21 novembre 2016

Per ACI Global efficienza è anche sinonimo di connettività

Il progetto ha preso avvio sei anni fa, quando ACI Global ha posto il primo mattone di quella che oggi è sempre più una “architettura di assistenza 4.0”. Il 2010 è stato infatti l’anno del lancio della APP per l’Assistenza Georeferenziata “i803.116”, una novità assoluta nel settore. Da allora si sono susseguite altre innovazioni di carattere tecnologico, sino ad arrivare alle più recenti (la presentazione della piattaforma Dispatch e del nuovo mezzo di soccorso “Future Patrol”).

PER SAPERNE DI PIÙ

 

Interventi valsi a caratterizzare il servizio offerto dalla società dell’Automobile Club d’Italia sotto il doppio profilo dell’efficienza e della connettività.

VELOCITÀ + QUALITÀ DI INTERVENTO = RISPARMIO

Un connubio importante, quello tra l’esperienza maturata nel corso dell’attività ultrasessantennale di ACI Global e l’apporto fornito dai sistemi informatici e dalla telematica, utile a costruire un pacchetto di servizi in grado di rispondere alle istanze generate da un mercato dinamico e in costante evoluzione.

Accanto alla gestione delle chiamate automatiche con invio della posizione GPS (sia effettuate da smartphone sia partite da una black box in modalità BCall), divenute ormai una prassi operativa, un altro asset chiave per la società è costituito dalla modalità di affidamento in automatico dell’intervento di assistenza al carro idoneo più vicino al punto di fermo del veicolo in panne. La chiamata, veicolata attraverso la piattaforma Dispatch, arriva sul tablet fornito in dotazione ai conducenti dei mezzi di soccorso.

L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA ACI GLOBAL CHE FA LA DIFFERENZA

Pasquale Salvatore ACI Global
Il direttore Rete ACI Global, Pasquale Salvatore

ACI Global, provider per i servizi di mobilità di numerose Case auto, società di noleggio, nonché del mondo assicurativo e aziendale, supporta i propri Clienti nello sviluppo e nell’integrazione di modalità di soccorso legate alla tecnologia di geolocalizzazione dei veicoli.

Al fine di fornire loro una soluzione di assistenza sempre più semplice, veloce e completa, lo scorso mese di luglio è stata presentata una nuova generazione del mezzo adibito all’intervento su strada, il Future Patrol, vera e propria officina mobile dotata di un equipaggiamento che consente di risolvere direttamente sul posto i guasti frequenti, riducendo così sensibilmente i tempi di fermo tecnico dei veicoli, e di conseguenza gli ulteriori costi correlati.

LE POSSIBILITÀ CONNESSE AL CAR SHARING

Una caratteristica che non mancherà di essere notata dai Fleet Manager delle aziende (piccole, medie e grandi), e che si adatta in particolar modo al settore delle auto in condivisione, per il quale in futuro è attesa una crescita esponenziale.

veicolo SHARE'NGO
Uno degli EV della flotta SHARE’NGO su strada

“La mobilità, come sappiamo bene, sta cambiando profondamente, specialmente nelle grandi città – ha dichiarato Pasquale Salvatore, direttore Rete di ACI Global – e noi seguiamo questo trend non solo in qualità di operatore di car sharing in alcuni territori con GirACI. Lo facciamo anche, e soprattutto, come società di assistenza capace di intercettare le nuove esigenze di servizio relative a queste particolari flotte, caratterizzate da brevi ma frequenti utilizzi e stazionamenti su strada, con la costante necessità di controlli e manutenzioni necessari a garantire la circolazione in condizioni di sicurezza”.

Una traduzione concreta dell’utilità di poter ricorrere, in ambito cittadino, all’intervento del Future Patrol è dimostrata dal fatto che oggi ACI Global eroga l’assistenza anche ai veicoli SHARE’NGO.

L’ASSISTENZA AI VEICOLI ELETTRICI SHARE’NGO È “TARGATA ACI GLOBAL”

Lo scorso 4 ottobre è partito il servizio di assistenza tecnica di ACI Global sui veicoli elettrici della C.S. Group, società che opera nel mercato del Car Sharing con il marchio SHARE’NGO.

mezzo di traino di ACI Global
Un mezzo ACI Global in servizio con SHARE’NGO

L’innovativa piattaforma di condivisione SHARE’NGO utilizza veicoli 100% elettrici e ad alte prestazioni, con 120 km di autonomia e gli equipaggiamenti tipici di una citycar (es: 2 posti, 300 litri di bagagliaio, condizionatore, sistema innovativo di navigazione).

Il servizio SHARE’NGO è attualmente operativo nelle aree urbane delle città di Milano, Firenze e Roma, con una flotta circolante di circa 1.400 veicoli che – entro la fine del 2016 – raggiungerà le 1500 unità. L’ampliamento riguarderà anche l’estensione territoriale della copertura ad altre aree urbane.

I Centri Delegati ACI Global – selezionati ed operativi per il servizio – sono stati preventivamente formati sulle caratteristiche tecniche delle microcar elettriche attraverso la partecipazione a sessioni di training specifico tenute dai referenti di C.S. Group.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia