9 Dicembre 2020

La flessibilità del team Program: un valore aggiunto per “battere” il Covid

Nei momenti più duri della pandemia, Program si è distinta per il supporto dato ai Fleet Manager, non soltanto di carattere economico ma anche emotivo, confermandosi come un partner di fiducia, essenziale in tali momenti di difficoltà.

Il Covid ha messo alla prova le aziende clienti. Ne abbiamo parlato con il team Program, per sapere quali strumenti hanno messo in campo per stare vicino ai Fleet Manager.

IL VALORE DELLA FLESSIBILITÀ

Il valore della relazione è al centro del team Program, con una forte attenzione alla crescita comune.

I SERVIZI POST VENDITA

“L’area del servizio post vendita è il cuore pulsante del nostro business, è qui che si fa la differenza”, spiega Riccardo Pierinelli Responsabile Servizi Post Vendita di Program. Il Covid è stato uno tsunami che ha congelato la mobilità.

Malgrado i volumi si siano ridotti notevolmente nei mesi di marzo e aprile, Program ha sempre garantito la presenza fisica in azienda per assicurare l’erogazione del servizio, anche perché buona parte dei clienti appartengono ai cosidetti “servizi essenziali”, come logistica e Forze dell’Ordine, e non si sono mai fermati.

Altro tema subito affrontato, quello della sanificazione delle auto prima della consegna al cliente. “La struttura snella e l’approccio personalizzato di Program è un carattere distintivo del nostro servizio”, conclude Pierinelli.

L’AREA FINANZIARIA

Per il noleggio, marzo, aprile e maggio sono stati mesi molto impegnativi e tragici, che hanno impattato in termini di insoluti, richieste di supporto quali sospensioni e rateizzazione, per venire incontro alla mancanza di liquidità.

Spiega Leonardo Giannellini Responsabile Ufficio Crediti: “Noi come Program  non abbiamo preso misure generiche, ma su misura per ogni cliente: dalla dilazione di pagamento, alla sospensione, alla riduzione del canone di noleggio. Tutto questo è stato fatto nel momento di massima espansione della pandemia”.

Ma come avverrà nel 2021 la valutazione dell’affidabilità creditizia del cliente? “Il nostro ufficio ha l’obiettivo di tutelare oltre 5000 auto che sono il patrimonio dell’azienda, ma venendo incontro alle esigenze dei clienti. Le strategie saranno valutate settore merceologico per settore merceologico, analizzando i bilanci 2020 e associandoli a una verifica della storicità degli anni precedenti. Ogni azienda sarà valutata nel suo contesto perché è un valore da salvaguardare”, conclude Giannellini.

L’AREA COMMERCIALE

“Il Covid ha introdotto un elemento forte di discontinuità nel rapporto con i Fleet Manager, abbiamo reinventato i processi interni e la relazione a causa di una richiesta incalzante di aiuto”, spiega Paolo Umberto Campanale Responsabile Vendite Dirette di Program.

È così che è emerso e si è fortificato l’aspetto consulenziale della relazione. “Abbiamo cercato di modificare le nostre azioni e rimanere vicini ai Fleet Manager dando un consiglio sul modo di gestire la flotta e il Parco in momenti ambientali così difficili”.

Il 2021 rappresenta un orizzonte abbastanza incognito, fondamentale sarà non perdere la flessibilità e l’aspetto consulenziale, oltre alla particolare attenzione alla formazione che la società ha sempre avuto con Program Campus. A questo proposito, verranno creati nel corso del 2021 nuovi Program Campus dedicati alla sicurezza e ai veicoli ibridi/elettrici.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia