13 Novembre 2019

Manovra 2020, stangata sulle auto aziendali: retromarcia parziale del Governo

(Aggiornamento del 13 novembre) La tassazione sulle auto aziendali cambierà, in peggio, ma come e quando è ancora oggetto di discussione. Il Ministero dell’Economia sostiene l’applicazione del nuovo regime solo per le auto di nuova immatricolazione più inquinanti.

Prosegue il bailamme che vede al centro la tassazione delle auto aziendali. Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, non fa marcia indietro sul provvedimento che vuole una tassazione più alta per le auto assegnate ai dipendenti, ma apre a modifiche su forme e tempi.

UNA NORMA NON RETROATTIVA

Questo dovrebbe tradursi in una non retroattività nell’applicazione del nuovo regime previsto nella bozza della Manovra 2020. L’aumento considerevole delle imposte a carico dei dipendenti riguarderà solo le auto di nuova immatricolazione e solo quelle più inquinanti.

Leggi anche: Auto aziendali: cos’è il fringe benefit e come si calcola?

Secondo le stime del Ministero, si tratta di  trecentomila contribuenti toccati dalla misura. Un provvedimento che, dice il ministro Gualtieri, ha natura ambientale e “Serve al rinnovamento del parco auto, ma va comunque migliorata per evitare che si traduca in un aumento delle tasse per i dipendenti”. Una interpretazione fantasiosa, dato che le auto aziendali hanno un’anzianità notevolmente minore rispetto alla media del vetusto parco circolante italiano.

LA PARZIALE RETROMARCIA

auto aziendali tassazione

Già nei giorni scorsi, dopo le dure  reazioni della filiera automotive, il Governo aveva fatto parziale retromarcia sulla bozza della Manovra 2020, che inizialmente prevedeva la triplicazione della tassazione sulle auto aziendali in fringe benefit: escluse dal provvedimento le auto ibride e elettriche, per le altre la quota di imponibile salirà dal 30% al 60%, mentre saranno tassate al 100% soltanto le vetture superinquinanti, ovvero con emissioni di biossido di carbonio superiori a 160 g/km. Il Ministero, però, non esclude ulteriori modifiche in Parlamento.

Saranno esclusi dal provvedimento, invece, i veicoli ibridi e elettrici, così come i veicoli commerciali. Ulteriori modifiche, però, a detta dello stesso ministro dell’Economia e delle Finanze, potrebbero essere apportate in Parlamento nelle prossime settimane. 

AUTO AZIENDALI PENALIZZATE: UN LEITMOTIV

Nonostante le notizie di oggi, il succo generale, però, non cambia: la bozza della Manovra 2020 aumenta la tassazione per le vetture concesse in fringe benefit. In un contesto, quello italiano, in cui le auto aziendali sono già molto penalizzate dal punto di vista fiscale.

Un fatto inaspettato, considerando le premesse con il quale il nuovo Governo si era presentato, ovvero quelle un forte sostegno al comparto automotive. Invece, la fiscalità sulle auto aziendali pare destinata (ancora una volta) a inasprirsi ulteriormente. Andando a colpire un settore che funge da traino per il mercato dell’auto e, in generale, per l’economia italiana

Approfondisci: ecotassa e ecobonus, i frutti della Legge di Bilancio 2019

COSA PREVEDE LA BOZZA DELLA MANOVRA 2020

La bozza della Manovra 2020, resa nota mercoledì, prevede che lo sconto al 30% del valore (ai fini fiscali) di auto e ciclomotori concessi in uso promiscuo, attualmente in vigore per tutti i dipendenti, dal primo gennaio scatterà solo per i veicoli in uso ad “agenti e rappresentanti di commercio”.

Per gli altri dipendenti, la situazione è diversa: secondo la versione iniziale della bozza, tutte le auto in fringe benefit avrebbero dovuto essere tassate per il loro valore pieno, ovvero al 100%, stabilito, come si fa adesso, su una percorrenza convenzionale di 15mila chilometri annui e in base ai costi chilometrici indicati nelle tabelle dell’ACI. Una stangata da 513 milioni, che avrebbe coinvolto oltre due milioni di lavoratori dipendenti. 

Auto aziendali fringe benefit

La modifica successiva, invece, come detto, ha diminuito questa percentuale al 60% per quasi tutte le vetture, ad eccezione delle auto ibride e elettriche (escluse dal provvedimento) e delle auto superinquinanti, che invece saranno tassate al 100%.

Leggi anche: perché l’industria automotive sta perdendo profitti?

LE REAZIONI DELLA FILIERA AUTOMOTIVE

La retromarcia parziale del Governo è stata certamente innescata anche dalle reazioni delle associazioni della filiera, che tra mercoledì sera e giovedì avevano espresso assoluta contrarietà al provvedimento.

ANIASA: IPOTESI MIOPE

A caldo, mercoledì Aniasa aveva parlato di una “miope ipotesi, in netta antitesi con le indicazioni emerse dal Tavolo sull’auto presieduto dal Ministro Patuanelli e con l’impegno annunciato dal Governo di forte sostegno all’automotive”. 

Se da una parte, aveva proseguito l’associazione, “con l’annuncio del taglio del cuneo fiscale si vogliono aumentare i soldi in busta paga, dall’altra con questa misura si aumenta di oltre il 300% la tassazione sull’uso dell’auto aziendale. Dall’anno prossimo sarebbero colpiti oltre 2.000.000 di lavoratori che utilizzano questi veicoli, tassando perfino i chilometri percorsi per necessità di lavoro. Per non parlare delle sicure ripercussioni sulle politiche retributive di centinaia di migliaia di aziende di ogni settore”.

In questo modo, aveva concluso Aniasa, “si rendono ulteriormente gravosi i costi di mobilità e trasporto delle imprese italiane, già penalizzate da una disequilibrata fiscalità rispetto ai competitor europei, rendendo a questo punto inevitabile il ricorso in Commissione Europea per l’immediata applicazione della Sentenza di Strasburgo sull’equiparazione dei regimi Iva”. 

Rapporto Aniasa 2019 numeri noleggio auto a breve termine

Nel pomeriggio di giovedì, poi, l’associazione aveva diramato una nota ufficiale per ribadire ancora meglio il concetto. “Il Governo che a parole, con il Tavolo sull’Auto, dichiara di voler supportare la filiera delle quattro ruote, ne sta determinando il collasso. Siamo scioccati da questo atteggiamento schizofrenico, che conferma i timori di un’attitudine antindustriale che sembra animare le scelte di questo Governo”.

LE ALTRE ASSOCIAZIONI 

In generale tutta la filiera automotive era insorta di fronte alla prospettiva di una folle tassazione delle auto aziendali. Anfia, Unrae, Assilea e Federauto giovedì pomeriggio avevano pubblicato un comunicato congiunto: un appello al Governo, affinché ritirasse immediatamente la proposta. 

“In un contesto di fiscalità in cui l’auto aziendale è già fortemente penalizzata rispetto agli altri Paesi europei, l’approvazione di tale norma avrà pesanti ripercussioni sulla tassazione a carico dei lavoratori e metterà a serio rischio il rinnovo del parco circolante (scopri qui perché il parco italiano è vecchio), considerando che un terzo del mercato è rappresentato da auto aziendali”.

L’OSSERVATORIO TOP THOUSAND

Anche i Fleet Manager giovedì avevano assunto una posizione chiara e contraria nei confronti del provvedimento della Manovra 2020. “Già oggi abbiamo raccolto decine di richieste di restituzione della vettura aziendale da parte dei dipendenti nel caso in cui la norma andasse in porto” aveva sintetizzato Gianfranco Martorelli, presidente di Top Thousand, l’Osservatorio sulla mobilità aziendale composto da Fleet e Mobility Manager di grandi aziende nazionali e multinazionali attive nel nostro Paese.

Gianfranco Martorelli è il nuovo Presidente dell'Osservatorio Top Thousand

Secondo Martorelli, la norma “non tiene conto delle violente ripercussioni per le aziende italiane, dato che la vettura aziendale è oggi il principale strumento di incentivazione manageriale. Inoltre, la vettura aziendale ad uso promiscuo per molte figure professionali viene utilizzata principalmente per l’attività lavorativa e solo in parte per il  privato, non giustificando così  una tassazione al 100% del fringe benefit“.

La preoccupazione è forte, perché, con l’attuale situazione economica, “le aziende non potranno farsi carico di ulteriori costi per limitare l’impatto economico sui propri dipendenti”. Un impatto economico che, dopo le ultime novità, assume una forma minore. Ma se la bozza di legge in Parlamento sarà confermata, comunque, ci sarà.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia