25 Gennaio 2019

Hyundai, airbag multi-collisione in arrivo

Il gruppo coreano lavora all'ottimizzazione degli airbag, con logiche di attivazione in grado di proteggere anche nel caso di un secondo urto successivo alla prima collisione

Numeri, per dire di uno scenario meno remoto di quanto non si immagini. Numeri a supportare lo sviluppo dell’airbag multi-collisione in casa HyundaiKia.

INCIDENTI, UNO SU TRE HA PIÙ IMPATTI

Airbag Hyundai collisione multipla

In 12 anni, tra il 2000 e il 2012, l’ente nazionale statunitense per la sicurezza stradale (NHTSA) ha rilevato su 56 mila incidenti in autostrada nel 30% dei casi un secondo urto successivo a quello principale: alberi, pali, altri veicoli.

Leggi anche: Hyundai sviluppa il tetto solare, debutta sulle ibride

Gli scenari di collisioni multiple sono già stati affrontati da altre case automobilistiche, con l’obiettivo di limitare il verificarsi del secondo impatto. Ad esempio, i dispositivi di frenata automatica del veicolo successivamente al primo urto.

Leggi anche: ACI, le province italiane con più incidenti

HYUNDAI, POSIZIONE E SENSIBILITÀ CENTRALI

La tecnologia in fase di sviluppo da parte del gruppo Hyundai-Kia, destinata a trasferirsi sui modelli di serie prossimamente, è una prima assoluta, poiché interviene per ottimizzare il funzionamento degli airbag, di fatto integrando una soglia variabile di sensibilità all’attivazione.

Come funzione airbag collisioni multiple

Il cuore del sistema è nel posizionamento di una gamma di sensori all’interno dell’abitacolo, in grado di rilevare la posizione dei passeggeri sui sedili. È il dettaglio cruciale per ottimizzare l’attivazione degli airbag. Infatti, nel caso in cui una prima collisione non sia sufficiente per attivare gli airbag, la logica di funzionamento classica prevede che gli airbag stessi non si attivino nel caso di un secondo impatto, per evitare eventuali danni da uno sviluppo dei cuscini mentre i passeggeri non sono correttamente posizionati sui sedili.

Approfondisci: Italia, incidenti mortali dimezzati ma media supera UE

Il passo in avanti al quale lavora Hyundai fa affidamento ai sensori all’interno dell’abitacolo, in grado di controllare l’attivazione degli airbag nel caso di un secondo urto, ricalibrando la “sensibilità” all’attivazione dell’airbag, qualora altri sistemi di sicurezza non siano in grado di intervenire in modo efficace o non più funzionanti. La logica di sviluppo degli airbag farà sì che l’esplosione sia ancor più rapida.

esplosione airbag

“Incrementando le prestazioni degli airbag negli incidenti a collisione multipla, ci aspettiamo di migliorare significativamente la sicurezza dei nostri conducenti e passeggeri. Continueremo la nostra ricerca analizzando gli scenari più disparati come parte del nostro impegno nella produzione di veicoli ancora più sicuri, che proteggono gli occupanti e prevengono gli infortuni”, ha commentato Taesoo Chi, responsabile del Centro tecnologia del telaio del gruppo Hyundai Motor.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia