5 Aprile 2019

Hyundai accelera su cockpit virtuale e volante touchscreen

L'ultima specifica dell'ambiente virtuale e personalizzabile firmato Hyundai potenzia il feedback tattile dei display e sfoggia la strumentazione multilivello

Quattro anni di continuo sviluppo, per esplorare le possibilità offerte dalla trasformazione di elementi fisici in scenari virtuali.

Hyundai Virtual Cockpit

Hyundai prosegue la ricerca sul fronte dell’interfaccia uomo-macchina, tra cockpit virtuale, schermo dell’infotainment touch e con feedback tattile, volante dalle razze con display integrati.

I PRO DEL VIRTUALE, MASSIMA ADATTABILITÀ

Vantaggi innegabili in termini di personalizzazione dei comandi e delle informazioni, come nella riduzione dei tasti fisici presenti a bordo. Non meno importante, la possibilità per i costruttori di ottimizzare i processi produttivi liberandosi della necessità di comandi e quadri strumentazione personalizzati per ciascun modello e mercato.

Volante Hyundai con display tattili

E quanto a praticità d’impiego? I test condotti dalla casa coreana hanno rivelato soglie di distrazione ampiamente al di sotto dei limiti dettati da associazioni quali la NHTSA, ente responsabile della sicurezza stradale negli USA.

LE FASI DELLO SVILUPPO

Alle potenzialità di un posto guida e un’interfaccia tra uomo e veicolo sempre più intuitiva, personalizzabile e accattivante nel design, si legano i legittimi dubbi sull’immediatezza d’impiego, specialmente per alcune funzioni.

La ricerca Hyundai sul Virtual Cockpit nasce nel 2015 e ha attraversato quattro fasi di evoluzione, per giungere alla specifica – testata su una Hyundai i30 non a caso, a voler dimostrare l’applicabilità della tecnologia su modelli dai grandi volumi – attuale.

Leggi anche: Hyundai sviluppa l’airbag multi-collisione

FEEDBACK TATTILE POTENZIATO

Il volante adotta due schermi touch, con un feedback tattile migliorato e più marcato, che si rileva nella chiara “deformazione” della superficie e nella risposta ottenuta dallo schermo. Un po’ come due smartphone applicati alle razze, le funzioni sono liberamente configurabili dal guidatore, fino a 5 per ciascun display, con icone dedicate.

Funzioni differenziate in rapporto alle informazioni mostrate sul display principale della strumentazione.

STRUMENTAZIONE MULTILIVELLO

La peculiarità, in tal caso, è nell’effetto 3D ottenuto attraverso due schermi separati da 6 millimetri, ciascuno a rappresentare una grafica dedicata e, nei punti di sovrapposizione, a generare la profondità d’immagine. Un display multilivello, sul quale operare grazie a scorciatoie programmate e riportate sui display applicati al volante.

DALLA RICERCA ALLA SERIE

Sperimentazione che andrà ancora avanti ed è destinata a tramutarsi in una specifica di serie almeno per alcune soluzioni, strumentazione virtuale multilivello in primis.

Sul fronte del volante con schermo touch, va detto del punto più avanzato raggiunto attualmente da Mercedes, a proporre su alcuni modelli dei pad a sfioramento sulle razze, per gestire le “pagine” della strumentazione virtuale e dell’infotainment.

Leggi anche: In arrivo il tetto solare sulle Hyundai ibride

Touchpad che “convivono” accanto a tasti fisici forse ancora troppo importanti per l’immediatezza d’utilizzo che permettono, una volta memorizzato il loro posizionamento.

Abitacolo virtuale Hyundai

Le ricerche sul Virtual Cockpit di Hyundai hanno esplorato tanto l’intuitività delle operazioni quanto la rapidità d’apprendimento e il livello di distrazione rilevato alla guida, tale da non interferire sulla guida, dai dati raccolti.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia