21 Gennaio 2020

Mobilità sostenibile in Europa: quali sono i paesi “pronti” alla transizione?

L'indice di preparazione ai veicoli elettrici 2020, proposto da LeasePlan, registra un miglioramento. L'aumentata predisposizione dei paesi europei all'avvento dei veicoli elettrici si deve all'incremento delle infrastrutture pubbliche di ricarica e ad alcune agevolazioni fiscali. In Italia Milano conquista il primato di "capitale elettrica".

Sebbene solo il 20% delle emissioni europee sia imputabile al trasporto su strada, la transizione alla mobilità sostenibile è fondamentale per opporsi al cambiamento climatico.

auto elettrica si ricarica in postazione pubblica

A tal proposito LeasePlan ha stilato l’Indice di preparazione ai veicoli elettrici 2020 dei paesi europei. Si tratta di un’analisi sulla preparazione di 22 paesi del vecchio continente per quanto riguarda l’introduzione dei veicoli elettrici.

L’indice è costituito a partire da quattro fattori:

  • la maturità del mercato dei veicoli elettrici;
  • la disponibilità di infrastrutture di ricarica;
  • gli incentivi governativi;
  • l’esperienza di LeasePlan per quanto riguarda i veicoli elettrici nei diversi paesi.

AUMENTANO LE IMMATRICOLAZIONI DI VEICOLI ELETTRICI

Secondo l’analisi di LeasePlan siamo sempre più preparati per l’avvento dei veicoli elettrici, anche se con delle variazioni a seconda della zona europea presa in considerazione. I paesi meglio predisposti sono i Paesi Bassi, il Regno Unito e la Norvegia.

La responsabilità di questo progressivo cambiamento si deve in parte all’incremento della disponibilità di infrastrutture pubbliche di ricarica, che hanno visto un aumento del 73%, ma anche alle agevolazioni fiscali a favore dei possessori di veicoli elettrici, attuati in diversi paesi europei.

Leggi Anche: nel 2040 il 50% delle nuove auto saranno elettriche

Mediamente le tasse addebitate a questa categoria corrispondono al 60% di quelle pagate dai conducenti di veicoli a combustione interna, anche se questa realtà non è vera per tutti gli stati europei. È il caso per esempio di Romania e Slovacchia, dove i possessori di veicoli elettrici sono sottoposti a una tassazione più alta.

Solo in Austria, Grecia, Irlanda e Regno Unito, i veicoli elettrici non sono soggetti a imposte automobilistiche.

infrastrutture di ricarica pubbliche in Europa

A riguardo, Tex Gunning, CEO di LeasePlan, afferma:

“Benché il nostro Indice di preparazione ai veicoli elettrici mostri che la guida elettrica stia diventando un’opzione praticabile in un numero crescente di paesi, vi è ancora molta strada da fare prima che tutti arrivino a condurre auto elettriche. Milioni di cittadini europei vivono ancora in paesi nei quali l’infrastruttura pubblica di ricarica è terribilmente inadeguata, o nei quali essi debbono pagare imposte più elevate rispetto ai conducenti di autovetture alimentate con carburante fossile. La transizione all’alimentazione elettrica è una delle azioni più semplici che ognuno di noi possa compiere per contrastare il cambiamento climatico e tutti dovrebbero potersi permettere di passare a una guida verde. I responsabili politici devono, quindi, farsi avanti, continuando a investire nell’infrastruttura pubblica di ricarica e incentivando la diffusione dei veicoli elettrici finché tale scelta non divenga naturale per qualunque conducente.”

Mediamente in Europa le immatricolazioni di veicoli elettrici sono corrisposte al 5,7% nel 2019, con un aumento del 60% rispetto all’anno precedente. I paesi che hanno registrato la maggiore crescita sono il Lussemburgo, con un aumento del 154%, l’Irlanda, con una crescita del 127% e i Paesi Bassi, in cui i veicoli elettrici sono aumentati del 120%.

MILANO CAPITALE DELLA MOBILITÀ ELETTRICA

Il 25% delle auto elettriche presenti sul territorio italiano circolano a Milano, rendendola la capitale della mobilità sostenibile del nostro paese. Il dato emerge da un approfondimento condotto da LeasePlan Italia, secondo cui un’auto elettrica ogni quattro che circolano nello stivale si trova proprio nel capoluogo lombardo. Andando più nello specifico l’85% dei veicoli sono auto, tra cui prevalgono Tesla Model 3, Nissan Leaf e Smart ForTwo; il restante 15% è invece costituito da veicoli commerciali, all’interno dei quali si preferiscono modelli quali Nissan NV200, Kangoo Express e Opel Vito.

A riguardo, l’Amministratore Delegato LeasePlan Italia Alberto Viano, afferma:

“Questi numeri testimoniano che la mobilità elettrica è una realtà che può essere protagonista nelle città italiane. La collaborazione tra pubblico e privato può rappresentare la chiave di volta per creare un solido sviluppo per una mobilità sostenibile funzionale per i cittadini e rispettosa dell’ambiente”

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia