10 Settembre 2020

Volkswagen produce più würstel che auto, Porsche e Bentley preferiscono il miele

Tour gastronomico delle case auto. Volkswagen prepara dei famosissimi würstel. Mentre Porsche, Rolls Royce, Bentley, Lamborghini e Ducato sono tutti appassionati produttori di miele.

Non basta produrre vetture elettriche per essere ecologici. L’ambientalismo è uno stile di vita a tutto tondo, che passa anche e soprattutto dalla tavola. Per diventare green bisogna iniziare a mangiare green, meglio se prodotti biologici e magari a chilometro zero.

cibo case auto

Per i produttori di automobili l’ecologia è più che una scelta. Le normative Ue impongono severi limiti alle emissioni di Co2 consentite alle aziende dell’automotive. E per ridurre il proprio impatto ambientale, le case hanno trovato soluzioni alternative, l’apicoltura ad esempio.

Approfondisci: Riusciranno i costruttori auto a rispettare le scadenze Ue sulle emissioni?

MIELE MANIA

Lo chiamano “miele di balcone”, quello prodotto da metropolitani votatisi all’apicoltura, con le arnie sul terrazzo. Una moda arrivata da New York e ormai popolarissima. Anche tra le case auto. Non si contano più sulle dita di una mano le aziende automotive produttrici della dolce crema.

Le turbo api di Porsche e Rolls Royce

Alla passione per i motori, Porsche affianca quella per gli animali. La sede di Leipzig è circondata da 132 ettari di verde, casa di pony, cavalli e buoi, ma anche uccelli, anfibi, lepri e persino cervi. E, dal 2017, sede operativa di un alveare composto da 3 milioni di api. Lavoratrici indefesse cui si deve il Turbienchen, miele millefiori venduto nel Museo di Porsche a Stoccarda. In un anno ne sono stati prodotti ben 1.000 vasetti.

miele-Porsche-

Porsche non è la prima casa ad appassionarsi all’apicoltura. Rolls Royce possiede da anni un vero e proprio apiario a Goodwood, abitato da 250.000 api che non hanno mai smesso di lavorare, neppure in lockdown, facendo guadagnare all’azienda inglese il titolo di struttura industriale più ecologica del Regno Unito. A differenza di quello Porsche, però, per assaggiare il miele Rolls Royce è necessario acquistare un’auto.

Questione di biomonitoraggio

Buono ma anche utile, il miele ha la capacità di rilevare l’inquinamento presente nell’ambiente in cui è prodotto. Oltre che per addolcire la colazione dei dipendenti, le case lo utilizzano per misurare il proprio impatto ambientale. È il caso di Lamborghini che sforna una media di 350 chili di miele all’anno, da regalare ai lavoratori a Natale. E di Ducato, che si occupa di biomonitoraggio sul miele nello stabilimento di Borgo Panigale.

miele Bentley-

Bentley, invece, si preoccupa della biodiversità. Gli apicoltori a quattro ruote del sito di Crewe, si occupano di piantare nella campagna locale i pollini di fiori selvatici raccolti dalle api operari dei due alveari dello stabilimento. L’ambizione di Bentley è «diventare il produttore automobilistico di lusso più sostenibile», e l’attenzione al dettaglio si nota già dal packaging dei vasetti.

Leggi anche: Interni auto con materiali riciclati, la svolta green dell’automotive

I WÜRSTEL TARGATI VOLKSWAGEN

La vera veterana gastronomica delle case auto è senza dubbio Volkswagen. Sono più di quarant’anni che il brand tedesco è entrato in cucina. Tutto iniziò nel 1973, anno in cui iniziò la produzione interna degli ormai arcinoti würstel Volkswagen. Contrassegnati con il codice 199 398 500 A, come fossero un componente del telaio oggi sono venduti in numerosi negozi e persino allo stadio.

würstel volkswagen

Scelta meno salutista, ma decisamente golosa. La ricetta, segretissima, si contraddistingue per il generoso utilizzo di spezie. Le salsicce sono preparate in più gusti e in due formati, da 12,5 e 25 cm di lunghezza. La percentuale di grasso è dimezzata rispetto alla versione tradizionale ed esiste anche una variante vegetariana. Per capire quanto siano importanti i würstel per Volkswagen, basti pensare che quest’anno ne sono stati prodotti 6,8 milioni, contro i 6,2 milioni di auto.

 

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia