23 Aprile 2021

Nuovo Dpcm, il calendario delle riaperture: ecco cosa cambia da lunedì

Tornano le zone gialle e, con loro, una parziale riapertura. Via a ristoranti, scuola in presenza e viaggi fuori dalla regione. Il coprifuoco, però, ci accompagnerà ancora a lungo.

Il Governo ha approvato il nuovo Dpcm, le cui norme saranno in vigore dal 26 aprile al 31 luglio. Così come già anticipato dal presidente del Consiglio Draghi in una conferenza stampa, da lunedì prossimo sarà ripristinata la zona gialla.

dpcm-riaperture

In vista della bella stagione e della possibilità di sfruttare gli spazi aperti – e in concomitanza con il progredire della campagna vaccinale – il nuovo decreto concede una graduale riapertura delle attività commerciali e della convivialità. Nel dettaglio, ecco la roadmap di quello che cambierà a partire dal prossimo 26 aprile.

Con la precisazione che l’attuale coprifuoco dalle 22:00 alle 5:00 resterà valido in tutte le zone, salvo modifiche, almeno fino a giugno.

Approfondisci: Come funzioneranno i vaccini in azienda e le nuove regole per la sicurezza sul lavoro

IL CRONOPROGRAMMA DELLE RIAPERTURE

DAL 26 APRILE

  • Spostamenti

Nei territori che rientrano in zona gialla ci si potrà spostare liberamente senza autocertificazione. Mentre per muoversi verso regioni arancioni o rosse servirà il pass che certifichi la vaccinazione, la guarigione dal Covid o la negatività di un tampone effettuato al massimo 48 ore prima.

  • Ristoranti

Riaprono i ristoranti in zona gialla, sia a pranzo che a cena, ma con l’obbligo di utilizzare esclusivamente i tavoli all’aperto. In zona arancione e rossa resta consentito il solo asporto.

  • Spettacoli

In zona gialla riapriranno i musei, i teatri, i cinema, le sale da concerto e i live-club. Gli spettacoli si svolgeranno solo con posti a sedere preassegnati, ad almeno un metro di distanza, un massimo di 1.000 spettatori all’aperto e 500 al chiuso e con una capienza che, in ogni caso, non può superare il 50% di quella massima.

  • Sport

Nelle regioni appartenenti alla fascia gialla saranno consentiti gli sport all’aperto, anche quelli di contatto, anche a livello amatoriale.

riaperture-scuola

  • Scuola e università

Da lunedì 26 aprile, in zona gialla e arancione, le scuole superiori dovranno garantire la didattica in presenza di almeno il 70% della popolazione studentesca. Mentre in zona rossa la presenza, ad almeno il 50%, non deve superare il 75%.

Per quel che riguarda l’università, fino al 31 luglio, nelle zone gialle e arancioni le attività dovranno svolgersi prioritariamente in presenza. In zona rossa, invece, sarà favorita la presenza degli studenti del primo anno.

Approfondisci: Documenti auto, tutte le proroghe causa Covid

DAL 15 MAGGIO

  • Attività commerciali

Da metà maggio, in zona gialla, i centri commerciali e i mercati potranno restare aperti anche nei giorni festivi e nei fine settimana.

  • Lidi e piscine

Dal 15 maggio al via anche a piscine all’aperto e stabilimenti balneari, ma solo in zona gialla.

DAL 1° GIUGNO

  • Ristoranti

Da giugno 2021 potranno riaprire anche i bar e i ristoranti al chiuso. Al momento solo a pranzo, ma non si esclude che la misura possa essere estesa anche per la cena.

riaperture-palestre

  • Sport

Da giugno in zona gialla potranno riaprire anche le palestre al chiuso. E stadi e palazzetti riapriranno le porte al pubblico, con una presenza massima di 1.000 spettatori all’aperto, 500 al chiuso e una capienza massima del 25%.

DAL 15 GIUGNO

  • Fiere

Dal 15 giugno in zona gialla torneranno a essere consentiti gli eventi fieristici.

DAL 1° LUGLIO

Da luglio in zona gialla sarà possibile organizzare convegni e congressi. Riapriranno i parchi tematici di divertimento e i centri termali.

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità di Fleet Magazine seguici sui nostri canali social. Siamo su Facebook, Linkedin, Instagram e Google News. Iscriviti al canale Youtube ufficiale e non perderti tutti i Test Drive e gli altri video della nostra redazione.

Leggi anche
Consigliati per te
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia