Mercedes EQ Power, la via dell’ibrido diesel amica delle flotte

Il sistema ibrido plug-in è alla terza generazione e si sviluppa con l’elettrificazione del cambio 9G-Tronic. L’abbinamento al motore diesel è specializzato per impieghi su lunghe distanze autostradali, l’elevata autonomia in elettrico un passe-partout per la mobilità urbana a zero emissioni

Tra le tante strade dell’elettrificazione, Mercedes esplora una via “insolita”: ibrido plug-in sì, ma non con il ricorso a una componente termica benzina, piuttosto, diesel.

Ibrido diesel Mercedes EQ power CLasse E

IBRIDO PLUG-IN MERCEDES ATTO TERZO

L’abbinata strizza l’occhio a efficienza, consumi e beneficia dei vantaggi del motore diesel sulle lunghe distanze autostradali. È il volto alternativo di EQ Power di terza generazione, proposto su Mercedes Classe E berlina e station wagon e la corrispondente gamma Classe C.

“300 de” la sigla dell’ibrido plug-in a gasolio; C o E, forma e spazio della sostanza tecnica.

Autonomia Ibrido diesel Mercedes EQ power

Il sistema si sviluppa attraverso componenti ad alta efficienza (emissioni di Co2 tra 42 e 38 g/km su E300 de berlina; 44 g/km su E300 de station; consumi dichiarati in 1,6 lt/100 km nel ciclo misto), a partire dal motore turbodiesel 4 cilindri 2 litri di ultima generazione, di per sé con un carico di novità tecniche buone a renderlo un motore già in linea con la normativa RDE in altre applicazioni su modelli Mercedes. Ai 194 cavalli e 400 Nm si abbina l’elettrificazione della trasmissione.

L’AUTOMATICO ELETTRIFICATO

Ibrido diesel Mercedes EQ power cambio 9 marce

Il cuore ibrido, infatti, si realizza nel cambio automatico 9G-Tronic, con vantaggi diretti sulla riduzione degli ingombri. Cambio al cui interno è installato il motogeneratore elettrico sviluppato da Mercedes e Bosch, con statore e rotore che si “inseriscono” nella linea di trasmissione della potenza mediante una frizione di disaccoppiamento.

Approfondisci: Come va E 300 de? 7 giorni al volante dell’ibrido diesel

Il supporto dell’elettrico è di 122 cavalli e 440 Nm, per un sistema complessivamente da 225 cavalli e 700 Nm. Efficienza, attenzione per l’ambiente, senza rinunciare a prestazioni da stradista di gran livello: 250 orari e 5”6 in accelerazione sono una solida testimonianza.

Mercedes EQ power C 300 de

L’energia necessaria ad alimentare il motore elettrico è fornita da un pacco batterie agli ioni di litio, installato nella zona posteriore di Classe C e Classe E: i 13,5 kWh di capacità permettono di coprire fino a 50 km in elettrico.

Leggi anche: Classe C, un futuro con ADAS da ammiraglia

La componente elettrica può leggersi come un passe-partout nelle aree urbane, dove guidare a zero emissioni, rispetto ai valori già da record di un motore diesel moderno e pulito.

IL CONTRIBUTO DEL NAVIGATORE E DEGLI ADAS

Il funzionamento dell’ibrido plug-in sviluppato da Mercedes, terza generazione che è presente anche nella applicazioni su Classe S e Mercedes GLE – per dire di modelli nei segmenti superiori – non si limita a un elenco di organi meccanici ad alta efficienza.

Recupero energia Ibrido diesel Mercedes EQ power

C’è di più, ovvero, una gestione elettronica avanzata delle diverse fonti d’energia, che coinvolge i dati del navigatore satellitare e i sensori dei dispositivi di assistenza alla guida. Detto di come sia possibile gestire manualmente l’utilizzo del motore elettrico e la ricarica – impostando la modalità di guida E-Modus (per una mobilità a zero emissioni), la Charge per forzare la ricarica del pacco batterie o, ancora, la E-Save per preservare la carica della batteria e guidare esclusivamente con l’apporto del motore diesel – l’approfondimento cruciale sul funzionamento dell’ibrido plug-in Mercedes ruota intorno a Eco Assist.

Leggi anche: L’ibrido plug-in sale a bordo di nuova GLE, maxi autonomia

L’elettronica simula in tempo reale gli scenari di guida sulla base dei dati ottenuti dal navigatore. Così, la presenza di curve, tratti in discesa, incroci o rotatoie, diventa un modificare la gestione energetica.

Quando privilegiare il veleggiamento dell’auto anziché il recupero energetico? Eco Assist esamina i parametri elencati, li incrocia con i limiti di velocità registrati dalle telecamere degli ADAS e la distanza dagli altri veicoli, calcola nella scelta della strategia ottimale la carica residua del pacco batterie e il traffico, per arrivare alla scelta tra attuazione del recupero d’energia o coasting.

ACCELERATORE E HUD CONSIGLIANO IL DRIVER

Funzionamento Ibrido diesel Mercedes EQ power

Dal posto di guida non ci si accorge di nulla dell’integrazione di diverse strategie di funzionamento. O meglio, il sistema è avanzato al punto da comunicare con il guidatore e suggerire il rilascio del pedale del gas attraverso l’acceleratore “aptico” e indicazioni nella strumentazione e l’head up display sull’opportunità di sollevare il piede dall’acceleratore.

Perché si sta per affrontare una discesa o per la presenza di un incrocio. Un feedback percepibile sotto al piede destro istintivamente lega la “resistenza” percepita sull’acceleratore come una richiesta di rilascio. Ciò non esclude la possibilità di superare il suggerimento dell’Eco Assist e sfruttare appieno il sistema ibrido.

È il plug-in destinato ai macinatori di lunghe percorrenze e i suggerimenti dell’Eco Assist sullo stile di guida vengono tradotti in chilometri e tempo nei quali si è guidato a motore spento, grazie all’utilizzo del veleggiamento sull’abbrivio guadagnato.

RICARICA ESTERNA, WALLBOX TWIN PER LE FLOTTE

Ricarica ibrido diesel Mercedes

La terza generazione dell’ibrido plug-in Mercedes, oltre alla specificità del nuovo motore turbodiesel, del motogeneratore integrato nella trasmissione e del caricatore di bordo da 7,2 kW (potenza doppia rispetto al passato), è tale anche per la composizione chimica delle celle del pacco batterie, assemblato da Accumotive, branca di Mercedes. La composizione in litio-nichel-manganese-cobalto ha permesso di incrementare la densità energetica a 37 Ah.

Leggi anche: Mercedes EQC, 10 segreti del primo suv elettrico della Stella

Al fronte batteria si lega una componente essenziale dell’equazione ibrida plug-in: la ricarica esterna. Detto dei tempi necessari con l’utilizzo dalla presa domestica a 230 volt, (7 ore per una carica completa), l’approfondimento va sull’offerta di Wallbox Mercedes.

Ibrido diesel Mercedes EQ power Classe C

Ai tempi di ricarica ridotti da 7 a 2 ore, grazie alla potenza di 22 kW della postazione domestica e aziendale, si somma una soluzione connessa e particolarmente utile nella gestione di più veicoli assegnati a diversi utenti, come può essere il caso di una flotta di ibride diesel. Operazioni di controllo e gestione delle operazioni di ricarica possibili via app.

Tanto la soluzione Wallbox Advanced che la WallboxTwin, alternative al dispositivo standard, prevedono il controllo dell’accesso alla postazione di ricarica e il contatore di corrente erogata. Caratteristica specifica del sistema Twin è la possibilità di collegare due veicoli contemporaneamente, ciascuno a ricevere la massima potenza di ricarica, dimezzando quindi i tempi di ricarica. C’è di più, vista l’opzione di un’installazione semplificata, fino a 15 Wallbox insieme, che condividono la potenza di ricarica e offrono la possibilità di creare una multi-postazione di “rifornimento” elettrico.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia