Missione Mobilità, evento a Roma per rilanciare l’auto

Si terrà a Roma il 21 e 22 giugno la seconda edizione di “Missione Mobilità”, manifestazione promossa da Amoer (Associazione per una Mobilità Equa e Responsabile) per rilanciare la mobilità su due e quattro ruote e protestare contro le continue vessazioni subite da questo settore (leggi anche gli effetti dellaumento dell’IVA sul mercato auto). Dopo il successo riscosso dalla prima edizione, tenutasi lo scorso anno a Torino, “Missione Mobilità” arriva nella capitale con un fitto programma di incontri tematici dove diverse realtà potranno confrontarsi: istituzioni, imprenditori, esperti del mondo scientifico e universitario, rappresentanti della filiera dell’auto e delle moto e anche semplici appassionati di motori. A titolo di esempio tra gli argomenti che saranno trattati in questa edizione figurano: “la denuncia della continua demonizzazione e vessazione fiscale del bene auto”, “il rilancio dell’intera filiera della mobilità come trampolino per una possibile ripresa economica e occupazionale” e “la riscoperta dei sentimenti di passione e libertà che da sempre i motori sanno evocare”.

 “L’auto, e la mobilità a motore più in generale – ha dichiarato Pierluigi Bonora, Presidente di Amoer – oggi si trovano tra due fuochi: da una parte la crisi economica e il conseguente calo dei consumi che la politica sembra incapace di arginare, dall’altro la crescente opera di vessazione dell’auto e dei suoi utilizzatori condotta su più fronti per celare ritardi infrastrutturali e inadempienze da parte delle istituzioni (leggi i dati sul mercato automotive di maggio). Tutto ciò sta spegnendo la passione per le quattro e le due ruote, soprattutto tra i più giovani, e le case auto devono impegnarsi a definire nuove strategie per interpretare al meglio i desideri delle nuove generazioni”.

“Il salvadanaio dell’auto si è rotto e il fisco non riesce a ricavarne i soldi sperati – ha spiegato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI – perché gli automobilisti non destinano più al proprio veicolo le poche risorse disponibili. La leva fiscale deve essere uno strumento di rilancio e non di oppressione per il settore, altrimenti non c’è futuro. Per ridurre l’esborso delle famiglie per la mobilità si può agire subito su due voci di spesa: carburante e assicurazione. Per esempio in materia di rc-auto, ACI ha mostrato alle istituzioni come intervenire con risparmi fino al 40% delle polizze per le famiglie senza costi per lo Stato”.

Per partecipare ai lavori, aperti al pubblico, e per ulteriori informazioni sul programma della manifestazione consultate il sito: http://www.missionemobilita.it/. L’evento è organizzato con il patrocinio di: Ministero dell’Ambiente, Ministero dello Sviluppo Economico, Consiglio Regionale del Lazio, Comune di Roma, ANCI e Automobile Club Italia. Tra i sostenitori di Missione Mobilità ci sono Federauto, Federchimica Assogasliquidi, ANCMA – EICMA, Bosch, BMW, FIAT, Ford, Nissan, Peugeot.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia