Immatricolazioni auto: calo del -7,9% nel Nord-est, lieve crescita al Sud

Le immatricolazioni auto in Italia nel 2018 sono in leggera flessione, al di fuori delle regioni meridionali, solo Veneto e Toscana registrano volumi di mercato in crescita.

Le immatricolazioni totali di auto in Italia nel 2018 sono state 1.910.415, in lieve diminuzione (-3,1%) rispetto al 2017, anno che ne aveva registrate 1.971.645. Se guardiamo al mercato suddividendolo per aree geografiche, notiamo che le vendite risultano in aumento solo nelle regioni del Sud e Isole, con un +1,4%.

IL MERCATO AUTO DA NORD A SUD

Diamo un’occhiata ai dati delle immatricolazioni per regione (elaborazione Anfia su dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti):

  • Italia Nord-Ovest: 588.801 immatricolazioni, pari al 30,8% del mercato italiano, in calo del -7,9% rispetto al 2017
  • Italia Nord-Est: 626.739 immatricolazioni, pari al 32,8% del mercato italiano, in calo del -1,7% rispetto al 2017
  • Italia Centro: 393.175 immatricolazioni, pari al 20,6% del mercato italiano, in calo del -1,1% rispetto al 2017
  • Italia Sud-Isole: 301.700 immatricolazioni, parti al 15,8% del mercato italiano, in aumento del +1,4% rispetto al 2017

Al di fuori delle regioni meridionali, solo Veneto e Toscana registrano volumi di mercato in crescita, rispettivamente dell’1,3% e dell’1,2%. 

Tra le regioni con un calo maggiore delle immatricolazioni spicca invece il Piemonte, con 178.039 nuove registrazioni, in calo del -19% sull’anno precedente (va detto, però, che il 2017 registrava un aumento del 23,2% sul 2016).

IL RUOLO DEL NOLEGGIOnoleggio auto

Da inizio anno, in Valle d’Aosta e in Trentino Alto Adige è stato immatricolato il 18% del mercato complessivo, grazie alla presenza del noleggio.

Infatti, la modifica alla disciplina dell’Imposta provinciale di trascrizione (Ipt), che consentiva di eseguire le formalità relative all’Ipt su tutto il territorio nazionale, con destinazione del gettito d’imposta alla Provincia dove ha sede legale o residenza il soggetto passivo (inteso come proprietario-acquirente o intestatario del veicolo) non ha praticamente pesato sui noleggiatori. Le società di noleggio hanno continuato ad aprire sedi nelle due province che hanno una Imposta provinciale di trascrizione ridotta e a pagarla lì come effettivi proprietari dei veicoli.

DOVE SI IMMATRICOLA GREEN

Le regioni che hanno un mercato più esteso di auto a GPL sono:

  1. Piemonte (19% di quota)
  2. Emilia Romagna (13%)
  3. Lazio (12%)
  4. Lombardia (11%)
  5. Veneto (10%)
  6. Toscana (8%).

Per le auto a metano invece questa è la classifica:

  1. Emilia Romagna (20% di quota)
  2. Marche (13%)
  3. Toscana (12%)
  4. Veneto (12%)
  5. Lombardia (8%)

Il 79% delle autovetture elettriche è immatricolato in sole 4 regioni: Trentino Alto Adige, con una quota del 39%, Toscana (19%),  Lombardia (12%) e  Lazio (9%).  Le due province con il maggior numero di auto elettriche immatricolate nel 2018 sono Trento (1.633) e Firenze (886), intestate per il 95% a società di noleggio.Ricarica auto elettrica

Leggi anche: Le varie tipologie di motori ibridi

Il 72% delle autovetture ibride plug-in/extended range è immatricolato in sole 4 regioni: in Trentino Alto Adige il 28%, il 22% in Lombardia, il 17% in Toscana, e il 5% in Lazio.  In testa per le vendite di auto mild hybrid o full hybrid si trovano: Lombardia, Trentino Alto Adige, Lazio, Emilia Romagna e Veneto.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia