19 Settembre 2012

Hyundai i30 Wagon: la compatta coreana diventa familiare

La nuova generazione della Hyundai i30 wagon, presentata a marzo al Salone di Ginevra e pronta a debuttare in Italia proprio a settembre, si conferma come una delle più interessanti vetture del segmento C per il target delle aziende. L’abbiamo provata in anteprima in occasione dal Fleet Festival, tenutosi nel luglio scorso presso la sede di Hyundai Motor Europe a Francoforte.

PRONTA PER LE AZIENDE – Il nuovo modello si discosta dalla berlina 5 porte per le maggiori dimensioni esterne (4,48 m, pari a 18,5 cm in più) che, a fronte dell’interasse immutato, permettono di incrementare notevolmente il carico. Il vano bagagli, infatti, passa da 378 a 528 litri e, se si abbattono completamente i sedili posteriori, raggiunge una capienza massima di ben 1.642 litri: +18% rispetto alla versione precedente. Utilizzando del linguaggio stilistico della “Scultura Fluida”, l’i30 wagon è destinata a rafforzare la percezione del brand Hyundai, anche e soprattutto tra le aziende. L’eleganza della vettura è esaltata dalla griglia esagonale frontale e dai fari anteriori a goccia. Nella parte laterale, invece, colpisce subito come il tetto crei un’immagine ancor più fluida e slanciata, anche da ferma. La nuova i30 wagon trasuda dinamismo da qualsiasi angolatura la si osservi, anche in virtù delle linee pronunciate e scolpite che scorrono orizzontalmente lungo i lati, fino a raccordarsi con i gruppi ottici posteriori. Saliti a bordo, si tocca con mano il comfort e l’ampiezza dello spazio interno a disposizione: una comoda postazione di guida (nella versione Style è possibile regolare elettricamente altezza e profondità del sedile del driver), una plancia super accessoriata, il volante multifunzione e tanti vani portaoggetti.

Gabriele Costantino
Gabriele Costantino

ALLESTIMENTI – Come già sulla 5 porte, tre sono i livelli di allestimento a disposizione (Classic, Comfort e Style), tutti caratterizzati da una dotazione di serie completa che include anche l’innovativo Flex Steer, grazie al quale si può regolare la risposta del servosterzo scegliendo fra tre differenti modalità di guida (Comfort, Normal e Sport).

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia