7 Settembre 2016

Una nuova società in Svezia per la guida autonoma Volvo

A meno di un anno di distanza dall’annuncio della collaborazione avviata sul progetto “Drive Me”, si torna a parlare di guida autonoma Volvo Cars e Autoliv Inc..

La Casa costruttrice del Nord Europa ha infatti annunciato la firma di una lettera di intenti attraverso cui si sono gettate le basi per la creazione di una nuova società.

Sarà controllata da ambedue, coinvolgerà circa 200 collaboratori che già oggi lavorano alle dipendenze dell’una e dell’altra (l’obiettivo nel medio periodo è di raggiungere 600 unità), avrà sede a Göteborg in Sevzia, e sarà governata in qualità di CEO da Dennis Nobelius, già a.d. Volvo Svizzera e vicepresidente della “Vehicle Line 90”, che abbraccia tre segmenti: SUV, con la XC90; berline (vedasi la S90), e  wagon (Volvo V90).

GUIDA AUTONOMA VOLVO: “DOPPIA SICUREZZA” CON AUTOLIV

La costituenda società, che secondo le previsioni dovrebbe esordire all’inizio del prossimo anno, si occuperà di sviluppare software altamente avanzati per marcare il cammino che porterà all’avvento degli autonomous vehicle.

Realtà tecnologica di primissimo piano sul fronte della sicurezza auto – attiva e passiva -, da più di sessant’anni Autoliv rifornisce l’industria di settore con i suoi brevetti. Dai sistemi che sfruttano le rilevazioni raccolte da sensori radar e telecamere per avvertire il conducente di un imminente pericolo, agli airbag e sistemi di ritenuta per i bambini, al c.d. “cofano attivo“.

Una crociata quotidiana per abbattere il numero di incidenti stradali e le loro conseguenze troppo spesso estreme che la società svedese-americana (la doppia bandiera deriva dalla fusione tra Autoliv AB e Morton Automotive Safety Products) con base a Stoccolma condivide con la sua illustre connazionale, tanto che Jan Carlson, presidente e CEO di Autoliv, si è sentito di dichiarare: “Non ci sono due aziende che possono affermare di aver fatto di più per la sicurezza automobilistica” a livello mondiale.

Un ruolo destinato ora a crescere, ha sottolineato Håkan Samuelsson, Presidente e CEO di Volvo Cars: “Unendo il nostro know-how e le nostre risorse, creeremo un leader mondiale nel settore dello sviluppo di software per la guida autonoma. Questo significa che riusciremo a rendere disponibile ai nostri clienti questa tecnologia entusiasmante in tempi più brevi”. L’impegno è quanto mai importante e urgente. Per Carlson, infatti, le driverless car rappresentano “il prossimo passo per la trasformazione della sicurezza stradale”.

NEL 2017 ONERI E “ONORI” DI UN PERCORSO CONDIVISO 

I frutti della joint venture annunciata, che acquista una particolare rilevanza essendo, come hanno rilevato dalla Svezia, “il primo esempio di collaborazione tra una delle principali Case automobilistiche del segmento di lusso e un fornitore di primo livello”, saranno trattati e distribuiti in esclusiva da Autoliv ai terzi interessati.

I ricavi generati dalla vendita dei prodotti studiati, che comprendono, oltre ai sistemi per il full autonomous driving (AD), anche i c.d. ADAS – cioè dispositivi avanzati di guida assistita – saranno ripartiti tra Volvo Cars e la connazionale.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia