Land Rover Discovery Sport, suv spaziale

Nel segmento degli sport utility premium compatti, Discovery Sport svetta per spazio a bordo e modularità degli interni. Motori tutti mild-hybrid e chicche tecnologiche esclusive

In caso d’avventura, Land Rover Discovery Sport. Un’avventura che può avere i connotati dell’off-road impegnato – in guadi da 60 centimetri di profondità -, di un lungo viaggio da vivere nel massimo del comfort con 5 persone +2 a bordo, un’avventura da affrontare sempre con le carte di una gamma elettrificata mild-hybrid, benzina e diesel.

LAND ROVER DISCOVERY SPORT

Tra i suv di segmento compatto, Discovery Sport porta con sé l’eredità storica Land Rover in materia di quattro ruote motrici.

Land Rover Discovery Sport

La gestione elettronica permette di bilanciare le esigenze di massima trazione in modalità 4×4 con l’efficienza di consumi ridotti, grazie all’impiego in modalità 2 ruote motrici.

INTERNI, DISCOVERY CAMPIONE DI FLESSIBILITÀ

Interni di Discovery Sport

Un progetto dal profilo premium, nato su una moderna architettura con installazione trasversale dei motori, specializzato nel garantire un’elevata modularità dello spazio interno. I 2,74 metri di passo, su 4,60 metri di lunghezza, offrono 5 posti e 2 sedute extra e un totale di 24 diverse configurazioni possibili tra le sedute.

Leggi anche: Le novità Land Rover attese nel 2020

Seconda e terza fila adottano sedili singolarmente abbattibili, sono scorrevoli longitudinalmente e reclinabili quelli della seconda, dalla quale si può variare la disponibilità di spazio per le gambe del passeggeri, arrivando a ottenere un valore massimo di ben 97 centimetri per chi siede dietro guidatore e passeggero e fino a 65 centimetri per chi sta in terza fila.

STILE SOBRIO CON CARATTERE

Bagagliaio di Land Rover Discovery Sport

L’interpretazione dello sport utility adotta un design dinamico ed elegante, che ha nel tratto del frontale gli stilemi più forti del marchio. Tratti accompagnati da una piacevole lettura del portellone, chiamato a far coesistere la funzionalità di un bagagliaio facilmente accessibile, regolare nell’apertura, dalla soglia di carico favorevole, con un taglio quasi sportiveggiante, nella fascia che ingloba i gruppi ottici.

Del bagagliaio va detto come il volume utile sia ampissimo, da 897 litri nella configurazione 5 posti fino a un massimo di 1.794 litri con i sedili della seconda fila abbattuti.

ACTIVITY KEY, ALLA DISCOVERY DELL’AVVENTURA

Che sia un suv a vocazione davvero avventuriera lo sottolinea la possibilità di accedere a bordo con la Activity Key. Si tratta di un dispositivo wearable, indossabile alla stregua di uno smartwatch, grazie al quale si possono lasciare le chiavi dell’auto al sicuro, all’interno, e affrontare le attività più disparate senza il rischio di perdere o danneggiare la chiave.

Leggi anche: Smart Wallet Land Rover, guidare e guadagnare

Un Discovery Sport da portare al polso anche con le funzioni InControl Remote, che completano la consueta tecnologia di gestione e informazione sull’auto mediante app per smartphone con una soluzione per smartwatch.

INFOTAINMENT, TOUCH PRO CONNESSO

Infotainment Touch Pro su Discovery Sport

I contenuti hi-tech non si esauriscono nelle diverse forme di controllo dell’auto da remoto, vanno molto oltre. Tutte le versioni di Land Rover Discovery Sport sono dotate della retrocamera posteriore, con le immagini replicate sul nuovo sistema infotainment Touch Pro. Le potenzialità del sistema si esprimono su un ampio display da 10,25 pollici, completato da utili tasti fisici secondari per operare su climatizzazione e funzioni legate a off-road e Adas.

Abitacolo di Discovery Sport

Detto della possibilità di ricarica wireless dello smartphone, dell’interfaccia Apple CarPlay e Android Auto, il Touch Pro di Jaguar Land Rover è connesso su rete 4G. Lo scambio dati offre anche la funzione hot-spot, di condivisione della rete, dati 4G sui quali poggia l’aggiornamento software over-the-air: consente l’aggiornamento costante del software, quindi con funzioni sempre aggiornate, senza la necessità di recarsi in concessionaria per l’intervento.

Approfondisci: Infotainment JLR, ecco come si aggiorna

La navigazione connessa del Connected Navigation Pro offre non solo le informazioni sul traffico in tempo reale e il ricalcolo del miglior percorso, ma provvede anche ad avvisare sull’orario stimato di arrivo i contatti scelti dal guidatore, con la funzione Share ETA; l’integrazione auto-smartphone è nella possibilità di inviare la destinazione al navigatore e, nel caso di tratto finale da completare a piedi, proseguire con le indicazioni sul proprio telefono.

La componente infotainment va a completare un impianto con strumentazione digitale personalizzabile, da 12,3 pollici. È una Discovery Sport che sa, inoltre, imparare le abitudini e preferenze del guidatore, grazie alla funzione Smart Settings, che memorizza le scelte effettuate durante la guida in materia di climatizzazione, genere musicale ascoltato, posizione dei sedili, il tutto suddiviso giorno dopo giorno e in precise fasce orarie.

MOTORI, A TUTTO MILD HYBRID

Motori di Discovery Sport mild

Una tecnologia di diverso profilo, applicata al gruppo motore-trasmissione, accompagna Land Rover Discovery Sport. I propulsori sono tutti i modulari Ingenium di ultima generazione: quattro cilindri 2 litri, benzina e diesel, con assistenza mild-hybrid. L’elettrificazione leggera, a 48 volt, opera con uno starter-generatore di energia, collegato al propulsore mediante cinghia e in grado di recuperare energia e accumularla in una batteria agli ioni di litio.

I vantaggi? Molteplici in marcia, riassumibili in dati come la riduzione dei consumi fino al 6%, la diminuzione della Co2 emessa fino a 8 g/km e una spinta a supporto del motore pari a 140 Nm.

L’efficienza di Discovery Sport è in emissioni di Co2 comprese tra i 140 g/km del 2.0 diesel 150 cv e i 179 g/km del 2.0 turbo benzina 250 cv, il più prestazionale tra i motori in gamma. Svettano per consumi molto contenuti il 2.0 150 cv e 180 cv, rispettivamente a 5,3 e 5,6 lt/100 km. Interessante il bilanciamento prestazioni-consumi del diesel 2.0 240 cv.

Motore

Potenza

Consumi

Emissioni

2.0 Diesel 2WD

150 cv

5,3 lt/100 km

140 g/km

2.0 Diesel

150 cv

5,5 lt/100 km

144 g/km

2.0 Diesel

180 cv

5,6 lt/100 km

147 g/km

2.0 Diesel

240 cv

6,2 lt/100 km

163 g/km

2.0 Benzina

200 cv

7,8 lt/100 km

177 g/km

2.0 Benzina

240 cv

7,9 lt/100 km

179 g/km

INTEGRALE QUANDO SERVE

Detto del Terrain Response 2, selettore delle modalità di guida differenziate per tipologia e caratteristiche del fondo (4 scenari predefiniti) che ci si trova ad affrontare, la trasmissione di Discovery Sport è in un cambio automatico 9 marce dal quale la trazione va alle quattro ruote.

Terrain Response di Land Rover Discovery Sport

L’efficienza del sistema è nel Driveline Disconnect, grazie al quale in appena 4 decimi di secondo la motricità viene trasmessa alle ruote posteriori se l’elettronica rileva una perdita di aderenza delle ruote anteriori o uno scenario di guida la cui dinamica richiede la spinta anche delle ruote posteriori.

La performance massima è, invece, nella soluzione Active Driveline, con la gestione della coppia differenziata tra le ruote posteriori (torque vectoring).

ADAS, MANOVRE FACILI

Adas di Land Rover Discovery Sport

Il capitolo Adas di Land Rover Discovery Sport include sistemi essenziali come il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza, l’assistenza sul volante, il Lane Keep Assist, il monitoraggio delle condizioni del guidatore.

C’è, poi, un Adas particolarmente utile vista la vocazione di Discovery Sport: l’Advanced Tow Assist. Il suv è in grado di trainare un rimorchio fino a 2,5 tonnellate di carico, l’assistente alle manovre in retromarcia opera suggerendo le operazioni da compiere al volante per muoversi agevolmente e senza difficoltà in manovra, in retromarcia.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia