Mercato auto: a novembre +2,05% per merito di noleggio e auto-immatricolazioni

Il mercato dell’auto a novembre ha confermato il trend positivo di ottobre: il settore del nuovo ha fatto segnare un +2,05%. Benissimo il noleggio a lungo termine, anche per effetto delle notizie sulla tassazione delle auto aziendali, ma anche le auto-immatricolazioni hanno avuto un ruolo decisivo.

Un novembre positivo per il mercato dell’auto. Almeno per le vetture. Dopo settembre e ottobre (leggi i dati), anche l’ultimo mese, testimonia Dataforce, ha fatto segnare una crescita del +2,05%. Le immatricolazioni sono state 150.594, contro le 147.571 del novembre precedente.

mercato dell'auto novembre 2019

All’incremento hanno contribuito il mese eccezionale vissuto dal noleggio a lungo termine (+48.84%) e la crescita del noleggio a breve termine (+19,63%), mentre le auto-immatricolazioni dei dealer sono cresciute del +24,45% e quelle dei Costruttori risultato addirittura più che triplicate rispetto al novembre 2018. Dataforce prevede una chiusura dell’anno a 1,9 milioni di unità.

Approfondisci: perché il noleggio a lungo termine conviene?  

LA CORSA DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE

Le immatricolazioni ai privati, da inizio anno a oggi, hanno fatto segnare un +0,54%, pari a quasi 5.500 vetture in più. A novembre, però, non hanno mostrato un andamento brillante. Grandissimo risultato, invece, per il noleggio a lungo termine, cresciuto di quasi il 50% rispetto allo stesso mese del 2018.

Il comparto ha immatricolato oltre 27mila vetture, contro le 18mila di un anno fa. La crescita ha riguardato sia le captive (cioè le società controllate dai Costruttori), che hanno addirittura fatto segnare un +125,85%, sia le generaliste Top, con +10,27% (fonte: Dataforce).

noleggio a lungo termine novembre 2019

I risultati ottenuti sono l’ennesima dimostrazione di un comparto in salute e, in parte, sono dovuti anche ai timori generati dall’aumento della tassazione dell’auto aziendale ipotizzato dalla bozza della Legge di Bilancio, che potrebbe entrare in vigore nel 2020 (anche se il Governo ha promesso che non ci sarà la stangata inizialmente prevista). Le notizie, seppur non ancora confermate, hanno spinto ad anticipare le nuove immatricolazioni, per evitare problemi con l’arrivo del nuovo anno. Tornano contemporaneamente a salire sia le auto-immatricolazioni dei concessionari (4.333 auto in più), sia quelle delle Case, che passano da 1.007 a 4.555.

ALIMENTAZIONI: OK ELETTRICHE E IBRIDE

In tema di alimentazioni, il mercato dell’auto di novembre ha fatto segnare l’ennesimo calo delle auto diesel (-16,29%), mentre le auto a benzina sono cresciute del +13,2%.

Leggi anche: ibrido e elettrico, quale è il trend dei valori residui?

Tra le alimentazioni alternative, bene il metano (che ha raddoppiato i suoi numeri) e le auto elettriche, che sono cresciute in maniera consistente (+111% pari a 615 unità in più), un risultato indipendente dal bonus. Anche le auto ibride hanno ottenuto un incremento del 45%, con 11.703 unità.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia