L’intelligenza artificiale di Audi e Nvidia al Ces di Las Vegas

L’intelligenza artificiale Audi al Ces di Las Vegas. Nel campo della guida autonoma, un ruolo decisivo lo hanno le macchine che sono in grado di apprendere. Per questo Audi ha portato al Consumer Electronic Show il suo Q7 deep learning concept.

Si tratta di una concept car a guida pilotata nata dalla collaborazione con Nvidia, l’azienda produttrice di processori grafici, schede madri e componenti per prodotti multimediali per PC e console.

COME FUNZIONA 

L’auto, orientandosi attraverso una telecamera anteriore, comunica con un’unità di calcolo Nvidia che a sua volta controlla lo sterzo con la massima precisione. Le prestazioni della centralina sono messe a punto appositamente per le applicazioni nel campo della guida pilotata.

La Audi Q7 deep learning concept apprende il percorso osservando tramite telecamere di addestramento supplementari le molteplici guide con un vero pilota. Di conseguenza, l’auto impara a interpretare direttamente le segnalazioni (ad esempio una segnalazione stradale luminosa provvisoria) e modifica la guida a seconda delle necessità, scegliendo il percorso breve o il percorso lungo a seconda della segnalazione.

Intelligenza artificiale Audi Q7 Deep Learning Concept

INTELLIGENZA ARTIFICIALE AUDI

I metodi di apprendimento utilizzati per la Audi Q7 deep learning concept sono simili al sistema di auto-apprendimento denominato Deep Reinforcement Learning, di cui avevamo già parlato a proposito della presentazione di Audi al Nips di Barcellona.

La differenza è che mentre il modellino in scala 1:8 utilizzato al Nips imparava a parcheggiare per errori e tentativi, la rete della Audi Q7 deep learning concept apprende anche osservando il comportamento del conducente, oltre che acquisendo dati durante le guide di addestramento.

ALTRE NOVITÀ DAL CES DI LAS VEGAS 2017

 

LA COLLABORAZIONE CON NVIDIA

La collaborazione tra Audi e Nvidia risale al 2005 e già nel 2007 Audi A4 si avvaleva di un chip Nvidia. I processori Nvidia sono integrati nel pianale modulare di infotainment, l’ultimo quello installato nel 2015 a bordo della Audi Q7.

Il successivo ampliamento del pianale farà il suo esordio quest’anno a bordo della nuova generazione di Audi A8. Il suo elemento principale è il processore Tegra K1 che grazie alla sua elevata potenza di calcolo supporta svariati display ad alta risoluzione, tra cui l’Audi virtual cockpit di seconda generazione, e permette nuove funzioni di infotainment. La connessione di informazioni onboard con informazioni online fa sì che l’auto diventi una parte sempre più integrante del cloud.

In futuro Audi e Nvidia rafforzeranno la loro partnership, unendo il know-how di Nvidia nel campo dell’ambiente di sviluppo per le applicazioni di intelligenza artificiale Audi con il bagaglio di esperienza che a Casa ha nel campo dell’automazione dei veicoli.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia