28 Ottobre 2020

ForumAutoMotive 2020, incentivi: basta stop&go, serve un piano strategico

A ForumAutomotive 2020 gli esponenti della filiera automotive e della politica si sono confrontati sul futuro delle quattro ruote in questo momento così complicato. Tema forte: gli incentivi, che vanno confermati attraverso un piano strategico e di lunga durata.

La seconda ondata di Covid si sta già facendo sentire sul settore auto. Per questo, gli incentivi – ecco quelli già finiti – sono decisivi: basta stop&go, come accaduto nei mesi scorsi, serve un piano strategico. Concetti chiari, che sono emersi chiaramente nel corso di ForumAutoMotive 2020, il movimento d’opinione sui temi legati alla mobilità a motore promosso dal giornalista Pierluigi Bonora, che si è svolto in modalità digitale a causa delle restrizioni determinate dalla pandemia. 11121

Tavola rotonda ForumAutomotive 2020

L’evento, che si è svolto lunedì pomeriggio e ieri mattina, ha visto confrontarsi numerosi esponenti della politica e della filiera automotive su vari temi, dal settore dei truck, allo status attuale dei concessionari, fino alla micromobilità. 

INCENTIVI, SERVE UN PIANO 

Apertura dedicata ai truck, un settore che necessita di aiuti pluriennali per rinnovare un parco circolante attualmente anziano e poco sicuro. E che vede nella telematica un’alleata. “Vedo un futuro solido per l’avanzamento della tecnologia a bordo dei veicoli, il 5G può impattare molto. Come LoJack abbiamo lanciato soluzioni in grado di rendere più efficienti le spedizioni e aumentare la sicurezza dei driver” ha spiegato Massimo Braga, vice direttore generale di LoJack Italia

Approfondisci: cosa pensano i Fleet Manager della telematica? La nostra survey

Il punto dei concessionari

Il piano di aiuti serve ancora di più per le auto. Concessionari e Case sono stati concordi nel delineare un quadro complicato ancor di più dalla seconda ondata di Coronavirus. Secondo Adolfo De Stefani Cosentino, presidente di Federauto, “gli incentivi ci avevano aiutato e anche un po’ illuso. Il mese di ottobre era iniziato bene, ma le trattative sono notevolmente calate negli ultimi giorni e in modo particolare nelle regioni in cui il Covid si sta facendo sentire con più forza. Faremo fatica ad arrivare a 1 milione e 400mila macchine a fine anno (-26%). Eppure, per effetto degli incentivi lo Stato ha incassato in termini di Iva più di quanto ha immesso sul mercato in forma di bonus”.

L’acuirsi della pandemia, dunque, ha determinato un notevole decremento degli afflussi in concessionaria, calati, come spiegato dal dealer Tony Fassina, nell’ordine del 40 per cento. 

Il punto delle Case

Michele Crisci, presidente di Unrae, si è soffermato, in particolare, sul meccanismo sbagliato di stop&go degli incentivi: “I beni durevoli, come l’auto, richiedono un approccio strategico. Se la Legge di Bilancio non porterà avanti un sistema di incentivazione, si sarà prodotto solo un’anticipazione di acquisti, senza concreto impatto sul parco circolante. Una strategia efficace deve essere sostenibile ambientalmente ed economicamente e basata sulla neutralità tecnologica. Della strategia dovranno far parte le infrastrutture e la leva fiscale”.

Sullo stesso argomento, è intervenuto anche Gianluca Benamati, vice presidente della Commissione Attività Produttive della Camera: “Gli incentivi hanno dato un buon risultato sul fronte delle vendite e della riduzione delle emissioni medie. E’ stato un errore non rifinanziare nel DL Agosto le fasce che li hanno già esauriti. Dobbiamo accompagnare l’attuale sistema verso le nuove alimentazioni. Con i fondi europei di Next Generation partirà un piano generale per l’automobile”.

incentivi rottamazione

Il punto di Aniasa

Gli incentivi devono riguardare non solo il nuovo, ma anche l’usato. Massimiliano Archiapatti, presidente di Aniasa, ha ricordato come il noleggio sia protagonista della mobilità sostenibile non solo per la propria flotta, tutta Euro 6, ma anche per l’usato fresco che produce e mette ogni anno sul mercato: “Gli incentivi sull’usato consentirebbero di raggiungere fasce di popolazione con minore possibilità di spesa, non toccati dai bonus sul nuovo”.

Leggi anche: fisco e mercato, il nostro punto con Aniasa

Incentivi sull’elettrico

Infine, anche la mobilità elettrica, che è in crescita esponenziale in tutta Europa, ha bisogno di incentivi. “Quest’anno arriveremo a 28.000 vetture elettriche in Italia, con un +300% di vendite nonostante il COVID-19. In Germania nel solo mese di settembre ne sono state vendute 20mila. Per supportare una più ampia diffusione dell’elettrico abbiamo bisogno di incentivi e soprattutto di nuove infrastrutture” ha spiegato Dino Marcozzi, segretario generale di Motus-E.

LA MICROMOBILITÀ VA REGOLAMENTATA

La seconda giornata di ForumAutoMotive 2020, che ha visto assegnare il Premio Dekra Road Safety Award al Sindaco di Genova, Marco Bucci, per la realizzazione del nuovo Ponte della società ligure, e il Premio Personaggio dell’anno 2020 per ForumAutoMotive al presidente di Anfia Paolo Scudieri, ha visto affrontare i temi del green e della micromobilità. Per quest’ultima, servono regole stringenti per evitare incidenti e caos in città.

Premio ForumAutoMotive 2020

“Legittimo cercare di decongestionare il traffico nelle città, ma senza penalizzare tout court  chi utilizza il mezzo privato per lavoro e regioni legate a esigenze particolari. Contro l’auto è stata scatenata una campagna di odio ingiustificata e figlia della pura demagogia. Ci vuole buon senso ed equilibrio, e soprattutto rispetto delle regole. Chi compie violazioni al Codice della strada, anche se con un mezzo appartenente alla micromobilità, dev’essere perseguito severamente. No ai due pesi e alle due misure. Inoltre, i nuovi provvedimenti legati alla viabilità non devono essere improvvisati, bensì studiati attentamente e in funzione di tutti gli utenti della strada” ha sintetizzato Pierluigi Bonora a chiusura dell’evento digitale.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia