Frette: quando il noleggio è davvero di moda…

Dalle compatte, alle berline, fino ad arrivare alle station wagon e ai crossover premium: nonostante le dimensioni medio-piccole del parco – 45 veicoli -, la gestione del parco auto di Frette è caratterizzata da una rosa di veicoli molto variegata. Il noto marchio di moda, da oltre un secolo e mezzo al top mondiale nella produzione di biancheria per la casa di lusso, vuole rispettare in pieno la sua fama anche nella costruzione della car policy.

NOLEGGIO PROTAGONISTA – “Tutti i nostri mezzi sono a noleggio – esordisce Massimiliano Maini, vice president & head of HR dell’azienda, nello spiegare la gestione del parco auto di Frette-: una decisione che abbiamo ponderato e adottato in modo massiccio già a partire dai primi anni Duemila per diverse ragioni. In primis, la nostra necessità era di poter controllare ed ammortizzare i costi in una logica coerente di definizione e gestione dei budget. In secondo luogo, la possibilità di un ricambio frequente delle auto ci permette di stare al passo con le nuove tecnologie e mantenere i più elevati standard di sicurezza. Gran parte delle vetture sono assegnate ai commerciali, al personale tecnico, oltre che ai dirigenti, ma abbiamo in flotta anche diverse auto in pool, a disposizione di tutti i nostri dipendenti che hanno bisogno di spostarsi per lavoro”.

LA SCELTA DEL GASOLIO – Si tratta, nello specifico, di auto del Gruppo Volkswagen, con un occhio di riguardo alle nuove Leon e Ibiza oltre alle consolidate Golf e Passat, fino alle Audi A4 e A6 e Q5. Tutte alimentate a gasolio, per garantire la maggiore efficienza possibile nelle percorrenze dei driver, che in media sono di 25mila km all’anno (con contratti di 4 anni).

(L’articolo completo sarà pubblicato sul numero di luglio di Fleet Magazine)

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia