26 Ottobre 2016

Anche in Italia “Mid Term”, il noleggio medio termine Arval

Interseca, non solo sul piano temporale, le altre principali formule di car rental. Il direttore generale Grégoire Chové e il responsabile dell’area Tomaso Aguzzi hanno illustrato i punti di forza di “Mid Term”, il servizio di noleggio a medio termine Arval, arrivato – quale decimo Paese – in Italia dopo Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Spagna e Regno Unito.

Racchiuso entro i confini di tre aggettivi (flessibile, veloce e trasparente), copre da 1 a 24 mesi. Otto le categorie di mezzi rappresentati nella flotta. Due riguardano i veicoli commerciali.

UN NUOVO SERVIZIO “EMBLEMATICO”

“Il lancio ufficiale di Mid Term si inserisce nella Strategia Italia 2020 – ha rilevato in apertura di conferenza stampa il direttore generale di Arval Italia Grégoire Chové -. Incarna la nostra vision, garantire mobilità da 10 minuti a 10 anni. Secondo me introduce un cambio di prospettiva e di paradigma. Il passaggio dalla gestione della flotta a quella dei contratti. Dalle targhe agli user. Mid Term può essere considerato un prodotto emblematico di come Arval approccia il mercato”.

Progetto internazionale, scaturito dalla collaborazione tra varie “expertise”, si appoggia operativamente su una piattaforma informatica comune a tutti i Paesi in cui il servizio è ad oggi proposto.

VIDEO: TOMASO AGUZZI, DIRETTORE MID-TERM RENTAL – ARVAL ITALIA

UN’OFFERTA COMPLEMENTARE

Rivolto a driver impegnati in attività “a tempo determinato”, agli “expatriates” (coloro, cioè, che si trovano a operare temporaneamente in altro paese rispetto a quello d’origine), ai lavoratori in prova/”ad interim”/stagionali, o in caso di revisione delle car policy così come di picchi di richiesta, Mid Term di Arval Italia sarà proposto con due formule: Free e Easy.

La prima, a partire da 1 mese, prevede un canone costante mensile, chilometraggio illimitato, l’assenza di penali in caso di riconsegna anticipata, e l’accesso alla galassia di servizi della società di noleggio di proprietà del Gruppo BNP Paribas. Insomma, tanti benefici e nessun “committment”.

Caso che si pone invece con il secondo pacchetto, che scatta dal quarto mese, e che propone, tra gli altri, l’opzione del “serbatoio pieno” e un range compreso tra mille e 4mila km ogni 30 giorni.

GLI OBIETTIVI 2016 DI “MID TERM”

Avviato lo scorso mese di aprile, Mid Term si propone di raggiungere quota 10mila contratti entro fine anno. Sinora sono stati coinvolti 4.200 clienti della società e l’82% di loro si è dichiarato “molto soddisfatto” al momento della ripresa del mezzo. La durata media del car rental supera al momento i 5 mesi. Il tasso di crescita annuale preventivato è di oltre il 75%.

La sfida che si prospetta ora è di coinvolgere la clientela privata. Situazione che non si è profilata negli altri nove Paesi europei coperti dal progetto. Ci sono i margini e il tempo, stante anche la “atipicità” della piazza italiana, rilevata dal d.g. di Arval Italia, Grégoire Chové.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia