Mercedes EQA, proiezione elettrica di GLA

La gamma di elettriche Mercedes EQ si amplia con un suv compatto. EQA 250 debutta con la configurazione due ruote motrici e un solo motore elettrico, in Edition 1 con contenuti specifici nei primi 12 mesi di commercializzazoine

Ispirata – e qualcosa in più – da GLA, l’espansione elettrica Mercedes EQ prosegue con il passaggio di un suv compatto a batteria, con Mercedes EQA. L’uscita sul mercato è programmata nel corso della prossima primavera, quando si farà guidare nella versione EQA 250, una proposta a trazione anteriore, con un singolo motore elettrico, aspettando un ampliamento dell’offerta che andrà oltre.

Mercedes EQA

MERCEDES EQA

Andrà, ad esempio, a presentare una EQA 4Matic, sigla storicamente delle quattro ruote motrici Mercedes, interpretate con due motori elettrici e una potenza di 272 cavalli. Si posiziona sui 190 cavalli e 375 Nm di coppia, invece, il modello d’esordio, caratteristiche tecniche che proseguono con la presenza della batteria da 66,5 kWh, energia sufficiente per coprire fino a 426 km, nel ciclo combinato WLTP.

Del suv compatto GLA (scopri come si comporta su strada), Mercedes EQA ha le dimensioni (4,46 metri di lunghezza) i contenuti connessi del sistema MBUX, un assistente personale già noto per l’autoapprendimento delle abitudini di guidatore e passeggeri, per la declinazione in due varianti: strumentazione da 7 pollici e multimedialità idem, oppure nella configurazione MBUX Widescreen con due schermi ciascuno da 10,25 pollici. 

MBUX, NAVIGATORE CON INTELLIGENZA ELETTRICA

L’infotainment integra un sistema di navigazione evoluto, ritagliato sulle esigenze della mobilità elettrica. Con l’Electric Intelligence, infatti, l’elettronica effettua simulazioni in tempo reale per pianificare – sulla base della cartografia, i limiti di velocità, il traffico su strada, il meteo – il percorso ottimale valutando l’autonomia residua e le postazioni di ricarica presenti lungo il percorso, stimando i tempi necessari anche alla ricarica.

Le specificità di Mercedes EQA sono anche nel design, nella riscrittura della calandra e dei gruppi ottici, anteriori e posteriori. Fari full led High Performance con abbaglianti adattivi, dotazione di serie anche su una Edition 1 che andrà su strada quale edizione speciale nei primi 12 mesi di commercializzazione, accanto alle versioni Progressive, Electric Art e AMG Line. 

Leggi anche: Non solo EQA, tutte le novità Mercedes in arrivo

Altri particolari di serie su EQA Edition 1 sono i sedili in pelle traforata, i cerchi da 18 pollici color rame, il sistema MBUX Widescreen, proseguendo con il portellone ad apertura e chiusura elettrica.

RICARICA, MERCEDES ME CHARGE E L’ENERGIA VERDE

Tra i programmi di ampliamento futuro dell’offerta rientra una versione di EQA con batteria in grado di garantire più di 500 km di autonomia, contro i 426 km della EQA 250. Al pari degli altri modelli Mercedes EQ, è prevista la possibilità di sottoscrivere il servizio Mercedes me Charge, che dà accesso a più di 175 mila punti di ricarica in tutta Europa, accedendo e pagando l’operazione con un’unica card indipendentemente dal gestore della stazione di ricarica. 

Approfondisci: Mercedes me Eco Coach, così impari a guidare green

tempi di ricarica di Mercedes EQA

In un’ottica di trasparenza green, Mercedes ha comunicato come l’equivalente di energia ricaricata durante le operazioni verrà compensato con l’immissione sulla rete di energia elettrica ottenuta da fondi rinnovabili. Una misura di “garanzia” per i clienti, di sostenibilità reale nell’utilizzo del veicolo, vista l’impossibilità di certificare l’impiego di energia verde su tutti i gestori delle stazioni di ricarica.

TEMPI DI RICARICA, IL WALLBOX SOLUZIONE IDEALE

La formula suv compatto conserva la funzionalità di una posizione di guida rialzata, una luce libera da terra di 20 centimetri e un bagagliaio da 340 litri. Mentre in chiave comfort a bordo, non mancano i programmi Energizing, funzioni massaggio e luce ambientale integrati, per proseguire con un climatizzatore a pompa di calore, che fa ricorso al calore dissipato dai sistemi di gestione termica della batteria.

Leggi anche: Mercedes GLA, perché è ideale per le flotte

Una batteria i cui tempi di ricarica oscillano tra i 30 minuti dalle postazioni a corrente continua, rapide, da 100 kW, e le 5 ore e 45 minuti necessarie utilizzando il caricatore di bordo da 11 kW e collegando EQA a una postazione a corrente alternata.

ricarica di Mercedes EQA

Prestazioni di ricarica alle quali sommare le prestazioni velocistiche, descritte dai 160 km/h di velocità massima e dagli 8”9 dichiarati in accelerazione da 0 a 100 orari. Un valore sul quale incide la massa dichiarata in 2.040 kg. Vale dire, ancora, del sistema di gestione termica della batteria, poiché la piastra di raffreddamento/riscaldamento posta sotto i moduli della batteria fa sì che operi sempre alla temperatura ottimale, anche quando sono previsti passaggi da postazioni di ricarica. Così si supera la dispersione di energia e tempo, necessari a portare la temperatura al valore corretto prima dell’operazione di ricarica.

RECUPERO D’ENERGIA, IN ECO È TUTTO AUTOMATICO

Guidare EQA sarà trovare gli Adas di GLA, i supporti del Distronic, della frenata con rilevamento di pedoni e ciclisti, del parcheggio automatizzato e della creazione di un “corridoio di sicurezza” se necessario, in caso di fila rilevata dalla camera frontale e dai sensori. Guidare EQA sarà un’esperienza specifica per le modalità di recupero energetico previste.

interni Mercedes EQA

Si spazia su 5 valori selezionabili, dall’automazione Eco, dove l’elettronica valuta quando attuare il veleggiamento e quando recuperare energia da destinare alla batteria, fino al massimo valore di rigenerazione. Condizione quest’ultima che assicura 140 kW di energia recuperata durante le decelerazioni. E l’assistenza dell’elettronica avviene a schermo o sull’head up display, indicando anche il “perché” di questa o quella strategia attuata in modalità Eco: perché con traffico in arrivo o perché si è prossimi a un incrocio. Un automatismo che rende partecipe il guidatore.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia