Il noleggio auto a breve termine si sposta in centro città

Per il Rent-a-car gli aeroporti rimangono importanti, ma la tendenza è aprire più agenzie in città, per accontentare al meglio la domanda interna.

Città e aeroporti richiamano tipologie diverse di clientela, in ogni caso presidiare il territorio è essenziale per chi fa noleggio auto a breve termine. Ne abbiamo parlato con alcuni dei principali rappresentanti del Rent-a-car in Italia.

Citytech 2017 città

Emerge che, oltre agli aeroporti, il noleggio a breve termine si sta affermando sempre più anche in ambito cittadino. Ciò è vero soprattutto nelle città che non hanno aeroporti con un peso specifico particolarmente importante, ad esempio Firenze o Bologna. È diversa anche le tipologie di clientela, semplificando:

  • In aeroporto: clientela più legata a viaggi e turismo, composta da stranieri, meno fidelizzata
  • Downtown: clientela più legata al business, italiana e fidelizzata

“Il traffico sui punti aeroportuali è sempre molto intenso, più rivolto al target straniero soprattutto su alcuni specifici scali, Roma Fiumicino ad esempio è uno di quelli”, commenta Massimiliano Archiapatti, direttore generale e Ad di Hertz.

Leggi anche: Noleggio a breve termine: come è andato il 2019?

noleggio a breve termine come funziona

PERCHÉ LE CITTÀ SONO IMPORTANTI

Come ricorda Stefano Gargiulo, Md di Europcar Mobility Group Italia, una vettura viene lasciata parcheggiata in media il 95% della sua vita; il mercato della mobilità si è adeguato a questo trend con un’offerta di servizi che rappresentano un’alternativa all’auto di proprietà: “In questo scenario il nostro progetto di sviluppo degli uffici cittadini diventa strategico. A tendere l’obiettivo è quello di trasformare le stazioni di noleggio in veri e propri Store di Mobilità capaci di rispondere in maniera dedicata alla domanda espressa in un particolare territorio, anche in virtù dei rapporti di fiducia che sono in grado di sviluppare con una clientela abituale fatta soprattutto di professionisti e PMI.

Commenta Tommaso Dragotto, presidente di Sicily by Car: “Il Rac si sta sviluppando anche al di fuori delle zone aeroportuali. Infatti Sicily by Car ha provveduto ad aprire nuovi uffici anche nelle stazioni e nelle città, come a Roma dove ne abbiamo tre nell’area metropolitana. Guardiamo la situazione con lungimiranza e sappiamo che il futuro richiederà una presenza sempre più massiva in città”.

DUE CANALI STRATEGICI

La crescita del Rac avviene sempre seguendo questi due canali, non dimenticando le principali stazioni ferroviarie: “Da tempo offriamo i nostri servizi di noleggio negli aeroporti di tutta Italia. Allo stesso modo, gli uffici di noleggio nelle stazioni sono importanti per Avis, in linea con lo sviluppo dell’alta velocità. Il nostro network cittadino è in netta crescita come risultato di una naturale conseguenza dell’aumento della domanda e delle esigenze di mobilità della clientela domestica”, spiega Gianluca Testa, Managing Director, Southern Region, Avis Budget Group. 

Anche Locauto punta all’ampliamento della rete, che ha raggiunto e superato i 50 uffici di noleggio in tutta Italia: “Una diffusione sempre più capillare soprattutto all’interno delle città, come nel caso del settimo ufficio di noleggio a Roma o l’apertura di Imperia, Cosenza, Matera e prossimamente Perugia e Napoli, città strategiche per lo sviluppo dei segmenti corporate e furgoni”, conclude Raffaella Tavazza, vice presidente di Locauto.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia