5 Ottobre 2017

Mercedes Classe S restyling alza l’asticella del comfort e sicurezza [VIDEO]

Le ammiraglie hanno da sempre traghettato il comparto automotive e Mercedes-Benz non si è fatta attendere nella risposta, ecco la Mercedes Classe S restyling.

Per mantenere e consolidare la posizione di leader nel club, la casa della Stella ha introdotto 6.500 modifiche rispetto alla versione precedente. Quando parliamo di leadership intendiamo dal 2013 ad oggi 300mila unità vendute e 4 milioni dal 1972, primo anno della sua apparizione sulla scena.

MERCEDES CLASSE S RESTYLING PRIMO CONTATTO

A prima vista

La Classe S restyling si presenta con la solita versione più plebea a passo corto, si fa per dire visto i 5,12 metri, accompagnata da quella “lunga” da 5,25 metri che non rappresenta comunque il top di gamma della casa di Stoccarda.

Approfondisci: l’avanzata guida autonoma della Classe S

Oltre ci sono le Maybach da 5,42 metri e la reale Pullman lunga 6,5 metri, veicoli per i sceicchi o per la nuova aristocrazia cinese che pesa ormai sul 30% delle vendite e per il 60% sulle vendite della Maybach

Frontale della nuova Mercedes Classe S

Per quanto riguarda il design esterno cambiano i paraurti e i fari anteriori, ora dotati di un triplo sopracciglio e di proiettori Led Multibeam che arrivano ad illuminare fino a 650 metri.

Internamente dominano la plancia tipo flat TV, con due display da 12,3 pollici affiancati, i servizi Concierge (gratuito il primo anno) e il pacchetto di guida Intelligent Drive.

Leggi anche: Classe S coupè e cabriolet a Francoforte

Altra novità degna di un’ammiraglia di questo livello è l’Energizing Comfort, una sorta di programma di benessere per rendere ancora più comodo e sofisticato viaggiare sulla Classe S.

Come va su strada?

La Mercedes Classe S restyling segna il ritorno dei 6 cilindri in linea sulle Mercedes, che fanno parte della stessa famiglia dei 4 cilindri visti sulla Classe E.

Il 3 litri a benzina con turbo elettrico e motogeneratore incorporato da 435 CV e il diesel 2.9 da 286 CV o 340 CV che ne fanno il motore ad autoaccensione più potente mai montato su una Mercedes. Novità anche per i V8: via il 4.7 e largo al 4 litri biturbo da 469 CV.

Plancia della Mercedes Classe S

La motorizzazione più richiesta sarà sicuramente il diesel, la stessa che abbiamo provato nel test di primo contatto. Sulla carta, e vi confermiamo anche dal vivo, è una forza: il cronometro segna da 0-100 km/h in 5,2 s., e ci arriva, anche grazie alla precisione del cambio a 9 rapporti, in modalità morbida e pieno di coppia a tutti i regimi (700 Nm tra 1.200 e 3.200 giri/min).

Approfondisci: il lusso nel noleggio

Su strada il comfort raggiunge livelli altissimi grazie anche alle sospensioni che inclinano l’auto in curva e si ammorbidiscono prima della sconnessioni.

Intelligent Drive più evoluto

Il pacchetto Intelligent Drive si evolve, ora tiene conto dei dati di navigazione tanto che l’auto rallenta prima di incroci e curve riuscendo a farne anche di raggio più ridotto rispetto a prima.

Ora il cambio di corsia, ovvero la possibilità di compiere una manovra di sorpasso completa, si aziona semplicemente attivando l’indicatore di direzione.

Posteriore della Nuova Classe S

La nuova Mercedes Classe S restyling riesce anche a mettere in atto la cosiddetta guida predittiva, che non serve solo ad evitare gli incidenti, ma anche a consumare ed inquinare meno.

Come si fa ad averla?

La Mercedes S400d costa 102.460 euro, e parliamo dell’allestimento di base Premium e della versione a passo corto a trazione posteriore. Basta passare alla Premium Plus 4Matic lunga e si balza a 115.860 euro.

Per avere la nuova Classe S conviene una formula di noleggio.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia