27 Ottobre 2017

Guida autonoma Nissan: il test sulle strade di Tokyo

La guida autonoma Nissan, in Giappone, è una realtà. La Casa nipponica, infatti, ha portato sulle strade di Tokyo un prototipo con dotato di tecnologia di autonomous driving di ultima generazione, il cui lancio è previsto per il 2020.

guida autonoma Nissan 2017

La soluzione, denominata ProPilot, è stata testata su una berlina sportiva Infiniti Q50, modificata proprio per questo scopo, e consente alla vettura di marciare in maniera totalmente autonoma in città e autostrada.

Approfondisci: guida autonoma, ecco cosa pensano i Fleet Manager

COME FUNZIONA LA GUIDA AUTONOMA NISSAN

Il driver deve solo selezionare una destinazione sul navigatore e lasciarsi trasportare. L’intelligenza artificiale della guida autonoma Nissan utilizza i dati raccolti da 12 sonar, 12 telecamere, 9 radar a onde millimetriche, 6 scanner laser e una mappa ad alta definizione per analizzare in tempo reale tutti gli scenari, incroci compresi, e condurre la vettura in sicurezza.

Hardware e software vengono costantemente aggiornati per gestire gli ostacoli che si presentano sulla strada. Se i driver europei cominciano ad abituarsi all’idea della guida autonoma, nel Sol Levante il dato è già stato tratto. L’obiettivo di Nissan, in particolare, è quello di creare tecnologie di guida autonoma “accessibili a tutti” e che diano un valore aggiunto in termini di sicurezza.

LA NUOVA LEAF 

Questa sperimentazione senza precedenti segue il lancio della nuova Leaf, l’auto elettrica a sua volta dotata del sistema avanzato di guida assistita ProPilot, in grado di mantenere l’auto al centro della corsia in autostrada.

Leggi anche: la nostra prova della nuova Micra

Il sistema, nei prossimi mesi, equipaggerà diversi modelli della gamma del brand nipponico, compreso il nuovo Nissan Qashqai che adotterà il ProPilot a partire dal 2018.

“L’ingegno è alla base di tutto ciò che facciamo in Nissan” ha commentato Takao Asami, Nissan senior vice president research and advanced engeneering, ribadendo poi che il sistema ProPilot “anticipa una tecnologia che sarà disponibile a partire dal 2020“.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia