Manutenzione dell’auto aziendale: quale formula scegliere?

La manutenzione dell’auto aziendale è un punto fondamentale quando si guida la vettura per lavoro. Il discorso vale sia se il proprio parco veicoli è composto da poche auto (una, se si è liberi professionisti), sia quando si è in presenza di una grande flotta.

manutenzione auto aziendale

Per la manutenzione dell’auto aziendale si possono scegliere diverse formule e diverse modalità di gestione. Vediamo quali sono le più diffuse. Un fatto è certo: ormai l’outsourcing è una scelta obbligata, specie in presenza di flotte aziendali di medie o grandi dimensioni.

Approfondisci: tutto quello che c’è da sapere sul tagliando dell’auto

COME FUNZIONA LA MANUTENZIONE DELL’AUTO AZIENDALE

La manutenzione dell’auto aziendale richiede attenzione e livelli di servizio molto elevati. Innanzitutto, per due ragioni: chi usa l’auto per lavoro, solitamente, percorre molti km e, quindi, i guasti sono più frequenti e, in secondo luogo, il fermo auto per il driver equivale a tempo prezioso sottratto alla sua attività.

All’interno della nostra survey Noleggio & Qualità, pubblicata lo scorso anno, abbiamo visto quali sono i servizi indispensabili legati alla manutenzione dell’auto aziendale: il soccorso stradale, gli interventi in officina, che naturalmente devono avvenire nel minor tempo possibile, e l’auto sostitutiva.

LE DIVERSE MODALITÀ DI GESTIONE

Come accennato, le aziende di dimensioni medio-grandi possono scegliere diverse formule per la manutenzione dell’auto. La più diffusa è quella “all’inclusive” all’interno del contratto di noleggio a lungo termine. Ovvero, è l’azienda di renting a occuparsi tanto del soccorso stradale, quanto della manutenzione ordinaria e straordinaria dell’auto, che avviene all’interno delle officine convenzionate distribuite sul territorio nazionale.

Ci sono però aziende che prediligono la formula della proprietà, per ragioni “culturali” (in Italia è ancora forte il concetto di possesso, anche se piano piano quello di puro utilizzo si sta facendo sempre più strada), oppure strategiche (ad esempio, in presenza di veicoli speciali o veicoli allestiti, la proprietà è ancora conveniente).

In quest’ultimo caso, la strada più “battuta” è quella dell’outsourcing attraverso la formula del Fleet Management, che può essere offerta da una società specializzata, oppure dalle stesse aziende di noleggio.

Manutenzione auto aziendale a noleggio

Ci sono però imprese con grandi flotte che hanno compiuto una scelta ancora diversa: ovvero quella di battezzare all’interno della propria realtà o del proprio gruppo un’azienda, il cui compito è quello di occuparsi, nello specifico, di tutte le operazioni legate alla gestione della flotta. Un insourcing che sa di outsourcing, in definitiva.

Leggi anche: quando e perché si sceglie il Fleet Management?

PICCOLE MEDIE IMPRESE E PROFESSIONISTI

Nel caso delle piccole e medie imprese e dei professionisti, la manutenzione dell’auto aziendale è maggiormente e strettamente legata alla relazione con l’officina di fiducia.

Se, come adesso accade con maggiore frequenza rispetto al passato, è il concessionario a offrire attivamente il noleggio, sarà quest’ultimo a occuparsi anche delle attività di manutenzione. Le piccole realtà aziendali, in altre parole, hanno tuttora forte necessità di un punto di riferimento sul territorio.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia