Dal 13 settembre il car sharing car2go diventa ancora più efficiente
 

Car sharing car2go: modifiche alle aree operative da settembre


C’è ancora tempo prima della loro entrata in vigore (è stata comunicata la data del 13 settembre), ma è meglio comunque iniziare a familiarizzare con i nuovi Termini e Condizioni Generali annunciati per il servizio di car sharing car2go in Italia.

A partire dai pacchetti per i noleggi di più lunga durata, sino al potenziamento della flotta, dove il numero complessivo di smart forfour a disposizione della clientela crescerà sino a toccare entro fine anno una quota pari al 50% del parco di vetture condivise circolante nel nostro Paese.

immagine generica per il servizio di car sharing car2go di Firenze

Il servizio che per primo ha introdotto il concetto di “flusso libero” (ossia, la possibilità di lasciare il mezzo dove risulti più comodo, senza bisogno di appoggiarsi a una specifica area di sosta o riportarlo là dove lo si è ritirato) rivedrà inoltre il perimetro delle aree operative nelle città di Roma, Firenze e Torino (nell’elenco si nota l’assenza di Milano, dove pure car2go ha debuttato nell’estate del 2013).

Leggi anche: La mobilità condivisa car2go guida la mobilità quotidiana nel mondo

UNA FLOTTA SEMPRE PIÙ AMPIA ED EFFICIENTE

Dal 13 settembre in poi gli utenti del car sharing tedesco (che nel capoluogo lombardo divide la piazza, tra gli altri, con la connazionale DriveNow di BMW Group e Sixt SE) potranno sperimentare ancor più i benefici economici di appoggiarsi per le proprie esigenze di mobilità a un veicolo diverso dal proprio.

Accanto alla tariffa standard saranno infatti introdotte formule orarie da 2, 4 e 6 ore, fino ad arrivare al noleggio del mezzo per l’intera giornata (24 ore). La scelta più confacente ai bisogni del cliente sarà opzionabile  al momento della prenotazione (da tempo, lo ricordiamo, sono sparite le tessere e l’intera procedura viene gestita direttamente online attraverso l’apposita App).

Leggi anche: car2go e aziende, un binomio sempre più stretto

La società sposa così la “flessibilità”, cercando di rispondere ancor più compiutamente alle necessità di una popolazione variegata per profilo anagrafico e in continua crescita.

Gianni Martino è il country manager per l'Italia della società di car sharing car2go“Il concetto di carsharing a flusso libero funziona in modo ottimale se e quando le auto vengono noleggiate più volte al giorno, in modo che siano i clienti stessi a distribuirle al meglio all’interno delle città”.

Con questa operazione di adeguamento abbiamo creato un migliore equilibrio tra la disponibilità dei veicoli e le richieste della stragrande maggioranza dei nostri clienti”.

(Gianni Martino, country manager car2go Italia)

LA SOLA MILANO AL MOMENTO NON COINVOLTA

Anche la scelta di rivedere la parte del tessuto metropolitano destinata alla circolazione della flotta intende sopperire ad alcune mancanze registrate in passato (carenza di mezzi in aree allora extra-operative, coperte male o per nulla da servizi di trasporto pubblico, dove la richiesta quindi si prospetta più alta rispetto al centro città).

car-sharing-car2go-nuova-flotta-2016

Vediamo però nello specifico come cambierà la situazione, esclusa Milano, nelle città italiane coperte dal servizio:

  • Roma: annullamento del costo per chi inizia il noleggio nelle zone di Via Aurelia e nella parte meridionale della capitale (dal PalaLottomatica a Via P. Stefanini/Corsi C. Levi), mentre per chi vi rilascia il veicolo è prevista una “drop-off fee”, una tariffa aggiuntiva pari a 1,90 euro;
  • Firenze: sovrapprezzo di 4,90 euro per la riconsegna del veicolo nelle aree di Scandicci, Osmannoro, Galluzzo, Polo Scientifico e Sesto Fiorentino. Ampliamento dei confini ad Est per la zona operativa di Prato (con contestuale riduzione però a Ovest), ma nessuna tariffa aggiuntiva prevista. Stop invece, dato lo scorso utilizzo, per Settignano e Campi Bisenzio;
  • Torino: abbandonate, perché sostanzialmente inutili, le prossimità rispetto all’Ikea di Colegno. Si segnala però che dal mese scorso gli stalli dell’ex car sharing comunale – una sessantina in tutto – potranno essere utilizzati per la sosta delle vetture smart in condivisione.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*