12 Giugno 2015

Nuova Hyundai i40 wagon, la nostra prova su strada

Il primo biglietto da visita è l’immagine con cui si presenta. Sinuosa sì, ma con stile. Caratteristiche da non sottovalutare nella gestione del parco auto. L’abitacolo poi, offre un bel colpo d’occhio. La nuova Hyundai i40 wagon è “cucita” ad hoc per la clientela flotte. Offre una notevole abitabilità e un baule a prova di trasloco (min. 553 litri, max 1719 litri). L’accesso è agevole e gli spazi sono quelli che ci si attende da una wagon di questa taglia, inclusa l’ampia disponibilità di vani portaoggetti. Plancia e pannelli porta sono ineccepibili per qualità e razionalità. Ben leggibili i quadranti del cruscotto, così come i due display contenuti al loro interno e i pratici comandi touchscreen del sistema di infotainment. Abbiamo provato la versione più indicata per le flotte: equipaggiata con il 1.7 diesel, che guadagna 5 CV rispetto al precedente, superando la soglia psicologica dei 140 CV (da 136 della versione precedente si sale infatti a 141 CV). In abbinamento, la nuova trasmissione automatica a doppia frizione DCT a 7 rapporti. Allestimento Business (navigatore, climatizzatore bi-zona, retrocamera, sensori di parcheggio, cruise control, comandi al volante, freno di stazionamento elettrico, Bluetooth, radio DAB).

VIDEO: TEST DRIVE HYUNDAI I40 WAGON

In viaggio. Anche se relativamente bassa, la seduta garantisce un adeguato comfort. In marcia, non si ha mai il fiato corto. Anzi: la coreana è più brillante di quanto basti, con una coppia di 340 Nm a 1.750 giri minuto. Valido pure lo spunto. La nuova Hyundai i40 wagon si comporta bene fin dai bassi regimi. Una volta entrato in funzione il turbo, poi, la progressione diventa piuttosto vivace.  Il cambio automatico a doppia frizione DCT a 7 rapporti può essere utilizzato anche in modalità simil-manuale, per una guida sportiva (attraverso il pulsante “drive mode” si può scegliere la modalità Sport, oltre a quella eco o normale), grazie ai paddle al volante. Bene lo sterzo, consistente in velocità e leggero in manovra, pronto a supportare a dovere un telaio dall’avantreno particolarmente preciso. Anche fra le curve, l’auto si rivela facile da guidare e soddisfa in termini di tenuta di strada.

Udito. La Hyundai i40 wagon è parca nei consumi, per la categoria. Un aspetto strategico nella gestione del parco auto, fondamentale per l’offerta flotte della Casa coreana. Il 1.7 è poco assetato e, a richiesta, si può avere anche l’ISG, il sistema “Stop & Go” che spegne il motore ai semafori. A velocità di crociera, inoltre, il rumore è contenuto. Il motore si fa sentire solo se gli “si tira il collo”. Anche il rotolamento delle gomme arriva attenuato a bordo. Buono pure l’assorbimento delle asperità. Insomma, qualità stradali degne delle prime della classe. Soprattutto sulle lunghe distanze, si apprezza di più la qualità della vita a bordo. Ma anche chi sceglie la guida più dinamica non rimarrà mai deluso.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia