Multe stradali 2021: ecco cosa cambia

Quadro sostanzialmente invariato per gli importi delle multe stradali nel 2021 appena cominciato. Ci sarà un leggero calo (qualche euro) per quelle più salate. Nulla di significativo, ma la buona notizia è che, per la prima volta da tanto tempo, non sono previsti rincari.

In questo periodo dell’anno eravamo abituati a parlare di rincari delle multe stradali. Nel 2021 il quadro, fortunatamente, appare leggermente diverso dal solito.

multe stradali 2021

Il Decreto Legge Bilancio, pubblicato lo scorso 31 dicembre sulla Gazzetta Ufficiale, stabilisce che dal primo gennaio ci sono delle modifiche agli importi delle multe stradali. Nulla di rivoluzionario, per carità, ma per lo meno la scure degli aumenti, già sperimentata per le revisioni auto, non si abbatterà ulteriormente su chi verrà sanzionato per le classiche violazioni al Codice della Strada. Al contrario, ci saranno leggeri cali per le contravvenzioni più salate.

MULTE STRADALI 2021: CALI PER LE CONTRAVVENZIONI SALATE

Si tratta di un meccanismo naturale, in realtà. Una legge che risale all’inizio degli anni Novanta stabilisce infatti che gli importi delle multe stradali siano rivisti ogni due anni, a seconda della variazione (certificata dall’Istat) nell’ultimo biennio dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

multe stradali polizia municipale

Indice che, complice il Covid, si è abbassato, influendo positivamente sugli importi delle contravvenzioni. Non tutte le multe, però, saranno coinvolte in queste modifiche: i tagli riguarderanno soltanto le sanzioni dai 250 euro in su. Ovvero le infrazioni al Codice della Strada che richiedono usualmente un maggiore esborso all’automobilista. Si tratta, occorre sottolinearlo subito, di cali minimali, nell’ordine dello 0,2%, ovvero ogni 100 euro di multa verranno tagliati 20 centesimi.

Approfondisci: il quadro degli incentivi in vigore nel 2021

QUALCHE ESEMPIO CONCRETO

Quali multe stradali saranno coinvolte in questo provvedimento? Due esempi sono la sanzione per mancata copertura assicurativa, che passa 868 euro e 866 euro, e il superamento dei limiti di velocità di oltre 40 km/h: in caso di sforamento compreso tra 40 e 60 km/h si pagherà un euro in meno (543 euro, anziché 544), mentre per lo sforamento superiore ai 60 km/h  si va da 847 a 845 euro.

Nessuna modifica si registra invece per le sanzioni inferiori a 250 euro e per l’ordinamento sui punti della patente. In definitiva, quindi, i cambiamenti rispetto al 2020 non sono molti, in attesa della tanto auspicata e discussa revisione del Codice della Strada.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia