4 Gennaio 2019

Manovra 2019: i nuovi criteri per ecotassa ed ecobonus

Ecotassa per i veicoli più inquinanti: applicata solo su auto con emissioni CO2 superiori a 160 g/km. Variano anche i parametri per l'ecobonus, che conta investimenti fino a 60 milioni di euro per il 2019. Ecco l'elenco di tutti i modelli con emissioni CO2 fino a 70 g/km che beneficeranno degli incentivi.

Si all’ecotassa sulle emissioni, ma con qualche revisione. Dal 1° marzo 2019 tutti i veicoli immatricolati fino al 31 dicembre 2021 con emissioni di CO2 superiori ai 160 g/km saranno soggetti al pagamento di un’imposta parametrata ai consumi.

Manovra 2019: l'ecotassa sulle emissioni CO2 per le auto di lusso e i suv

Contestualmente potranno beneficiare dell’ecobonus, senza rottamazione, tutti i veicoli con valore di emissioni CO2 inferiori ai 70 g/km e un prezzo di listino al di sotto dei 50.000€ Iva esclusa. Rottamando il vecchio veicolo posseduto da almeno 12 mesi e appartenente alla categoria di omologazione Euro 1, 2, 3, 4 l’importo del bonus ammonta fino a 6.000€

Abbiamo stilato una lista di tutti i veicoli che rientrano nei criteri di applicazione dell’ecobonus, con il relativo contributo sul valore delle emissioni prodotte.

ECOTASSA: TESTO DI LEGGE APPROVATO IL 30 DICEMBRE

Dopo le prime indiscrezioni sulle modifiche alla manovra 2019, proseguiranno i lavori da parte della commissione Bilancio del Senato e il testo sull’ecotassa è stato approvato in via definitiva il 30 dicembre 2018

Leggi anche: la proposta di Motus-e all’incontro con il Governo 

L’ecotassa risparmia le utilitarie, ad esempio Fiat Panda e 500 che sono tra le auto più vendute in Italia, andando invece a incidere sull’acquisto di auto di lusso e Suv con emissioni di CO2 superiori a 160 g/km.

NESSUNA MODIFICA AL BONUS PER IBRIDE ED ELETTRICHE

La prima ipotesi dell’emendamento del Governo aveva sollevato numerose critiche, a partire da Fiat che, dopo aver pubblicato il suo piano di produzione per il periodo 2019-2020, aveva minacciato di ritirare gli investimenti (pari a 5 miliardi di euro) qualora il Governo avesse approvato l’ecotassa per emissioni superiori a 110 g/km (e successivamente 130 g/km).

Fiat Panda 2018 non sarà soggetta all'ecotassa 2019

La manovra, infatti presentava alcune incoerenze alla sua prima stesura, poiché penalizzava appunto un’auto come Fiat Panda, poco costosa e pensata per le famiglie, e d’altro canto offriva un bonus di 6.000 euro per auto elettriche decisamente costose come Tesla Model S.

Le modifiche, comunque, hanno lasciato invariato il bonus per le auto elettriche e ibride.

AUTO DI LUSSO E SUV: ECOTASSA PIÙ SUPER BOLLO

Se da un lato l’ecotassa va a penalizzare le auto di lusso con un maggior impatto ambientale, dall’altro è necessario ammettere che i veicoli più costosi siano già soggetti ad altre imposte, come il superbollo

Approfondisci: tutto ciò che c’è da sapere sul bollo auto

Parco auto circolante: l'ecotassa non aiuterà il rinnovamento

Inoltre, questa modifica all’emendamento potrebbe penalizzare l’acquisto di veicoli appartenenti a determinate categorie e di conseguenza non incrementare le vendite di auto nuove, poiché questo meccanismo di sconti non agevola chi vorrebbe cambiare macchina, senza però potersi permettere un’auto elettrica o ibrida.

Leggi anche: parco auto circolante, in Italia serve un rinnovamento

Aggiornamento 20/12/2018

NUOVE SOGLIE DI CO2 E REVISIONE DEL BONUS

La Manovra 2019 per la Legge di Bilancio è definitiva. Nuove soglie di emissioni di anidride carbonica fissate a 160 g/km e diversi parametri per beneficiare dell’ecobonus per l’acquisto di auto meno inquinanti. Restano gli incentivi per l’installazione di infrastrutture di ricarica elettrica private.

Ecotassa e Ecobonus: ecco i nuovi criteri e le nuove soglie per il 2019

Con la nuova omologazione del ciclo WLTP, è sorto il dubbio su quali valori di emissione dovessero essere presi di riferimento per l’applicazione del bonus/malus, dal momento fino al 2020 ci sarà una fase transitoria in cui i due cicli di omologazione (WLTP e NECD) coesisteranno.

L’emendamento ha evidenziato che fino al 31 dicembre 2020 i valori sull’emissioni di CO2 dovranno essere calcolati facendo riferimento alla regolamentazione NECD.

ECOTASSA

Il testo definitivo della Manovra 2019 ha alzato la soglia delle emissioni di CO2, con un’imposta progressiva a 4 scaglioni:

CO2 g/km

IMPOSTA €

161 – 175

1.100

176 – 200

1.600

201 – 250

2.000

Oltre 250

2.500

L’imposta si applicherà a tutti i veicoli immatricolati in Italia dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 e si andrà a sommare alle altre tasse già presenti: Iva, imposta provinciale di trascrizione, tassa automobilistica e superbollo (per le auto di lusso).

Leggi anche: stop all’uso improprio delle targhe straniere

L’ecotassa si dovrà pagare, quindi, una tantum all’atto di immatricolazione e sarà versata dall’acquirente tramite il modello F24. Non saranno soggetti all’imposta i camper e caravan, i veicoli blindati, le auto con accesso per sedie a rotelle e le auto funebri.

ECOBONUS

L’incentivo rimane, ma cambiano i criteri di applicazione. L’ecobonus riguarda solo i veicoli con emissioni di anidride carbonica fino a 70 g/km e un prezzo di listino inferiore a €50.000, Iva esclusa. Inoltre, con la rottamazione di un’auto Euro 0, 1, 2, 3, 4 posseduta da almeno 12 mesi, il bonus ammonta fino a 6.000€.

AGEVOLAZIONE

CO2 g/km

CONTRIBUTO €

Con rottamazione veicolo Euro 0-4

0-20

6.000

Con rottamazione veicolo Euro 0-4

21 – 70

4.000

Senza rottamazione veicolo Euro 0-4

0-20

2.500

Senza rottamazione veicolo Euro 0-4

21 – 70

1.500

Altra novità dell’emendamento è il limite agli incentivi, infatti per l’anno 2019 il Governo ha stanziato un tetto massimo di 60 milioni di euro di investimenti e 70 milioni per gli anni 2020 e 2021.

Leggi anche: le 5 auto ibride plug-in più economiche sul mercato (sotto i 42.000€)

La rottamazione dell’auto, ai fini del bonus, dovrà essere intestata all’acquirente del nuovo veicolo o a un familiare convivente. Il bonus sarà corrisposto dal venditore, sotto forma del prezzo di acquisto, che riceverà un rimborso dalla Casa auto.

COLONNINE DI RICARICA ELETTRICA

Confermati anche gli incentivi per l’acquisto di una wall box privata, che prevedono la detrazione delle spese per la posa di colonnine di ricarica elettrica.

Leggi anche: come inserire l’elettrico nella car policy aziendale

La detrazione può avvenire in 10 quote annuali di importo pari al 50% (fino a 3.000 €) di spesa documentata e sostenuta nel periodo 1 marzo 2019 – 31 dicembre 2021.

Aggiornamento 04/01/2019

LE AUTO CHE BENEFICERANNO DELL’ECOBONUS

MODELLO

EMISSIONI CO2

ECOBONUS

PREZZO FINALE

Audi A3 e-tron

36 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

36.850€ 

37.850€ 

BMW Serie 2 Active Tourer

52 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

35.750€ 

36.750€ 

BMW i3 elettrica

BMW i3 ibrida

0 g/km

13 g/km – 14 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

33.150€ 

35.850€ 

BMW 530e Business

47 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

57.650€ 

56.650€  

Citroën C-Zero

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

24.741€ 

26.741€  

Citroën e-Mehari

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

21.300€ 

23.300€  

Hyundai Ioniq elettrica

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

31.750€ 

33.750€  

Hyundai Ioniq ibrida

26 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

31.400€ 

32.400€  

Hyundai Kona

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

30.400€ 

32.400€  

Kia Niro

29 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

33.700€ 

34.700€  

Kia Optima berlina

37 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

41.500€ 

42.500€  

Kia Optima station wagon

33 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

43.250€ 

44.250€  

Mini Countryman Cooper SE

55 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

37.300€ 

38.300€  

Mitsubishi i-MiEV

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

23.900€ 

25.900€  

Mitsubishi Outlander PHEV

46 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

37.827€ 

38.827€  

Nissan Leaf

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

30.700€ 

32.700€  

Peugeot iON

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

22.151€ 

24.151€  

Renault Zoe

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

27.800€ 

29.800€  

Smart EQ fortwo coupé

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

17.920€ 

19.920€  

Smart EQ forfour

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

18.656€ 

20.656€  

Smart EQ cabrio

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

21.288€ 

23.288€  

Tesla Model 3 Long Range

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

54.580€ 

56.580€  

Toyota Prius 1.8 Plug-in Hybrid

22 g/km

2.500€ con rottamazione

1.500€ senza rottamazione

39.150€ 

40.150€  

Volkswagen e-Golf

0 g/km

6.000€ con rottamazione

4.000€ senza rottamazione

34.100€ 

36.100€  

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia