercato, giacché vi è da poco arrivato a completare il rinnovamento della gamma crossover per il Marchio transalpino, al pari di Kadjar e Captur, il modello big-size firmato Renault si distingue per l’abilità di destreggiarsi in qualsiasi situazione.

Sviluppato a partire dalla stessa piattaforma del Talisman, nuovo Koleos onora in pieno la propria natura di modello di “incrocio”, combinando l’eleganza e l’appeal di una berlina alto di gamma con doti di guidabilità spinte sino all’estremo grazie anche alla tecnologia ALL MODE 4×4-i.

nuovo Renault Koleos 2017 off road

Egualmente attinti dalle soluzioni più esclusive a listino per la Casa costruttrice francese sono il sistema R-LINK 2, nonché i sistemi di assistenza ala guida (ADAS) presenti a bordo: frenata di emergenza; avviso di superamento della linea di carreggiata, così come di mancato rispetto della distanza di sicurezza e dei limiti di velocità vigenti in quello specifico tratto di strada (funzione resa possibile grazie al riconoscimento della segnaletica); rilevatore di stanchezza; controllo dell’angolo cieco.

Alle tecnologie di cui sopra vanno aggiunti la Parking Camera, la commutazione automatica dei fari, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori legati all’Easy Park Assist.

Leggi anche: Il pensiero di F. Piastra, direttore Vendite Flotte di Renault Italia

RENAULT ALASKAN

Il modello, già sbarcato nel nostro Paese, che segna l’ingresso di Renault nel segmento dei pick-up non avrà vita facile davanti a sé.

Nuovo Alaskan si richiama ovviamente nell’impostazione meccanica a Nissan Navara, del quale sfrutta il telaio a longheroni. Abilitato per il trasporto di fino a oltre una tonnellata di carico, affiancherà nel tempo alla proposta di lancio in Italia (doppia cabina – 5 posti, con due soluzioni di potenza per il diesel 2.3 dCi, e trazione integrale) la soluzione King Cab (2+2), caratterizzata anche sotto il profilo estetico dal cassone allungato.

Renault Alaskan in azione

Le impostazioni di guida introdotte sono tre, da quella “due ruote motrici” (2WD), ideale per circolare in città, ad una pensata per il fuoristrada (4WD), sino al ricorso possibile alle “ridotte” (4LO), che affianca all’azione congiunta dei due assi un riduttore di coppia supplementare.

In base all’allestimento scelto (sono quattro: Life, Zen, Intens ed Executive) si può trovare, o in alternativa richiedere, sia il differenziale elettronico a slittamento limitato e sia il differenziale posteriore bloccatile a inserire manualmente.

Leggi anche: Le caratteristiche principali di Renault Alaskan

NUOVA RENAULT ZOE

È tra le decane della mobilità elettrica non solo per quanto attiene all’offerta specifica firmata dal Marchio della Losanga, ma con riferimento più in generale al mercato auto.

Arrivata in Italia nel 2013 dopo che il nostro Paese aveva già conosciuto la piccola Twizy (omologata come quadriciclo leggero) e la versione zero emissioni del furgoncino Kangoo, Renault ZOE è tornata da poco a far parlare di sé grazie al lancio della seconda generazione.

Auto elettriche in Italia, il problema della ricarica

Che cosa cambia, vi chiederete. Innanzitutto, i livelli di autonomia, tasto dolente quando si parla di electric vehicle. Ora è salita a 400 km secondo le misurazioni del ciclo NEDC (effettivi dovrebbero essere almeno 300 km).

Il traguardo, aperto dal ricorso alla nuova batteria “Z.E. 40” da 41 kW, non è l’unico conseguito da questa vettura ideale per muoversi in ambito urbano. Il caricatore intelligente Caméléon consente infatti alla nuova ZOE di sfruttare le stazioni di ricarica a corrente alternata, sopportando potenze, nel caso del motore Q90, sino a 43 kW, sia monofase, sia trifase.

Per ottenere il dato di percorrenza medio nel tragitto casa-lavoro – andata e ritorno (40 km + 40 km) -, e anche qualcosa di più, basta solo mezz’oretta di sosta.

Leggi anche: L’autonomia da record della berlina elettrica francese

RENAULT LCV ZERO EMISSION

Quattro “cavalieri” a rappresentare la gamma più completa oggi presente sul mercato per quanto riguarda i veicoli commerciali leggeri full electric.

Un ventaglio di soluzioni che si apprestano a traghettare verso il nuovo anno, con una composizione organizzata in scala: si va infatti dalla versione Cargo del Twizy alla ZOE Van, per salire sino al furgonato Master, la novità più recente a listino.

La gamma 100% elettrica comprende Renault ZOE, Twizy, Kangoo e Master

Per quanto riguarda l’heavy van si parla ora di una autonomia di circa 200 km. Come sul Kangoo, che ha acquisito circa un centinaio di chilometri in più di “vita” (da 170 a 270 km), le batterie a bordo di Renault Master Z.E. possono essere ricaricate in un tempo di sei ore se il veicolo è collegato a una Wall Box da 7 kW (dopo 60 minuti i chilometri a disposizione sono 35).

Leggi anche: La nuova “veste” di Kangoo e Master Z.E.

RENAULT TRAFIC SPACECLASS

Inedita versione passeggeri ricavata a partire da un modello di assoluto riferimento nel campo dei veicoli commerciali leggeri, Trafic SpaceClass si propone come il “salotto buono” della mobilità.

Le generose dimensioni esterne già a partire dalla soluzione di lunghezza base (L1 – pari a 4.999 mm; c’è poi quella L2 – 5.399 mm) si riflettono in un interno confortevole, a cui possono accedere senza problemi anche gli occupanti dell’ultima fila di sedili, sfruttando la funzionalità “easy-entry” collegata all’apertura delle portiere.

Renault Trafic SpaceClass

La capacità di carico spazia, per la versione più “ridotta”, tra 550 e 1.000 decimetri cubici, mentre nell’altro caso la forbice è compresa tra 890 e 1.800 decimetri cubici.

Otto, compreso il conducente, il numero massimo di passeggeri che il veicolo è in grado di accogliere a bordo.

Con l’avvio del 2018 è già stata annunciata la speciale versione “Escapade”, dove i sedili sono strutturati per consentire il riposo di due persone (si ottiene uno spazio utile di quasi due metri). Da salotto, quindi, a “camera da letto”.

Leggi anche: Ecco come si presenta Renault Trafic SpaceClass

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*