LoJack: telematica e driver aziendali, vantaggi per tutti

Oggi non si fa che parlare di auto connesse e di opportunità e rischi legati allo scambio dei dati. Ma cosa interessa esattamente a un driver aziendale? LoJack Italia è andato a chiederlo ai diretti interessati e quello che è emerso è decisamente interessante.

LoJack Connect

A raccontarlo ai Fleet Manager è Massimo Braga, vice direttore generale della società, che all’assemblea pubblica Aniasa del 31 maggio, a Roma, in qualità di sponsor dell’evento, ha illustrato i principali punti di interesse davanti alla nutrita platea di addetti al settore riuniti nella raffinata cornice dell’Ara Pacis.

Leggi Anche: la telematica LoJack sale a bordo dei veicoli di ALD Automotive

ASSISTENZA AL VEICOLO

“L’area di principale interesse dei driver è quella di assistenza al proprio veicolo – spiega il manager – in termini, ad esempio, di localizzazione in caso di furto e di manutenzione ordinaria e straordinaria, in relazione alla quale gli piacerebbe essere aiutati ad avere un appuntamento nel Service Point, già programmato dal noleggiatore”.

Una circostanza – quest’ultima – che porterebbe a un grande risparmio di tempo e di energie per il driver, che si troverebbe l’auto sostitutiva e un appuntamento già fissato in officina e dovrebbe solo pensare a portare materialmente l’auto a fare l’assistenza.

ASSISTENZA ALLA PERSONA

Una seconda area di gradimento dei driver è quella dei servizi legati alla persona. In questo senso parliamo di assistenza in caso di incidente, anche semplicemente per sapere in tempo reale in quale carrozzeria portare il veicolo.

Leggi Anche: la CrashBoxx di LoJack traccia in tempo reale gli incidenti delle flotte aziendali

Inoltre, aggiunge Braga, “attraverso l’app del noleggiatore i driver potrebbero scattare una foto al sinistro appena avvenuto e caricarla sul gestionale del noleggiatore in tempo reale, snellendo processi e riducendo tempi e costi”.

INTRATTENIMENTO

In terza posizione troviamo i servizi di entertainment, come ad esempio un hotspot gratuito in auto al quale connettere il proprio smartphone oppure la possibilità di ricostruire i propri percorsi per fare la nota spese. “Il driver – osserva il vice direttore generale di LoJack Italia – è anche disposto a pagare per questo tipo di servizi”.

Leggi Anche: LoJack e il mondo del noleggio, una partnership consolidata

BENEFICI CONDIVISI

In generale, tutte queste soluzioni telematiche assicurano chiari vantaggi sia ai driver, e quindi ai gestori delle relative flotte, che ai noleggiatori.

“Da un lato, il driver è contento, e quindi lo è anche il suo fleet manager; dall’altro lato il noleggiatore ottimizza i propri processi gestionali. In questo modo si riducono i sinistri, anche attraverso la valutazione dello stile di guida che premia i più virtuosi e porta benefici a tutte e due le parti”.

Massimo Braga, vice direttore generale di LoJack Italia

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia