Honda e, la citycar elettrica ha un nome. Nuova Jazz 2020 sarà ibrida

Honda alle grandi manovre nei segmenti da città. Svela il nome della citycar elettrica e annuncia l'arrivo dell'ibrido i-MMD sulla Jazz 2020

Se a Ginevra era ancora Prototype, il modello di serie, pronto al debutto nel 2019, sarà semplicemente Honda e.

Honda e 2019

HONDA E

L’elettrica da città prosegue il percorso di sviluppo che la porterà su strada. Un progetto convincente sin dall’esordio, dal primo concept lanciato nel 2018. Da lì, l’affinamento di alcuni dettagli, senza stravolgere l’impostazione di un’auto da città, per intenderci con dimensioni che saranno in quota 3.90 metri di lunghezza, e dall’autonomia di marcia più che adeguata per il ruolo che si propone.

BATTERIA E AUTONOMIA DI HONDA E

Honda e-Prototype 2019

 

L’ufficializzazione del nomeHonda e va a sommarsi ad altre indicazioni sulla tecnica, rese note nei mesi scorsi. Avrà un’autonomia di marcia da oltre 200 km mentre la trazione sarà sull’asse posteriore.

INTERNI, QUANTO SARÀ FEDELE AL CONCEPT?

Interni di Honda e-Prototype 2019

Batteria installata all’interno del passo, interni che seguiranno il minimalismo ultramoderno e ricorreranno a una plancia semplice e con finiture dal richiamo al design d’interni.

Leggi anche: Honda e-Prototype, verso l’elettrico a grandi passi

Punto interrogativo su quale soluzione verrà adottata per l’insieme strumentazione-infotainment, là dove il concept Honda e-Prototype sfoggia un ampissimo display a tutta larghezza, completato dagli schermi delle telecamere sostitutive degli specchietti retrovisori.

NUOVA HONDA JAZZ, TEMPO DI IBRIDO

Honda Jazz 2020
© Carscoops.com

L’aggiornamento dell’offerta nei segmenti inferiori registrerà anche l’arrivo della nuova generazione di Honda Jazz. Da una citycar qual è Honda e, all’utilitaria da oltre 4 metri di lunghezza. Nuova Jazz verrà presentata in prima mondiale al Salone di Tokyo, il prossimo autunno, mercato nipponico sul quale sarà Honda Fit.

PROVE DI LOOK CROSSOVER

I muletti di sviluppo sono da tempo impegnati nei test su strada, con le conseguenti indicazioni fornite sull’impronta stilistica. Saranno due le varianti di Honda Jazz: “classica” e crossoverizzata, quest’ultima contraddistinta (anche) dalle barre sul tetto. Se resterà o meno una duplice variante solo per alcuni mercati si scoprirà in prossimità del debutto.

Leggi anche: Le proposte Honda per le flotte

MONTANTI E FARI LE NOVITÀ PIÙ EVIDENTI

Nuova Jazz conserverà le proporzioni da piccolo monovolume, adotterà ampi fari a sviluppo triangolare – stilisticamente molto meno convincenti dell’attuale generazione – ma, soprattutto, regalerà un extra di visibilità dalla soluzione dei montanti anteriori sdoppiati. Scelta che si evolve in elementi molto sottili e più avanzati, abbinati a montanti più ampi in corrispondenza dell’incernieratura delle portiere anteriori.

L’IBRIDO SU BASE 1.5 BENZINA?

Nella strategia Honda, che porterà a un 2025 nel quale, sul mercato europeo, tutti i modelli commercializzati saranno offerti con una motorizzazione elettrificata (ibrido nelle diverse forme o elettrico a batterie), la Jazz segnerà l’introduzione dell’ibrido i-MMD già apprezzato nella filosofia di funzionamento su nuova CR-V.

Approfondisci: La prova su strada di nuova Honda CR-V

Potrebbe esserci l’abbinamento tra un motore termico benzina da 1.5 litri e l’unità elettrica, rumours più accreditato tra quelli che circolano sull’utilitaria.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia