13 Dicembre 2017

Incidenti stradali, adesso i rilievi si fanno con il drone

Incidenti stradali, addio a metro e gessetti per i rilievi. Entra in scena il drone, che permette di avere una fotografia precisa della dinamica, mettendo assieme più foto scattate dall’alto.

L’obiettivo è quello di digitalizzare la scena di un incidente stradale. Altissimo il livello di precisione, pari a cinque centimetri. Il progetto vede come attori principali Evolvea, General Expert e IDS.

I droni in questione, utilizzati per la cristallizzazione degli incidenti stradali, sono gli unici provvisti dell’autorizzazione dell’Enac per operare in qualsiasi scenario. Potranno esserne dotati le forze dell’ordine, i mezzi di soccorso stradale e anche le società che vogliono offrire questo tipo di servizio. In questo modo le compagnie assicurative che dovranno poi valutare le responsabilità avranno una prova inconfutabile e digitalizzata dell’incidente.

Approfondisci: Leggi l’ultimo Rapporto Aci-Istat sugli incidenti

PERCHÉ CONVIENE UTILIZZARE IL DRONE

Diversi i vantaggi dell’utilizzo del drone nella cristallizzazione dei sinistri stradali. Oltre a una ricostruzione più semplice dell’incidente, questa tecnologia garantisce anche la possibilità di liberare più velocemente la strada, sbloccando la circolazione dei veicoli e quindi meno ore perse in coda aspettando che vengano rimossi i veicoli incidentati. Inoltre, c’è l’aspetto legato alle frodi, con la determinazione di cause e responsabilità del sinistro.

Leggi anche: Incidenti mortali nelle strade, ecco cosa si nasconde dietro l’aumento delle vittime

INCIDENTI STRADALI, COME FUNZIONA IL DRONE

I droni utilizzati per la cristallizzazione degli incidenti stradali sono dotati di pilota automatico. Si può delimitare l’area di azione del drone, in base alla zona del sinistro, arrivando addirittura a costruire delle gabbie virtuali. In questo modo, anche se ci dovesse essere qualche anomalia, il drone non esce dal perimetro imposto. Un aspetto importante per la sicurezza. L’apparecchio, inoltre, è capace di decollare e atterrare in totale autonomia, ma è possibile manovrarlo pure con il radiocomando.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia