Hyundai i20 Hybrid debutta in Italia con batteria da 48 V a partire da 149 euro al mese

Completamente rinnovata nella tecnologia e nell'estetica, la nuova Hyundai i20 Hybrid arriva sul mercato italiano con un propulsore ibrido che combina un motore a benzina da 100 CV a uno elettrico da 48 V, in aggiunta o a un cambio automatico a 7 rapporti o al manuale iMT a 6 marce intelligente, che stacca il motore termico dalla trasmissione quando il piede non spinge sull'acceleratore. Il tutto unito a una connettività che posiziona questa segmento B in cima alla categoria.

Presentata nel corso di questo mese, la terza generazione di Hyundai i20 debutta ufficialmente nel mercato italiano. 

La nuova Hyundai i20 Hybrid ha ora un design più sportivo

Hyundai i20 Hybrid, oltre a presentare un design totalmente stravolto e votato ora alla sportività, dispone ora di un motore Mild Hybrid efficiente, che riduce i consumi, e punta ad essere l’auto più connessa e tecnologica della sua categoria.

Leggi anche: Test Drive Hyundai i20, una guida davvero sicura

HYUNDAI I20 HYBRID È INTELLIGENTE E CONNESSA

La nuova Hyundai i20 Hybrid rappresenta una forte sfida per il marchio sudcoreano, specialmente in un mercato, come quello italiano, dove le vendite di auto di segmento A e B sono molto alte e rendono quindi il settore delle city car e delle berline ultracompatte davvero molto competitivo.

Auto come la Ford Fiesta, la Renault Clio e la Peugeot 208 rappresentano alcune delle competitor più importanti della nuova i20, e sono le vetture che da sempre sono in vetta a una categoria in cui, comunque, anche il marchio coreano si posiziona bene.

Gli interni di Hyundai i20 Hybrid sono pratici funzionali

Ecco perché ora vuole rompere con il passato, cercando di distinguersi soprattutto per quanto riguarda la connettività. Il nome Connectline dell’allestimento base della nuova i20 parla molto chiaro: un’auto sì piccola, ma paragonabile alle grandi per dotazione di pacchetti di connettività e di sicurezza, che non fanno altro che andare ad aumentare la percezione di stabilità in una vettura già di per sé molto sicura e robusta.

Tra gli ADAS, possiamo annoverare:

  • La guida assistita Hyundai SmartSense
  • NSCC (Navigation-based Smart Cruise Control)
  • Intelligent Speed Limit Assist
  • Mantenimento di Corsia
  • Sistema di anti-collisione
  • Assistente di Parcheggio
  • Sensori per avviso di ripartenza in uscita dal parcheggio.

La connettività riguarda naturalmente anche la plancia. La nuova Hyundai i20 Hybrid, infatti, presenta un cruscotto interamente digitale, affiancato a un display centrale in rapporto di forma 16:9 negli allestimenti intermedi e 21:9 in quelli più ricchi, su modello della Kona, della i30 e delle altre Hyundai più recenti. 

Tra l’altro, il display sia del cockpit sia della plancia è opaco, una soluzione intelligente che riflette di meno la luce e migliora la visibilità. Il sistema di infotainment è il sempre ottimo Hyundai BlueLink, un sistema connesso in grado di dare informazioni in tempo reale su traffico, disponibilità dei parcheggi, e stazioni di rifornimento vicine.

Oltre a questo, la connettività della i20 comprende:

  • Riconoscimento vocale bluetooth
  • eCall
  • Connettività Android Auto/Apple CarPlay wireless
  • Base di ricarica wireless
  • Sistema audio Bose con 8 altoparlanti (nell’allestimento top di gamma)
  • Porte USB sia anteriori che posteriori

Leggi anche: Nuova Hyundai Tucson, cambiamento radicale. Avanti con Hybrid e Adas avanzati

DESIGN ESTERNO

Hyundai i20 Hybrid Connectline, come detto, si presenta esteticamente stravolta rispetto al passato. È il primo modello che, in Europa, presenta il nuovo corso stilistico chiamato Hyundai Sensuosus Sportiness, che parla molto chiaro sulla direzione estetica del marchio: meno forme classicheggianti, in favore di un design più sportiva, anche in vista della nuova Hyundai i20 N, la versione più pompata della vettura.

Il profilo della i20 Hybrid

Questo si traduce in una vettura con un tetto abbassato di 24 mm rispetto al modello precedente, e con una carrozzeria più larga di 30 mm. L’assetto abbassato e quasi schiacciato a terra è confermato dal frontale, basso e largo, con linee tese e muscolose, e la grande griglia che occupa quasi tutto l’anteriore, sviluppandosi in larghezza e spostando, di conseguenza, i fari anteriori alle estremità laterali. I fari, tra l’altro, sono full LED di serie in quasi tutti gli allestimenti.

Più particolare è invece il posteriore, con il suo nuovo gruppo ottico “a nastro” che si sviluppa in tutta la larghezza della vettura, e ha una posizione ribassata rispetto al solito, sempre per dare l’idea di un’auto bassa e ben piantata a terra. 

L’auto, oltre ad essere più larga, è aumentata anche in lunghezza, e nel passo: arriva ora a 4 metri e 4, a tutto vantaggio della seduta posteriore. Migliorato anche il bagagliaio, che ora parte da ben 351 litri a divano posteriore non reclinato. Completano la dotazione i cerchi da 17’’ con design ricercato, e la possibilità di avere una doppia colorazione, scelta che strizza l’occhio anche a un pubblico giovane. 

INTERNI

Gli interni sono tipicamente Hyundai, ovvero badano al sodo e puntano ad essere razionali. Praticamente tutte le funzioni si comandano dal display centrale, coi comandi vocali e con i comandi al volante,  ma nell’allestimento Connectline rimangono i 3 rotori dell’aria condizionata, sostituiti da un piccolo display LCD soft-touch negli allestimenti più ricchi.

La nuova plancia connessa di Hyundai i20 Hybrid

C’è un nuovo disegno per il volante, le cui razze hanno una forma in solita, ma in generale la i20 internamente vuole essere meno ricercata rispetto all’esterno, perché auto sicura vuol dire che tutto deve essere facilmente raggiungibile e attivabile, possibilmente senza staccare gli occhi dalla strada.

IL NUOVO SISTEMA IBRIDO DI HYUNDAI I20 HYBRID

La nuova estetica accompagna la nuova gamma dei motori, pensata per essere molto efficiente. È possibile scegliere tra due diversi propulsori e tre trasmissioni. Il motore top di gamma è il 1.0 T-GDi turbo benzina da 100 CV unito a un piccolo motore elettrico da 48 V, che permette una riduzione di circa il 4% dei consumi della vettura.

Il motore ibrido si può abbinare o a un cambio automatico doppia frizione a 7 marce (7DCT) oppure all’intelligente cambio manuale iMT a 6 marce, che scollega il motore dalla trasmissione ogni volta che il conducente lascia l’acceleratore, facendo entrare la i20 in modalità coasting (e risparmiando ancora sul carburante).

L’altro motore della gamma i20, non ibrido, è un 1.2 MPi 4 cilindri da 84 CV, unito a un cambio manuale a 5 marce.

LISTINO

La nuova Hyundai i20 Hybrid parte da un listino di 20.100 euro in allestimento Connectline con Exterior Pack, che include:

  • Cerchi in lega da 16’’
  • Cockpit Cluster Supervision da 10.25’’
  • DIsplay touch centrale da 8’’ in rapporto di forma 16:9
  • Retrocamera
  • Connettività Wireless a CarPlay e Android Auto
  • Fari Full LED

La casa propone la vettura con rette da 149 euro al mese più un anticipo di 6100 euro rottamando un vecchio veicolo (l’immatricolazione del veicolo da rottamare non deve essere successiva al 31 Dicembre 2010). È il finanziamento Hyundai i-Plus Gold, che dopo 4 anni permette al cliente di scegliere se tenere l’auto, sostituirla con un’altra Hyundai oppure restituirla.

Anche sulla Hyundai i20 Hybrid è attiva la sempre ottima garanzia di 5 anni a km illimitati. 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia