20 Dicembre 2020

Jeep 4xe, Renegade e Compass coppia d’assi ibridi

Sono i modelli dell’esordio Jeep nel campo ibrido plug-in e l’interpretazione tecnica è certo originale e preserva l’identità quattro ruote motrici del marchio

Renegade e Compass, come sempre. Anzi, con un “di più”. L’interpretazione 4xe, ibrido plug-in, spiega la propria forza nell’abbattimento delle emissioni di Co2, dei consumi, ma anche in un altro aspetto, che dice come possa considerarsi alternativa vera al diesel anche nell’impegno in off-road: le versioni Trailhawk sviluppano ben il 50% di coppia in più rispetto al Multijet 2.0 170 cavalli.

Jeep Compass 4xe

E l’erogazione della spinta massima, supportata dalla presenza del motore elettrico posteriore, in fuoristrada fa tantissimo.
Non solo sterrati, ma un’efficienza tutta da sfruttare in ambito urbano, grazie all’autonomia di marcia in elettrico, che nei percorsi cittadini può raggiungere i 54 km per Renegade e i 52 km per Compass 4xe. Sono i modelli d’esordio del 4xe Jeep, aprono la via in attesa di un Wrangler ibrido plug-in ancor più specializzato in ottica off-road.

autonomia renegade 4xe

Dalla loro, i due suv – declinati in due livelli di potenza, da 190 e 240 cv -, hanno la versatilità d’utilizzo, modelli “completi” per la connettività, l’assistenza alla guida avanzata, uno spazio per i bagagli che conferma valori adeguati, di 330 litri su Renegade 4xe e di 420 litri sul Compass ibrido plug-in. Valori merito del posizionamento della batteria e della compattezza del sistema di caricatore di bordo.

Approfondisci: Al volante di Renegade e Compass 4xe, stesso motore anime diverse

Ricarica che, al di là della presa domestica a 230v, è possibile con easyWallbox plug&play – con potenza autoregolabile da 2,3 kW fino a 7,4kW – o con la specifica avanzata, connessa e gestibile via app My Uconnect, Juicebox Connected Wallbox che opera a 3,7 o 7,4 kW, potenza a corrente alternata disponibile anche dalle postazioni pubbliche.

COMPASS 4XE AMICO DELLE FLOTTE

Compass 4xe Business
Un focus particolare lo richiede quest’ultimo per i due allestimenti che più di altri strizzano l’occhio al mondo flotte: Business e Business plus, entrambi nella declinazione 4xe da 190 cavalli, con il motore turbo benzina 1.3 litri a sviluppare 130 cavalli e il motore elettrico ad apportarne 60.

C’è tutto il necessario di serie, dai rivestimenti in tessuto ed ecopelle ai cerchi da 17”, proseguendo con attenzioni utilissime al volante come la regolazione lombare elettrica, proseguendo con la retrocamera Parkview e l’infotainment Uconnect 8,4 pollici nella specifica con navigatore satellitare, oltre alle interfacce Apple CarPlay e Android Auto. Il climatizzatore automatico e il selettore Selec Terrain con modalità Sport completano il pacchetto dei contenuti da segnalare.

Business Plus è allestimento ancor più curato, che sia nel design con i cerchi da 18 pollici o nei sensori di parcheggio anteriori, o ancora nell’automatismo per il parcheggio Park Assist.

ACCOMUNATI DALL’EFFICIENZA

Per emissioni inquinanti di Co2 e consumi, i valori di fatto sono sovrapponibili tra Compass e Renegade e i sistemi 4xe, accomunati dal motore elettrico di trazione da 60 cv, diversi nella potenza del termico, 1.3 da 130 o 180 cv: a batteria carica, il dato dichiarato nel ciclo WLTP è tra i 2,1 e i 2,2/100 km, per emissioni a partire da 47 g/km su Compass 4xe, da 49 g/km nel caso di Renegade 4xe 190 cv.

SELECT TERRAIN, NON SOLO OFF-ROAD

Jeep Renegade 4xe Selec Terrain
Si diceva come siano i progetti di sempre, suv fedeli al dna Jeep quando si tratta di snocciolare le doti di guida su sterrato. E l’allestimento Trailhawk, il più specializzato tra tutti, è declinato con l’ibrido plug-in da 240 cavalli, accompagnato da caratteristiche come un’altezza da terra di 21,3 cm per Compass e 20,1 cm nel caso di Renegade, rispettivamente con una capacità di guado di 50 e 40 centimetri.

Un giro di rotella, di Selec Terrain e tra le modalità di guida ritrovi la Sport che modifica la risposta dell’acceleratore e dello sterzo, oltre alla cambiata: tutto più reattivo.

Leggi anche: Guidare a noleggio Jeep Renegade 4xe, costi e soluzioni

Della trazione, le modalità 4WD Lock e 4WD Low, con il programma specializzato Rock su Trailhawk, permettono di affrontare passaggi anche molto impegnativi, fondi rocciosi compresi.

ENERGIA SEMPRE PRESENTE PER IL 4XE

È l’animo Jeep, sul quale si innesta l’ibrido plug-in e l’asse posteriore elettrico, disaccoppiato fisicamente dall’avantreno e alimentato dalla batteria da 11,4 kWh. Una gestione dell’energia che permette di spingersi su adeguati valori di autonomia in elettrico come di migliorare il comfort a bordo, ad esempio nella possibilità di impostare la temperatura del climatizzatore via app, oltre alle funzioni strettamente legate alle operazioni di ricarica, pianificabile dall’E-Control.

4x4 elettrico Jeep 4xe

I due suv 4xe avranno sempre l’energia necessaria al 4×4 elettrico, perché anche con la batteria scarica ci sarà la funzione Powerlooping a generare energia: sarà il motore elettrico collegato al turbo benzina che opererà da generatore ad alta tensione e alimenterà il motore di trazione posteriore.

L’esperienza di guida è anch’essa intuitiva, perché con il selettore su Hybrid è compito dell’elettronica gestire l’apporto del motore turbo benzina e dell’elettrico, quando privilegiare l’uno e quando procedere a zero emissioni. Una logica di controllo che prende in esame molteplici parametri, non solo il livello di carica della batteria ma anche le richieste di prestazione da parte del guidatore, le mappature di efficienza ideali di ciascuno dei motori, fino alla conformazione del percorso da affrontare, tra presenza di pendenze e valori di temperatura.

Un sistema ibrido che può essere impostato direttamente dal guidatore in Electric, marcia a zero emissioni e velocità fino a 130 km/h, oppure in e-Save, per mantenere il livello di carica (o incrementarlo fino all’80%) del pacco batterie.

UCONNECT, INFOTAINMENT E SERVIZI CONNESSI

Detto di un comparto Adas completo della frenata anticollisione, del Lane Departure Warning Plus, del riconoscimento dei limiti di velocità e (su Renegade 4xe) dei segnali stradali, la componente tecnologica dell’infotainment Uconnect è corredata da una miriade di servizi legati alla telematica.

Uconnect Jeep 4xe

Quello tra gli Uconnect Service – accessibili via app, smartwatch, sito web e infotainment dell’auto – più di tutti “a tema” è il My Fleet Manager, acquistabile dal portale dei servizi connessi Uconnect: rende possibile il monitoraggio e il controllo delle auto che compongono una piccola flotta, il tutto via app e pannello web.

Leggi anche: Gamma Jeep 2021, le 4xe accanto ai giganti

Integrazioni ulteriori sono nel My Wifi e My Theft Assistance. Gratuiti e attivabili dopo l’acquisto, sono il My Car, My Remote, My Navigation (su modelli con Uconnect 8,4 pollici e navigatore integrato), My eCharge, che per un’ibrida ricaricabile guadagna un peso particolare: permette la localizzazione delle stazioni di ricarica sulla mappa del navigatore e permette il oagamento della ricarica via app.

Di serie, attivo sin dall’acquisto è il My Assistant, dal quale avanzare una richiesta di assistenza stradale con geolocalizzazione dell’auto, ottenere un report via mail mensile sullo stato del veicolo, richiesta di soccorso a una centrale operativa.

Se il My Remote consente il controllo da remoto delle Renegade 4xe e Compass 4xe, il My Navigation integra la navigazione di una serie di informazioni in tempo reale – su traffico, meteo, autovelox – e la possibilità di inviare dalla app la destinazione al navigatore. Un mondo di servizi telematici da leggere anche in un’ottica di vantaggi di tipo assicurativo, con le formule Pay-as-you-Drive e Pay-how-you-Drive.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia