Idee per la gestione del parco auto al Ces di Las Vegas 2015

Il Consumer Electronics Show (Ces) di Las Vegas sta diventando uno degli eventi più importanti del settore. La principale rassegna mondiale dedicata all’elettronica di consumo si occupa massicciamente di gestione del parco auto. Non è un caso, ad esempio, che Ford abbia scelto questo palcoscenico per presentare i suoi progetti di mobillità.

All’edizione 2015 del Ces hanno partecipato dieci case automobilistiche, il numero più alto di sempre. Un segno dell’importanza che rivestono per l’automotive e la gestione del parco auto temi quali la mobilità integrata, la guida autonoma, l’auto connessa.

PREVENZIONE INCIDENTI – La riduzione degli incidenti tramite sensori e dispositivi elettronici in grado di rilevare pericoli è una delle applicazioni più interessanti dell’interazione tra elettronica e auto, per questo le Case stanno investendo nello sviluppo di sistemi in grado di monitorare l’ambiente che circonda le auto. Volvo ha presentato al Ces 2015 una tecnologia che mette in comunicazione automobili e biciclette con l’obiettivo di prevenire gli incidenti. Questo sistema s’integra con il Volvo City Safety, un dispositivo già disponibile sulle Volvo in commercio che è in grado di rilevare collisioni imminenti in città, segnalare il pericolo e attivare la frenata automatica per evitare l’impatto con pedoni o ciclisti.

INTEGRAZIONE CON GLI SMARTPHONE– Al Ces 2015 Volkswagen e Hyundai hanno presentato “MirrorLink” e “Display Audio”, i rispettivi sistemi di bordo che promettono una migliore integrazione tra smartphone ed elettronica a bordo tramite interfacce che replicano sul touchscreen dell’abitacolo le funzioni dei sistemi operativi Google Android e Apple iOS. Collegando il telefono via cavo alle apposite piattaforme Android Auto o Apple Car Play, sarà possibile utilizzare direttamente applicazioni e funzioni del sistema operativo tramite i comandi dell’auto e i sistemi di controllo vocale, senza più il rischio di distrarsi alla guida per usare lo smartphone.

CONTROLLO GESTUALE – Per ridurre ulteriormente il rischio di distrazioni alla guida, sono allo studio soluzioni che permettano di impartire comandi al sistema multimediale dell’auto senza bisogno di premere pulsanti o schermi touch, ma con il semplice movimento in aria delle mani. Si tratta di funzioni ancora a livello di prototipo, presentate da Bmw, Volkswagen e Hyundai. Sui concept Volkswagen Golf R Touch e Hyundai Cockpit, grazie a sensori e telecamere che monitorano i gesti del guidatore, è possibile alzare o abbassare il volume della musica, rifiutare una chiamata, cambiare stazione radio o impartire comandi al navigatore satellitare semplicemente muovendo le mani con gesti predeterminati. Bmw è quasi pronta a integrare questo tipo di tecnologia con il sistema multimediale iDrive.

CONTROLLO REMOTO DELL’AUTO – Al Ces 2015 la casa coreana Hyundai ha presentato l’applicazione per smartphone e smartwatch “Hyundai Blue Link”, che permette di interagire con la propria automobile a distanza, ad esempio per avviare o spegnere l’auto o far lampeggiare i fari. Un’altra funzione, più sperimentale, che utilizza il controllo tramite smartwatch è la “Remote Valet Parking Assistant” della Bmw i3, che permette di lasciare la propria auto all’ingresso di un parcheggio multipiano perché questa si parcheggi da sola, evitando ostacoli statici o in movimento e trovando da sola un posto libero.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia