Maserati MC20 con il motore V6 delle meraviglie. Nel 2022 l’elettrica

Inaugura una nuova era, riporta Maserati alla produzione di un motore in prima persona e guarda alle corse. Maserati MC20 ha prestazioni elevatissime, frutto di una tecnica raffinata sotto il cofano

Nel nome racconta il dna e l’anno di un nuovo inizio. Maserati Corse 2020, semplicemente Maserati MC20. Era dai tempi della MC12 che a Modena non si cimentavano su un progetto di supercar a motore posteriore centrale, allora specializzato per le corse – l’omologazione stradale fu limitata a pochi esemplari, per necessità regolamentari -, dove seppe essere vincente.

Maserati MC20

MASERATI MC20

Alle corse, la MC20, riporterà il marchio, per l’occasione a presentare anche un nuovo logo del Tridente. Soprattutto, però, la segnala una creazione interamente fatta in casa, passata dallo sviluppo del Maserati Innovation Lab, con il 97% dei test dinamici effettuati ricorrendo a simulazioni, dalla creazione di un motore V6 biturbo ingegnerizzato e prodotto a Modena.

MOTORE DI MASERATI MC20

Ed è il punto focale della supercar, il V6 da 3 litri: Nettuno. Un nome per battezzare un propulsore innovativo e con tecnologie inedite per l’applicazione stradale.

Sviluppa ben 630 cavalli e 730 Nm di coppia motrice, è abbinato a un cambio 8 marce doppia frizione – due rapporti sono di overdrive, per aiutare a contenere consumi ed emissioni – e a un differenziale autobloccante meccanico (a richiesta, a controllo elettronico).

V6 NETTUNO, SU I CAVALLI ED EMISSIONI SOTTO CONTROLLO

Motore V6 Maserati MC20

Cos’ha di speciale il biturbo Nettuno? Tecnologie da corsa, la presenza di una doppia camera di combustione, una precamera con candela e iniettore nella quale la miscela aria-benzina viene compressa e innescata, per una diffusione poi in camera di combustione principale molto più omogenea per l’accensione supportata dalla seconda candela. Il tutto permette elevati valori di potenza specifica senza intaccare i consumi (ergo le emissioni). Il rendimento termico del motore è superiore, grazie alle maggiori turbolenze che si creano e l’omogeneità del fronte di fiamma.

PRESTAZIONI DI MASERATI MC20

Tecnicismi che, visto il modello, sono elementi essenziali per arrivare al riassunto delle prestazioni, elevatissime. Maserati MC20 dichiara una velocità massima di oltre 325 km/h, l’accelerazione da 0 a 100 km/h è inferiore ai 2”9 e bastano 8”8 per toccare i 200 orari. Non meno clamoroso è il dato della potenza specifica del motore V6 3 litri: 210 cavalli/litro.

MASERATI MC20: COUPÉ, SPIDER ED ELETTRICA

Coupé due posti, nasce su un telaio in fibra di carbonio, vasca abitacolo alla quale si collegano le strutture del motore e delle sospensioni – con possibilità di sistema a controllo elettro-idraulico di sollevamento dell’asse anteriore di 50 mm, fino a 40 km/h, per superare le asperità stradali –.

Prestazioni di Maserati MC20

Un telaio che sarà identico per MC20 coupé, MC20 Spider e la MC20 elettrica, il cui debutto avverrà nel 2021. A variare saranno le fibre e la disposizione delle pelli, per ricercare differenti caratteristiche, che siano una rigidità superiore nel caso della Spider – con tetto asportabile, presentazione nel 2021 – o la protezione extra del pacco batterie sull’elettrica.

Leggi anche: Ghibli Hybrid, il primo passo Maserati verso l’elettrificazione

I TRATTI DEL DESIGN

Il design è un registrare linee molto pulite, prive di appendici aerodinamiche visibili. Il muso proteso in avanti, con la griglia ovale, richiamo alle Maserati da corsa del passato. La prestazione, l’aderenza necessaria, arrivano dalla gestione dei flussi d’aria nel sottoscocca, dove il fondo (dotato di appendici e canalizzazioni) accelera l’aria – sfruttando anche quella calda delle masse radianti – e dall’estrattore posteriore si crea la differenza di pressione rispetto all’aria che scorre sulla carrozzeria, generando il carico verticale che incolla l’auto all’asfalto.

Dettaglio centrale dello stile, che diventa funzione nella migliore accessibilità offerta a bordo, sono le portiere con apertura “a farfalla”, incernierate alla base del montante anteriore.

INTERNI, ATTENZIONI DA GT

Interni di Maserati MC20

I 1.500 kg di peso sono un valore che suggerisce come Maserati MC20 sappia produrre prestazioni estreme (2,55 kg/cv il rapporto peso-potenza) senza sacrificare aspetti di comfort da granturismo.

L’abitacolo è un abbinare materiali tecnici come la fibra di carbonio a vista con i rivestimenti in pelle e in Alcantara. Due schermi da 10,25 pollici svolgono le funzioni di strumentazione digitale e infotainment.

Leggi anche: Ghibli, Levante e Quattroporte: Maserati riparte al fianco delle flotte

Il Maserati Intelligent Assistant ha un sistema Android Automotive e prevede una serie di funzioni connesse Maserati Connect, gestibili da remoto – la app è sia per smartphone che smartwatch -. Inoltre, non manca la navigazione connessa, l’hotspot wifi, il caricatore wireless, l’assistente personale Alexa. “Digitalizzazione” che interessa anche lo specchietto retrovisore, con le immagini riprese dalla camera posteriore a sostituire il classico specchietto.

Cambio di Maserati MC20

Al touchscreen si affianca un comando fisico cruciale: il manettino delle modalità di guida, dalle quali variare l’indole della MC20: modo GT, modo Wet, Sport, Corsa, fino a un ESC Off che disattiva i controlli elettronici e rimette nelle mani del pilota l’intero potenziale dell’insieme motore-cambio-assetto.

Leggi anche: Levante Trofeo e GTS, il test del super-suv

L’AVVIO DELLA PRODUZIONE

Il corpo vettura compatto – le dimensioni sono di 4,67 metri in lunghezza, per 1,96 in larghezza e 1,22 metri in altezza – poggia su cerchi da 20 pollici e potrà scegliersi in 6 colorazioni, ciascuna con un accostamento specifico: Bianco Audace richiama la Maserati Birdcage, Giallo Genio è un omaggio ai colori della città di Modena, Rosso Vincente si ispira alla Maserati Tipo 26, Blu Infinito alla MC12, Grigio Austero si rifà alla concept Maserati Alfieri, il Nero Enigma è un nero assoluto che esalta la sfumatura granturismo della supercar.

La produzione inizierà, nella nuova linea approntata presso lo stabilimento di Modena, a fine anno. Le prenotazioni sono già aperte.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia