24 Maggio 2019

Quali sono le prospettive del mercato auto? L’opinione dei top dealer

A Automotive Dealer Day 2019 si è parlato approfonditamente di trend del mercato dell’auto: a questo proposito il 2019 sta avendo un andamento altalenante: tra i fattori, una maggiore incertezza economica e il provvedimento del bonus malus, che ha generato confusione. Ecco l’opinione di tre importanti dealer.

Il mercato dell’auto nel 2019 sta avendo un trend molto altalenante. Il mese di aprile è stato positivo, ma, in generale, nei primi quattro mesi dell’anno c’è stato un calo rispetto allo stesso periodo del 2018 (leggi gli ultimi dati).

C’è da preoccuparsi? Quali sono i fattori che hanno determinato questo delta negativo? Per approfondire questi temi di grande importanza all’ultima edizione di Automotive Dealer Day, che ha ospitato anche un intervento del vicepremier Matteo Salvini, abbiamo interpellato alcuni top dealer.

mercato auto opinione top dealer

MERCATO DELL’AUTO: IL RUOLO NEGATIVO DEL BONUS MALUS

“Ci sono stati anni in cui si prevedeva un mercato da 2,5 milioni di unità e poi, in realtà, abbiamo chiuso a 1,7 unità, e anni in cui è successo il contrario. Le variabili che condizionano il mercato sono tante – sottolinea Plinio Vanini, presidente di Autotorino, il più grande gruppo italiano nel mondo della distribuzione automobilistica – Ricordo che il 5% di calo di mercato rappresenta una diminuzione del 0,14% del PIL nazionale.

Un danno occupazionale non da poco, “visto che ci sono circa 1 milione 100mila addetti che lavorano nell’automotive. Serve quindi grande attenzione. Detto questo, da gennaio a oggi il trend è stato negativo: lo avevamo previsto dato che il bonus malus ha creato molta confusione, mettendo in crisi il sistema”.

Leggi anche: come far crescere il settore auto? L’opinione di Plinio Vanini

DEFISCALIZZAZIONE NECESSARIA

Il bonus malus non sarà una soluzione anche secondo Nicola Maldarizzi, Innovation & development manager del Gruppo Maldarizzi, mentre lo sarebbe la totale detraibilità dell’Iva sulle auto aziendali promessa da Salvini. “La defiscalizzazione sulle auto aziendali andrebbe a impattare su buona parte della popolazione italiana, che possiede la Partita Iva. Quindi, darebbe una spinta al nostro settore, anche e soprattutto alle aziende” spiega Maldarizzi.

Il calo delle auto immatricolazioni, invece, altro trend del 2019, non è sintomo necessariamente di un mercato più sano. “Le auto immatricolazioni sono in calo, ma è in calo anche il mercato” aggiunge il dealer.

Leggi anche: le parole di Matteo Salvini a Automotive Dealer Day 2019

mercato auto concessionari italiani

MERCATO STABILE

Un altro fattore che sta incidendo sui dati del mercato dell’auto è il calo del diesel, determinato anche e soprattutto dalle campagne negative nate attorno a questa alimentazione. Oreste Ruggeri, titolare dell’omonima concessionaria a Rimini spiega che, specie nelle grandi città, tutto questo si è sentito in maniera importante.

Leggi anche: ecco perché oggi conviene ancora comprare il diesel

I numeri, però, non sono poi così negativi. “Vedo un mercato stabile, dopo la ripresa degli ultimi anni, che è stata fisiologica. Quest’anno ci sarà un segno meno, ma certamente non a doppia cifra”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia